Homeland | Perché non sentiremo nominare Brody nella premiere

Episode 312Si avvicina il momento della Premiere della quarta stagione di Homeland e Zap2It ha realizzato un’intervista allo show-runner Alex Gansa, mentre Showtime si prepara alla sua stagione più importante. Ed iniziamo ad spiegare come ci si ‘stacca da Brody’.

Quando lo show tornerà il 5 ottobre con la Premiere, il nome di Brody non verrà mai pronunciato, durante ‘The Drone Queen’: dopo aver dominato le prime tre stagioni, il suo fantasma verrà lasciato in pace per la maggior parte della Premiere.

Sì, Carrie sta ancora lottando per la perdita dell’uomo che amava. E da cui ha avuto una figlia. Ma Alex Gansa ci ha detto che c’è una ragione specifica se il nome di Brody non verrà pronunciato durante la Premiere: è necessario andare avanti.

Tutti noi siamo coscienti del significato di questa stagione, e Carrie è un personaggio abbastanza interessante da permetterci di proseguire le sue vicende ancora per un paio di stagioni, dice Gansa. E’ come se stessimo raccontando il secondo capitolo delle avventure di Carrie, quello senza Brody. Questo però non significa che Brody non avrà il suo peso nella vita di Carrie, lei avrà sempre una connessione con il padre del suo bambino ma non ci impedirà di esplorare un’altra parte della sua storia personale. Durante la stagione Brody sarà in qualche modo presente, ma il suo nome non verrà mai fatto, principalmente perché non è qualcosa a cui debba essere fatto riferimento apposta, ma fa parte di quello che il personaggio di Carrie è diventato ora.

Gansa sa anche che dovranno affrontare tutti quei fan scontenti dalla mancanza di Brody, ma si sente tranquillo pensando che ci sono molte persone legate al personaggio di Carrie che voglio vedere che ne sarà di lei ora, e come reagirà alla perdita di questa persona così importante per lei. I fan capiranno anche Brody sarà sempre una parte di lei. ‘Quello che Carrie ancora non ha affrontato riguarda la consapevolezza che è stata proprio lei a convincere Brody a partecipare alla missione che lo hai portato ad essere impiccato. Praticamente è come se avesse mandato a morire l’uomo di cui era innamorata. Se lei dovesse adesso guardarsi attentamente allo specchio, vedrebbe riflessa l’immagine di qualcuno complice di quello che è accaduto a lui’.untitled

Carrie cerca di tenere a bada il senso di colpa nell’unico modo che conosce: evitandolo. Si butterà nel lavoro cercando di rimanere lontana anche dal bambino, e non concederà a sé stessa troppo tempo per pensare. Sarà completamente concentrata sul suo lavoro di Drone Queen, ed ecco perché lascerà il piccolo a Washington con la sorella. Tiene occupato il suo cervello dal momento in cui si sveglia fino all’attimo in cui si addormenta.

Ma Carrie non potrà ignorare la figlia per sempre. In una clip promozionale ci viene mostrata con la bambina in braccio, che piange. Ma stare vicino alla bambina sarà molto dura per la nostra agente della CIA. Per quanto lei si sforzi vedrà sempre Brody guardando i capelli rossi della figlia.

Quindi Brody potrà essere anche lasciato indietro alla stagione 3, ma il suo ‘spettro’ no. Gansa ammette anche che la stagione 4 sarà sotto questo punto di vista, un esperimento, di cui è ottimista: ‘Il nostro lavoro è raccontarvi al meglio che possiamo una storia, e sarete voi telespettatori a mostrarci quanto tenete alle vicende’.

 

Fonte

Mary'sWorld
Mariangela Pagliani nasce a Modena, nel 1973. Le sue più grandi passioni fin da bambina sono legate al mondo del fantastico e della fantascienza (tra i suoi primi film al cinema con il papà ci sono Guerre Stellari e Lo Squalo). Dopo la fase cartoni animati, da adolescente diventa un'avida lettrice: fantasy (su tutti Il Signore degli Anelli), qualche spruzzata di horror, ma soprattutto classici (Jane Austen e le sorelle Bronte, in particolare, ma anche Shakespeare). E' anche un'appassionata di cinema, ma soprattutto di serie tv americane, con una predilezione particolare per quelle dedicate ai vampiri, figura che sin da bambina la affascina. L'amore recente per la scrittura nasce dalla collaborazione nella gestione del sito The Vampire Diaries Italia, ma soprattutto dalla voglia di esprimere le emozioni che immagini e libri le trasmettono. Un libro suo? Forse un giorno quando riuscirà a concentrarsi abbastanza a lungo sullo stesso argomento!

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,374FollowersFollow

Ultimi Articoli