Marvel’s Jessica Jones | Un’eroina “incredibilmente imperfetta”

jessica-jones_0In grande stile Marvel, l’ultimo progetto Jessica Jones è rimasto molto misterioso. Fortunatamente, durante il tour dei TCA estivi, la produttrice esecutiva Melissa Rosenberg ha divulgato qualche scoop sulla prossima serie di Netflix.

Il drama segue le vicende della supereroina diventata investigatrice privata Jessica Jones (Krysten Ritter), che lavora a casi che coinvolgono persone con abilità straordinarie. Prendendo ispirazione da Alias di Brian Michael Bendis, Rosenberg ha descritto Jones come “un personaggio incredibilmente imperfetto e danneggiato nonostante il sesso.”

Notando che Bendis non aveva paura di “andare su quel piano” con le imperfezioni dei personaggi, Rosenberg dice che lo show andrà “ancora più in là in ogni storyline.” “E’ la bellezza di lavorare con Netflix,” ha continuato. “Sono 13 episodi. Non c’è il pilot e quindi non c’è il riscontro del pubblico, le reazioni e i ratings. Sei in questa bolla. Quindi, qual è la storia che vuoi raccontare? Dove vuoi andare con i personaggi? A volte fa un po’ paura, ma penso anche che sia l’esperienza più libera che abbia mai avuto.”

Comunque, Rosenberg ha detto che hanno cercato di rimanere fedeli alla mitologia del personaggio. “Stiamo usando molti personaggi oscuri e li porteremo ovunque,” ha detto mentre si parlava di quanto la Marvel sia di supporto nel loro processo creativo. “Dobbiamo essere consapevoli della mitologia e di questo mondo.”

Nonostante segua Daredevil – e alla fine farà squadra con lui (Charlie Cox), Luke Cage (Mike Colter) e Iron Fist (ancora senza volto) per il progetto The Defenders – Jessica Jones è “molto diverso” dal suo predecessore.

“Jessica Jones è uno show molto diverso da Daredevil,” ha detto Rosenberg. “Esistiamo nell’universo cinematografico e la mitologia dell’universo è connessa, ma sono diverse, totalmente diverse… E’ stato una delle mie preoccupazioni principali: dovremo stare nel mondo di Daredevil o a quello che succede prima? La risposta è no.”

Ma il contrasto non si ferma qui. “Il mio show si chiama Jessica Jones,” ha detto Rosenberg, notando che Cox potrebbe prendersi una pausa durante gli stunts. “Non ci sono maschere. Krysten Ritter è la donna che lavora di più nello show business.”

Per Daredevil, lo showrunner della prima stagione Steven DeKnight si è assicurato che la seconda stagione è in buonissime mani. Doug Petrie (Buffy, the Vampire Slayer) e Marco Ramirez (Sons of Anarchy) – che hanno lavorato con DeKnight e il creatore Drew Goddard nella prima stagione – saranno i nuovi showrunner. “Ci sono stati fin dall’inizio,” ha detto DeKnight. “Ho detto loro che per qualsiasi cosa abbiano bisogno di chiamarmi e ci sarò. Tutto sta procedendo bene e non vedo l’ora di vedere la seconda stagione con tutti voi.”

I 13 episodi di Jessica Jones andranno in onda verso la fine del 2015.

 

Fonte

lau_tonks90
Laura è nata in un paesello spastico nella provincia di Bergamo. Giocatrice incallita di Monopoli, Risiko e Cluedo. La sua vita è composta da Università, divano, amici e telefilm. Ama leggere, da Shakespeare a Topolino e l'unica cosa che le tira su il morale è Friends. "Fa della tua vita il tuo telefilm preferito": è questa la sua filosofia. Nel lontano 2000 ha visto per la prima volta Buffy e tutto è cambiato. Non esisteva più Rossana o Piccoli problemi di cuore, ma solo Buffy. Poi sono arrivati Beverly Hills 90210, Dawson's Creek, Roswell e tutti gli altri. Ancora non sa come fa a vivere con una ventina di telefilm a settimana da seguire, ma è la sua vita e va bene così. La sua più grande aspirazione è stare a peso morto sul divano, mangiando schifezze e guardando telefilm, ma se proprio deve alzarsi e fare qualcosa, vorrebbe diventare critica televisiva. Il suo più grande sogno è andare in America e non tornare più.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
2,875FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles