Longmire | Netflix potrebbe resuscitare la serie

Netflix potrebbe allungare la vita di Longmire.longmire-season-4-renewed-netflix-cancelled-amc

Deadline riporta che il servizio di streaming è in serie negoziazioni per ordinare una quarta stagione del crime drama ambientato in Wyoming, cancellato ad agosto da A&E.

Longmire ha chiuso la terza stagione su A&E con un audience di 3.7 milioni di spettatori totali e un rating demografico di 0.6, il 16 e il 45 percento in meno rispetto al finale della seconda stagione.

La serie sembrerebbe essersi conclusa con un interrogativo aperto, con Branch alle prese con suo padre Barlow a causa dei fondi destinati all’acerrimo nemico Nighthorse, e con la replica minacciosa di Barlow, “Non ho tempo per fare altri soldi… ma ho tempo per fare un altro figlio.” Subito dopo aver innescato il meccanismo per il tiro al piattello per distrarre Branch, un minaccioso sparo conclude la scena.

Secondo Deadline, il corteggiamento tra Netflix e Longmire non è stato del tutto senza complicazioni – “e c’è una possibilità che non si arrivi ad un accordo”. Se l’accordo verrà firmato, invece, la produzione della quarta stagione inizierebbe a marzo.

A settembre, alcune voci volevano che la casa di produzione di Longmire, la Warner Horizon, si stesse già interessando a Netflix e Amazon – e in misura inferiore ad Hulu e Yahoo Screen – a causa dei ratings dello show che lo rendevano difficile da vendere alle reti commerciali.

Siete entusiasti di un possibile ritorno di Longmire, o vi eravate messi il cuore in pace? Commentate!

Fonte

Serena
Il suo amore per la serialità televisiva inizia anni fa in seconda serata su Italia 1, quando scopre Buffy the Vampire Slayer: da quel momento in poi non smette più di divorare serie tv. Secondo un calcolo effettuato da un affidabile sito web, ha trascorso circa 6 mesi della sua venticinquennale esistenza con gli occhi incollati allo schermo. Inutile aggiungere che la cosa la rende molto fiera (e l’ha resa un po’ miope). Nonostante tutto, riesce a trovare del tempo per una vita privata e professionale dove non smette di interessarsi di serialità. Ha infatti scritto una rivoluzionaria tesi su “L’intertestualità e la parodia nella serie televisiva Community”. (Quando ancora Community era bella). Inoltre, cerca in qualche modo di affermarsi come sceneggiatrice, ma la dura verità è che venderebbe l’anima per saper creare un fenomeno televisivo come Friends o Breaking Bad. Da irriducibile siciliana, è testarda, ama il buon cibo e la sua meravigliosa terra, ma il desiderio di viaggiare e scoprire nuove culture è per lei quasi un bisogno fisiologico. Sempre in cerca di nuovi stimoli dato che si annoia facilmente, è un’inguaribile romantica, ma fa di tutto per tenerlo nascosto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,381FollowersFollow

Ultimi Articoli