Mistresses | Recensione 1×07 – All in

L’appuntamento di questa settimana è stato ricco di sorprese, confronti e conferme. Partendo da quest’ultima, direi che la conferma più importante, e alla quale mi riferisco dall’inizio di questa serie, è l’instabilità mentale di Sam Grey. Ebbene sì, il ragazzo ritorna in questo nuovo episodio, gettando l’amo nella vita di Karen e attendendo che la preda abbocchi. Forse Karen è abituata alle automobili di lusso che sostano fuori casa sua, ma io al suo posto – dati i precedenti – prima di uscire fuori di casa in mise da notte, mi armerei di un cacciavite o un coltello svizzero.

Sam Sam1

Eppure Karen mi ha soddisfatto per la prima volta, perché ha finalmente ammesso che il ragazzo ha qualche problema. Beh, è anche vero che ha superato se stesso, partendo dalla telecamera frontale sabotata – escludendo ovviamente la fotografia piazzata nel suo studio – per arrivare ai tre messaggi vuoti in segreteria. Se non avevi intenzione di parlare, potevi anche staccarla la telefonata, sai? Si vede che i soldi non ti mancano, le tariffe da quel che so sono piuttosto care.  Forse crede che i messaggi siano migliori di una serenata.

La bella psichiatra segue il proprio istinto – e il proverbio “meglio prevenire che curare”- così gironzola in un negozio d’elettronica e s’incontra per pura casualità con l’investigatore privato che l’ha messa alle strette circa la questione di Thomas Grey. Dopo le ben gradite avance, l’investigatore si lascia chiamare per nome – Anthony – e la informa che, in caso volesse una mano, avrebbe potuto chiamarlo. Quando Karen si ritrova in casa, da sola, e avverte ripetutamente dei rumori, decide di telefonarlo e lui, giustamente, si precipita. Non ho idea dell’ora in cui l’abbia telefonato, ma per quanto bella possa essere una donna, di certo io non pianterei in asso la mia vita per scodinzolare un po’. In ogni caso, Karen lo ringrazia con un bicchiere di vino e, dopo averlo intrattenuto con chiacchiere personali, si danno la buonanotte. Karen rischia nell’arco di tre episodi un altro bacio che, sottolinea, potrebbe risultare pericoloso, così Anthony torna a casa con le mani vuote. Ma chi lo sa, l’investigatore potrebbe tornarci utile, se Karen decidesse di ingaggiarlo per beccare psico-Sam fuori la sua porta.

Joss affronta il litigio con Savannah nel peggior modo possibile. Prima di tutto, lascia la dependance e si trasferisce a casa di April. Poi, convincendosi di essere una persona dagli innumerevoli difetti, si lascia sopraffare inizialmente dall’invidia, nei confronti della sua amica Alex. Il perché? Sarebbe scontato ammettere che Joss sia invaghita del suo boss, ma non lo affermerebbe mai perché l’orgoglio vince su tutto. Sta di fatto che, sia Olivier che Alex s’incontrano nell’ascensore e s’intrattengono fino a destinazione, tanto che, quando Joss li becca a salutarsi, assume un’espressione da Oscar.

tumblr_mq1p8kZ6e81rgqdw8o1_500 tumblr_mq1p8kZ6e81rgqdw8o2_500

Per di più, Olivier la convoca nel suo ufficio e l’unica richiesta che ha da farle è conoscere il nome della sua amica. A quel punto, la gelosia è palese persino al boss, che sorrise mesto mentre la ragazza lascia stizzita l’ufficio. Joss va alla ricerca di Alex e la convince a uscire per bere qualcosa; quando si ritrovano nel locale prescelto, Joss invia frequenti frecciatine all’amica circa la sua omosessualità e il fatto che tutti gli uomini sembrino interessati a lei. Già, a lei. Questo implica l’esclusione della bionda da quel mondo e, da mangiatrice di uomini qual è, non accetta un rifiuto così latente. Peccato che Alex non sia disposta a reggerle il gioco, così la pianta in asso e torna a casa. Joss ritorna sui suoi passi e le fa visita, ammettendo di essere in pena per il litigio con la sorella. Avrei voluto abbracciarla dopo questa scena:

tumblr_mq0nzzckCl1rgqdw8o1_250tumblr_mq0nzzckCl1rgqdw8o2_250

L’unico confronto a non essere avvenuto in quest’episodio è proprio quello di Joss e Savannah, nonostante quest’ultima abbia tentato di ricucire i rapporti. Joss è ferita perché non è stata messa al corrente, non è stata informata di una situazione molto delicata e, essendosi sentita esclusa, ha reagito di conseguenza, tagliando i ponti con la sorella per farle provare, credo, ciò che ha provato lei.

BPI_LxlCQAAl1AiPer il resto, Savannah ha messo altra carne sul fuoco, sia per Harry che per Dominic. Il marito sembra aver riflettuto sull’accaduto e il manager del ristorante che appare a inizio puntata sembra voler spezzare una lancia a favore di Savannah. Così Harry decide di darle una seconda occasione, tanto da accompagnarla alla festa di pensionamento di uno dei soci e suggerirle di tenersi il posto per il quale aveva lavorato tanto. Peccato che alla festa ci sia anche Dominic, che si avvicina a Harry con intenzioni pacifiche, tanto da fargli le congratulazioni per il futuro nascituro. Ciò che Dominic non sa è che Harry è al corrente della loro tresca, quindi si becca un pugno in faccia come premio. Savannah sembra sconvolta, ma se lo sarebbe dovuto aspettare. Credo che Harry abbia accettato di accompagnarla in cuor suo anche per avere questa rivalsa sull’amante della moglie e lo ammette quando, negli ultimi minuti d’episodio, le confida di sentirsi molto meglio, dopo quell’incontro. Savannah appare perplessa, ma è giusto che ognuno affronti il dolore come meglio crede e del resto lei non è nella posizione adatta per dettare leggi.

paulapril Concludiamo in bellezza con la povera April che ne ha una in più del diavolo ad ogni puntata. In questi quaranta minuti, April si accorda con Richard per trascorrere una serata tranquilla a lume di candela, così si incontrano al ristorante e cenano insieme. Durante la cena, Richard le propone di trascorrere due giorni a Santa Barbara, ma April è restia ad accettare perché non ha ancora affrontato il problema con la figlia Lucy. Richard le concede qualche giorno per rifletterci e così accantonano l’argomento. Prima di uscire dal ristorante, April intravede la figura del defunto marito sul ciglio della strada, che la osserva. L’incontro col fantasma non le dà pace, così si sfoga con Joss una volta tornata a casa, ma la bionda sa sempre il fatto suo e riesce a far capire ad April che forse è lei a non sentirsi abbastanza pronta da lasciarlo andare. Questo è quello che accadrebbe nella vita reale, almeno. Perché, come “Beautiful” insegna, i trucchi sono ovunque e un morto può tornare dall’oltretomba per impartire qualche lezione di vita. In questo caso, non ho idea di come Paul abbia architettato quella messa in scena, né se Miranda c’entri qualcosa, ma sicuramente April lo farà cantare e la sua relazione con Richard, ahimè, andrà a farsi friggere. È stato commovente il discorso di April sulla tomba del marito, uno dei migliori dell’episodio; peccato che poi il fantasma abbia assunto una forma corporea e abbia bussato alla sua porta, come se niente fosse. Un’ipotesi del tutto personale: se fossi morta – o meglio, se avessi inscenato la mia morte – avrei dovuto avere un buon motivo per farlo, soprattutto sapendo di lasciare moglie e figlia. E se ho camuffato la mia morte, vuol dire che dovevo qualcosa a qualcuno, giusto? E non credi che la tua famiglia sia comunque in pericolo? Allora perché anziché bussare sul retro, bussi alla porta centrale???

Queste cose non le capirò mai.

Ship personale dell’episodio# (badate che la fotografia risale a qualche episodio precedente):

944169_646860962010528_1054627095_n

Avete qualche idea sul perché Paul abbia inscenato la sua morte? Spero che abbia una bella scusante, qualcosa di altamente drammatico (anche perché in situazioni del genere la percentuale di dramma è già elevata, quindi non guasterebbe).
Io sono a favore di Olivier, quindi spero che prima o poi dia corda a Joss. Ho adorato il modo in cui ha pronunciato il suo nome per intero, che fascino ragazzi!
Savannah mi preoccupa, così come Harry e, da quello che ho visto nel pilot, quest’ultimo sembra abbastanza deciso su cosa fare, se il bambino non si rivelasse il suo.
Infine Karen scoprirà il grado di malattia di Sam o continuerà a giustificarlo? Per curiosità, c’è qualcuno di voi a cui piace quel personaggio?

Per tenervi sempre informati, passate dalla pagina ufficiale di Facebook “Mistresses Italia” e, per i fan di Alyssa Milano, la pagina sempre aggiornata “Alyssa Milano Italia”. Nel frattempo, vi auguro una buona settimana, con questo bel promo della 1×08.



Criss
Per quanto l’apparenza possa ingannare, ha avuto sempre una ricca immaginazione, sin da bambina: avrebbe voluto indossare un camice azzurro e ubriacarsi con Cristina e Meredith, esibirsi con vestiti pomposi e colorati nel Glee Club, aprirsi un blog con cui infangare amici e famiglia, naufragare su un’isola deserta che tanto deserta non è, prendere a palettate vampiri con Buffy e uccidere i demoni con il Libro delle Ombre, trasferirsi in una città popolata dai personaggi delle favole, sorseggiare Cosmopolitan e indebitarsi per un paio di Manolo, scoprire l’esistenza di una sorella gemella e mangiare tutti i biscotti della famiglia Camden. Se non avesse guardato tanta televisione, a ventidue anni non avrebbe avuto il cervello ridotto in poltiglia. È certa che un giorno imparerà a volare come Goku – c’è riuscito Crilin! –, così potrà arrivare a New York e cercare Carrie Bradshaw o raggiungere Stars Hollow e bere il caffè di Luke o ancora farsi adottare dai Cohen e vivere per sempre sul materassino gonfiabile della piscina; ma, fino a quel momento, si limiterà a prendere appunti e coltivare il suo futuro tra i libri di Editoria e Pubblicistica, sperando di sbocciare nella versione di Anne Hathaway ne “Il diavolo veste prada”, anziché in quella di Ugly Betty, e vedere la propria immagine sugli autobus della città. Almeno sognare non costa niente!

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,333FollowersFollow

Ultimi Articoli