Minority Report | Il sequel del film con Tom Cruise presentato al Comic-Con

minority_report_still

La serie sarà il sequel del film con Tom Cruise del 2002.
Il futuro potrà non essere conoscibile, ma Minority Report si sta preparando per quello che ci attende – non solo nel senso precognitivo di Dash (Stark Sand), che tenta di prevenire i delitti prima che accadano, ma l’intento dei creatori è quello di costruire il mondo di domani.

“Una delle prime cose che abbiamo fatto è stata pensare al mondo”, ha detto al pubblico lo scrittore e produttore Max Borenstein, durante il panel del telefilm, al Comic-Con di San Diego. “Abbiamo creato una bibbia di questo mondo, scritta da un consulente del laboratorio multimediale del MiT che ha intervistato esperti in molti ambiti tecnologici e ha chiesto loro ‘Come sarà il mondo tra 50 anni?’. E’ la stessa cosa che fa Steven nel film. Abbiamo messo insieme una visione complessiva di questo mondo con cui gli scrittori si sono divertiti. In che modo sarebbe interessante? Come funzionerebbe? Come influenzerebbe la tecnologia e i personaggi?”.
Borenstein ha parlato della nascita dell’idea dello show che gli è venuta proprio dall’amore per il film di Steven Spielberg del 2002. “Ho amato tanto quel film, e me lo ricordo benissimo, ma ho preferito farlo evolvere, non rifarlo”, ha spiegato. “Alla fine del film, la Divisione Precognitiva è crollata ed è stata costretta a nascondersi. Mi ricordo di averlo guardato e di aver pensato: questo è lo show, questo è quello che voglio vedere, quando diventano persone”.

“Non è capace di capire il sarcasmo, non sa scherzare”, ha detto Sands quando ha parlato del personaggio di Dash. “E’ divertente essere il pulcino che deve crescere e diventare umano nel corso della serie”.
Meagan Good, che interpreta Vega, la partner poliziotta di Dash, ha spiegato come l’innocenza della precognizione ha portato qualcosa di nuovo nel suo personaggio cocciuto. “C’è una dolcezza che le persone non arrivano a vedere, e Dash riesce a tirarla fuori”, ha detto. “Semplicemente essendo se stesso riesce a rompere il suo guscio, e vogliono proteggersi l’un l’altra”.
Una cosa che il pubblico non dovrebbe invece aspettarsi da Dash e Vega, è lo sbocciare di una storia romantica, ha riferito il produttore Kevin Falls. “Non abbiamo intenzione di prendere quella strada. Non volevamo incentrarla su un risvolto romantico, sebbene, se dovesse accadere in futuro, sarebbe un altro discorso. C’è grande sintonia tra i due personaggi, ma non in senso romantico”.
Non che significhi che non c’è romanticismo – anche se contrastato – nella serie: Wilmer Valderrama reciterà il ruolo di Blake, un poliziotto che lavora insieme al personaggio di Good, con cui lei ha una relazione difficile. “Ci sono dei retroscena, e li vedrete dispiegarsi nel corso della stagione”, ha raccontato al panel.

Sands non è l’unico veggente che comparirà nella serie, ci saranno anche Laura Regan, che reciterà il ruolo di Agatha (il personaggio di Samantha Morton, nel film), e Nick Zano, fratello gemello di Dash, Arthur. All’inizio Arthur è assente dallo show, ma quando comparirà, porterà una diversa energia nel proseguimento della vicenda. Borenstein dice che è un cattivo ragazzo, a confronto di Dash, e si porta dietro un’aria alla “Sherlock Holmes”.
Tutti, al panel, hanno parlato del loro entusiasmo nel lavorare in uno show con Spielberg, che sta collaborando con la produzione. “Quarant’otto ore dopo che ha chiuso BFG, era nella stanza con noi a inventare storie e suggerire proposte”, ha confessato il produttore Darryl Frank. “E’ il primo film che ha diretto a essere diventato uno show televisivo, quindi è davvero coinvolto”.

Minority Report andrà in onda il 21 settembre su Fox.

Fonte:

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,321FollowersFollow

Ultimi Articoli