I 5 tipi di… Previously On

“Previously on”. Probabilmente le due parole più ricorrenti nell’universo seriale, croce e delizia di ogni telefilm addicted, incredibilmente utili per ricollegare i pezzi del puzzle dopo pause immense e altrettanto disturbanti durante le maratone infinite, perché ehi, non c’è bisogno che mi ripeti cosa sia successo nella scorsa puntata, l’ho visto esattamente 42 minuti fa. Un semplice riassunto delle puntate precedenti o delle vere e proprie prove di stile che rendono la serie ancora più accattivante, da saltare a pie’ pari o impossibili da skippare – cinque tipi di “Previously on…” per tutti i gusti!

SING ALONG

Esco ora da un binge watching di “Braindead” e se avete visto la serie capite cosa intendo. Perché limitarsi a fare un riassuntino quando si può chiamare un cantautore che metta tutto in rima e renda il “previously on” una parte imperdibile dello show? Tecnicamente avrei potuto saltarlo dalla seconda puntata in avanti, ma era troppo accattivante per fare un semplice skip.
Avviso a chi non ha ancora visto la serie: il video seguente contiene ovviamente spoiler, ma la canzone è talmente orecchiabile che nessuno vi giudicherà se vorrete rischiare!

https://www.youtube.com/watch?v=NwlfTNNegd8

Come credo sia stata altrettanto geniale la trovata di “A Series of Unfortunate Events” di trasformare la sigla di apertura ad ogni puntata, rendendola un vero e proprio recap.

https://www.youtube.com/watch?v=g7CM1XBLg1I

ANTOLOGICO

Il momento in cui ti siedi davanti al pc per goderti finalmente la puntata che aspettavi da giorni è una delle piccole gioie della vita per un telefilm addicted; io poi sono un’affezionata dello streaming, lo so dovrei lasciarlo ma mi ricorda le origini e fondamentalmente sono una nostalgica, quindi l’ansia è aumentata dall’attesa del caricamento in diretta. Ed ecco che arriva il “previously on” più lungo della storia, che va a ripescare scene della prima stagione quando ormai sono passati anni e le cose sono addirittura fuori contesto. Minutaggio sprecato – quando accade spero almeno che abbiano avuto la decenza di non inserire una sigla.

 

FAST AND FURIOUS

Le vie di mezzo a volte proprio non esistono. Passiamo dalla lettura dell’elenco telefonico, a un concentrato di informazioni che a fatica si riesce a recepire. Presente “Glee”? Ecco, più che un recap, una prova di comprensione. Le scene si susseguono come in un trip da acido e le parole sgorgano a raffica. Io penso di non aver mai capito nemmeno una parola tranne “And that’s what you missed on Glee” (lo so che l’avete letto con l’acuto finale su Glee e vi batto un high five simbolico) e finalmente la voce fuori campo poteva riprendere fiato.

SPOILER

Il peggiore in assoluto. Peggio persino del promo della puntata successiva. Cinque fotogrammi, meno di trenta secondi, e tutto l’hype svanisce perché sai esattamente cosa aspettarti: l’inquadratura di un personaggio scomparso da tempo o una frase lasciata in sospeso, piazzata al secondo 00:13 che già ti fa capire dove si vorrà andare a parare nei successivi quaranta minuti: perchè dopo anni di streaming coloro che si occupano del montaggio dei promo non hanno ancora capito che l’animale telefilm addicted si sta evolvendo e sta maturando un senso critico? La lotta con il terrificante fermo immagine dell’anteprima video è all’ultimo sangue.

 

WHAT THE F**K WERE YOU DOING LAST WEEK?

Alla fine un “previously on” è anche il biglietto da visita per una serie, quindi perché non renderlo unico? Ovviamente sto parlando di “Shameless”: ogni recap è introdotto in modo irriverente e, come ci si aspetterebbe, “senza vergogna”; la quarta parete si infrange e i protagonisti sono pronti a chiederti perché cavolo ti serve un recap quando dovresti sapere esattamente cosa è successo nella scorsa puntata. La comunicazione diretta vice sempre.

https://www.youtube.com/watch?v=GsZQXw5BwgE

Questa era la mia personalissima enciclopedia del “Previously on” – chiaramente ora, la parola a voi nei commenti!

5 comments
  1. Adoro questo articolo! Ho atteso pazientemente la pubblicazione per fiondarmici sopra!
    Per prima cosa, applausi per Shameless, che ha trovato un modo originalissimo e così adatto per il suo Previously personale.
    Per il resto, io li odio tutti. Primo: previously a chi? Ho appunto visto diciotto stagioni tutte in una notte, figurati se mi scordo gli eventi 😀
    Poi, come dici tu, è spesso facilmente sgamabile, in base ai fotogrammi che mi metti capisco già dove vuole andare a parare il tutto. Magari non ti indovino il cliffangherone finale, ma se mi riproponi “Gli mancano due mesi di vita”, la morte è dietro l’angolo, mi pare evidente. A me sta pure bene se avvertono la necessità di fare un riassunto, ma che almeno non mi diano indizi che chiunque capirebbe per autospoilerarsi la puntata (infatti salto sempre quella parte, con il risultato di perdermi i primi secondi dell’episodio).
    L’unica cosa che amo è sentire la voce di (certi) attori, ben modulata e con il piglio dell’annunciatore di voli all’aeroporto.

    1. Per quanto non lo sopporti io invece di solito salto la sigla, ma il previously me lo guardo sempre,sarò masochista… Anche perchè poi per l’appunto m’arrabbio, soprattutto con le serie con un cast molto ampio, per cui può capitare che a volte qualcuno se ne stia off screen per un po’, e il recap ti toglie la sorpresa di ritrovare delle facce amiche.
      Shameless,va da sè, non potevo non citarlo!

  2. Come hai ragione!

    Vogliamo parlare di “My name is Oliver Queen”?
    Come ho detto in radio, al quarto episodio avevo delle crisi isteriche.
    LO. ABBIAMO. CAPITO.

    Ho adorato con tutta me stessa quelli di “Una Serie di Sfortunati Eventi”.
    GENIALI.

    1. Ma sai che io ne ho viste per sbaglio un paio di puntate su Italia1 e pensavo fosse una trovata nostra? Ecco allora quello più che antologico è logorante.
      Carinissimi davvero quelli di Lemony Snicket: l’idea è semplicissima eppure assolutamente d’effetto; io l’ho guardato praticamente in una giornata e non ne ho mai saltato uno!

      1. Io pure le ho viste su Italia 1, ma no, lo dice davvero.
        Io sviluppai in fretta un rigetto cosmico per quei Previously on.

        Lemony Snicket: hai perfettamente ragione, nemmeno io ne ho saltato uno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.