Once Upon A Time | Recensione 1×01 – Pilot

Stavamo aspettando qualcosa di originale, fuori dagli schemi, con un cast azzeccato e frasi su cui riflettere a fine puntata: ABC ci ha regalato Once Upon a Time, che ha debuttato il 23 ottobre ed é già riuscito ad incantare il suo pubblico.

Sarò onesta con voi: il palinsesto americano di questo autunno non mi ha entusiasmata. A parte un paio di serie piacevoli da guardare, e un altro paio con una trama tutto sommato interessante, non si può di certo urlare al successo.
Forse potrei ricredermi…

La serie di cui vi sto per parlare é quella che, personalmente, stavo aspettando con più ansia. Il trailer mi lasciava qualche dubbio, ma anche solo l’idea di un telefilm basato sul mondo delle fiabe (e non come “Grimm”, dai toni crime, ma un bel fantasy in tutto tondo!) mi eccitava da morire. Ora vi spiego il perché.

Prendete un ragazzino super adorabile e mandatelo a cercare la sua madre biologica. Troverà Emma Swan, una Jennifer Morrison che dal lavorare a fianco di House si é data all’inseguire i criminali in tacchi e minigonna.
La bella quanto scorbutica ragazza non é però la normale persona che crediamo essere: ha invece l’onorevole ruolo di figlia di Biancaneve e il Principe Azzurro, sì, proprio loro, quelli delle videocassette che avete guardato così tante volte da piccoli da averle consumate.
Ma cosa ci fa un personaggio tanto importante in una caotica Boston prima, e in una desolata Storybrooke poi? Ce l’hanno mandata i genitori (tramite un misterioso congegno, una specie di ascensore di legno) per salvarla (e salvare le loro future chiappe) dalla maledizione della Strega cattiva.
Eh sì, perché ci sono proprio tutti, in questa serie che passa metà del tempo nel nostro mondo, e metà in quello delle fiabe. Oltre ai già citati personaggi, troviamo il Grillo Parlante, Geppetto con Pinocchio, Tremotino (che non ho idea di chi sia, ma pare essere di una storia non arrivata da noi) e pure Cappuccetto Rosso versione sexy adolescente ribelle (ecco cosa fa la realtà ai nostri veri e puri spiriti!).
Per un’oscura ragione, la Strega e Regina cattiva (nella nostro mondo sindaco della città, e madre adottiva del piccolo Henry) ce l’ha a morte con tutti i personaggi delle fiabe, e quindi, come ho accennato prima, manda un’ondata arcobaleno (ah no aspè, quello era il bacio che risveglia Biancaneve, qui parliamo di fumi violacei) sull’intera landa magica, facendo finire chiunque (sé stessa compresa) nel nostro mondo.
Peccato che nessuno si ricordi della propria vera identità: ecco spiegato l’arrivo di Emma, che sblocca lo scorrere del tempo in quel di Storybrooke e di conseguenza (si spera) anche la memoria dei malcapitati (tra Biancaneve/Mary che fa l’insegnante ma sembra una suora, il Principe/Josh che é in coma, il Grillo che fa lo strizzacervelli… ce n’è proprio bisogno!).

I 45 minuti di visione volano in un soffio, perché é impossibile non farsi coinvolgere dal visino tenero di Henry che cerca di convincere tanto Emma quanto te che i suoi racconti sono reali (e piano piano cominci a chiederti: ma io, in questa storia, che personaggio sono?).
L’equilibrio tra i due mondi é delicato ma ben fatto, ed é sempre divertente osservarne somiglianze e differenze.
Certo, le domande da porsi sono molte: Cosa ha portato la regina a lanciare la maledizione? Cosa ci guadagna, dal momento che non sembra poi tanto felice nel nostro mondo (e vorrei ben dire)? Come fa Henry ad aver scoperto la verità sul mondo delle fiabe? Come farà Emma a far ricordare ai vari personaggi la loro vera natura?
Non ci resta che aspettare la prossima puntata e lasciarci trascinare in questo mondo… o in uno dei due, se non altro.

6 comments
  1. se devo essere sincero, dopo aver letto la trama e visto i trailer, non ero molto convinto che questa serie mi sarebbe piaciuta. Mi sbagliavo! Dal pilot sembra davvero un ottimo prodotto, sicuramente uno dei migliori della stagione (che a me non sembra per niente scarsa, anzi…) Speriamo che continui su questi livelli!

  2. a dir la verità, non avevo guardato nulla a riguardo su questa serie… ho visto il pilot senza sapere di cosa trattasse e devo dire che è il migliore che abbia mai visto… il genere fiabesco così cupo, che ricorda, per lo meno a me che ne ho lette varie, le storie originali dei fratelli Grimm 🙂 potrebbe diventare la setie che più mi appassionerà questa stagione, e lo spero tanto 🙂 si si
    per quanto riguarda gli attori/personaggi… il principe *__* è come quello delle fiabeeeeeeeeeeeeee si!!!!! per non parlare di Henry, cioè come si fa a non voler già bene a un bimbo così? non si puòò.. aspetto con ansia il secondo episodio!!

  3. La storia di Tremotino in Italia non è proprio conosciutissima….io ricordo che me la leggeva mia nonna ma solo perchè mi avevano regalato un libro immenso con le fiabe dal mondo…ma non mi piaceva molto perchè lo trovavo inquietante (e ti assicuro che il personaggio del telefilm è azzeccatissimo!!!)

  4. A me il genere gotico di solito piace, ma sinceramente non credevo che venisse adattato così bene per una serie tv 🙂 Come dice Luca87, se si mantiene su questi livelli, potrebbe essere veramente l novità più interessante della stagione… almeno per le rete generaliste 🙂

  5. Io non avevo neanche sentito parlare di questa serie, poi ho letto quel post sul gruppo e qualche commento positivo su Twitter così ho deciso di guardarlo (oggi pomeriggio) e direi che l’ho amato tantissimo. A me, come ho già detto, il genere fantasy non piace moltissimo, ma dopo aver visto il pilot mi son dovuta ricredere! Promosso a pieni voti, non vedo l’ora che arrivi lunedì per la prossima puntata 😀

  6. Bene bene bene! questo sì che è proprio un bel pilot! devo ringraziare una mia amica che mi ha consigliato di vederlo! e poi, cosa altro potremmo aspettarci da un telefilm in cui compare la nostra stupenda Pam/Kristin Bauer se non che sia fantastico? Non vedo l’ora che sia lunedì per vedere Malefica!!! *_* il bimbo è stupendo!!! e la storia è davvero originale, promosso a pieni voti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.