How I Met Your Mother | Recensione 9×12 – The Rehearsal Dinner

15

Capita spesso nella vita di un telefilm addicted di avere così tanto apprezzato un episodio da rivederlo con piacere e talvolta un briciolo di entusiasmo vagamente psicolabile, comprensibile solo a chi ha vissuto la tua stessa esperienza. Per quanto mi riguarda, l’episodio di questa settimana è stato così: dopo 12 episodi di alti e bassi, eccone uno che mi ha ricordato il buon vecchio HIMYM, quello del quale rivedevo gli episodi per essere sicura di non essermi persa nulla o perché semplicemente mi avevano lasciato col sorriso sulle labbra.
La trama dell’episodio è decisamente semplice: è arrivato finalmente il momento di fare la cena di prova e Barney è bloccato nell’ufficio della security di un centro di Laser-Tag perché convinto che Robin abbia deciso di organizzare lì la cena. Ma nulla è come sembra e anche lo spettatore alla fine rimane entusiasta quanto Robin (e Lily) scoprendo come stiano in realtà le cose.

910

1112

Una cosa che apprezzo sempre, come ho avuto occasione di dirlo anche nella recensione dell’episodio “No questions asked”, sono gli episodi corali: se nel primo caso, però, ogni membro della gang era protagonista, in quest’ultimo caso il protagonista assoluto è Barney e gli altri gli fanno da «braccio destro», ossia sono un efficacissimo e mai sgradito mezzo per il raggiungimento del fine: in questo caso il one man show di NPH è più che giustificato.
Ma bando alle ciance e dedichiamoci a qualche dettaglio.
È stato un episodio divertente, almeno per quanto mi riguarda, e ricco di auto-riferimenti e citazioni.

Funny Moments…

  • L’elenco delle idee geniali di Barney…tra le quali quella di candidarsi a sindaco. Quando si dice avere manie di grandezza!
  • Qualunque cosa stesse accadendo alle spalle della gang mentre sparavano battute sul Canada.

3233

3445

  • Barney che definisce William Zabka il suo attore preferito «non di quelli porno».
  • Ted vestito come Liberace: ammetto di avere un po’ un debole per i travestimenti vari soprattutto perché Josh Radnor ha la tendenza a vestirli con una tale noncuranza e ironia che mi fa scompisciare solo apparendo nel video.
  • Lo sketch coi cagnolini (ammmmmmmori!!!!):

56

78

  • Lily Aldrin can’t keep a secret: tutto il racconto sull’amica incinta dell’amante del marito.
  • Il “succo di mele” e il suo tipico bruciore. A questo proposito, vorrei ricordare e plaudere proprio alla tendenza degli sceneggiatori all’autocitazione: una gag viene sempre ripresa nel corso dell’episodio o delle serie creando un legame con lo spettatore che si sente coinvolto nelle vicende dei protagonisti come fosse uno di loro. Più avanti dedicherò due o tre righe proprio alle varie citazioni.
  • L’elenco delle personalità canadesi ma soprattutto James vestito da guardia canadese e – udite udite – ROBIN SPARKLES!Geniale!23
  • Ted che si schianta sul ghiaccio e poi pattina col piano: sono morta dal ridere!
  • La zia di Robin e l’hockey con la parrucca.

44

Citazioni & Co.

  • Ritorna il «ring bear/bearer»: onestamente non vedo l’ora di vedere l’orso porta anelli!
  • La foto dell’idolo di Robin dell’ultimo episodio.
  • La questione del regalo di matrimonio: all’inizio dell’episodio, stanno tutti conversando a casa di Lily e Marshall quando Ted si dichiara un esperto in regali di matrimonio: vengono inquadrati gli Eriksen che si scambiano uno sguardo di disapprovazione visto che quello destinato al loro non era mai arrivato (non per colpa di Ted, come sappiamo).
  • Quando Barney dichiara di riconoscere la «pretty hungry face» di Robin c’è un riferimento alla puntata “Robin 101” della quinta stagione: quella in cui Barney e Robin si frequentano da poco e Ted fa all’amico un corso di “Robin”; fra le lezioni c’è anche quella sulle sue espressioni del viso.

All’inizio dell’episodio, come sempre ci danno la scansione temporale: è sabato sera e mancano 72 ore al matrimonio. 72?!Quindi 3 giorni: si sposano di martedì?Ma quanto dura il weekend?!
L’orribile scherzo di Barney per ripicca a quello fatto da Robin in occasione del suo addio al celibato: era così di cattivo gusto che mi ha ricordato tantissimo gli scherzi di Winston, di New Girl. Chi segue il telefilm, mi capirà.
La canzone finale che cantano Alan Thicke (guest alert!) e James è una rivisitazione ad hoc di “Mmmmm” dei Crash Test Dummies. A questo proposito, evidentemente chi ha scritto i miei sottotitoli è parecchio giovane e ha tradotto letteralmente il nome della band in «manichini per le simulazioni d’incidente» nel contesto delle varie battute sul Canada: no, è il gruppo musicale. Il testo della canzone, è stato modificato in modo simpaticissimo: «Una volta c’era questo ragazzo che indossava solo completi, definiva tutto leggendario e non faceva altro che dare il 5. Giurava che non si sarebbe mai sposato e ne era certo. Una volta c’era questa ragazza che [traduzione libera dovuta al non aver colto appieno le parole della canzone] qualcosa riguardo l’ hockey ed era esperta di pistole. Giurava che non si sarebbe mai sposata e ne era sicura».

Girovagando su Tumblr, mi è stato fatto ricordare che Ted sa già suonare il piano. Perché la questione delle lezioni? È stata una dimenticanza o era voluto? Boh.

20

Per quanto riguarda la trama verticale, Lily ha detto a Ted e Robin che Marshall ha accettato la carica di giudice a sua insaputa. Vedremo come andrà avanti. Solo una domanda, perché Ted si è arrabbiato in quella maniera? Voglio dire, puoi non condividere ma perché tutta questa passione? Cosa ci nasconde?

Concludendo – finalmente direte voi – l’episodio è pienamente promosso e spero che si continui su questa linea anche se ne dubito.
Vi lascerei con il promo ma non riesco a trovarlo: in ogni caso, il prossimo episodio sarà la prossima settimana e s’intitolerà “Bass Player wanted” e sappiamo bene CHI suonerà il basso al matrimonio.
Vi invito come sempre a commentare, mi piacciare e condividere e ringrazio le pagine Le migliori frasi di Barney Stinson e Alla Fine arriva Mamma per le numerose foto e news che ci danno ogni giorno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.