Grey’s Anatomy | Recensione 11×13 – Staring At The End

Nuovo giro, nuova corsa. Bentornati su quelle dannate montagne russe su cui Shonda ci ha costretti a salire anche questa settimana, e se lo scorso episodio era risultato molto leggero, divertente, delicato e soprattutto parzialmente drama free ecco che invece stavolta ha già ricominciato a prepararci per la prossima mazzata. OH SI. Quella donna è perfida, un GENIO di perfidia che non ti lascia il tempo di riprenderti e di rimetterti in sesto, emozionalmente parlando, prima di scaraventarti dentro la prossima tragedia/ansia della settimana. Io perdo anni di vita guardando questo telefilm, LO SO, mi verranno i capelli bianchi a breve tanto mi stresso, mi ansio e mi preoccupo per questi personaggi che ormai son riusciti a ritagliarsi un posticino nel mio cuore da addicted, anche quelli nuovi, anche quelli appena comparsi sullo schermo. Di chi parlo stavolta? Oh be, non dovrebbe essere difficile capirlo dato che l’intero episodio si è praticamente concentrato solo su tre personaggi, una delle storyline che fin dall’inizio ho ritenuto una delle più interessanti e con maggior potenziale:

  • Amelia
  • Nicole Herman
  • Arizona

Tutti gli altri personaggi son rimasti praticamente nello sfondo, brevi apparizioni, qualche battuta, qualche scena ma essenzialmente il fulcro dell’episodio risiede in questi tre personaggi, le loro azioni, le loro sensazioni e il tempo che passa inesorabile su di loro. Quella di questa settimana non vuole essere una recensione che analizza essenzialmente quello che è successo per poi trarne delle conclusioni o delle speranze per il futuro, stavolta voglio invece più che altro lasciarmi andare ad un analisi di questi tre personaggi, di quello a cui stanno andando incontro e di quello che potrebbe succedere dato che comunque è tutto collegato. A cominciare dal personaggio della Herman, una Geena Davis fenomenale.

“I never placed much value in wondering about an afterlife. My concern was always this life. What would I do with it? How would I make my mark? I wanted to break new ground. I wanted to leave a legacy. I wanted my life, my brain, my existence to mean something. The thing I never really thought about, though, the thing I never really wrapped my brain around until now, was in order to do that; in order to be remembered; in order to leave something significant behind, you have to leave.”
(Ho letteralmente ADORATO questa parte della voce fuori campo)

Partiamo dal principio. Questo personaggio non mi ha conquistata da subito, non è stato amore a prima vista, non mi ha colpita appena è apparsa sullo sguardo pur comunque avendola amata in altri film. Conoscendo il talento di quest’attrice mi aspettavo qualcosa di più da lei, qualcosa di fantastico, di fuori dall’ordinario, mi aspettavo un salto di qualità. E tutto ciò è avvenuto, con calma, lentezza, costruito in maniera impeccabile portando avanti sia lo sviluppo di un personaggio sia avvicinandolo ai telespettatori senza fretta. Senza ombra di dubbio, arrivati ormai nella seconda parte di stagione dico che Nicole Herman è probabilmente uno dei personaggi più interessanti attualmente in circolazione e proprio per questa ragione la mia paura di perderla si è intensificata. La Herman è una donna forte, una donna che sa cosa vuole, sa come spendere il poco tempo che le rimane, non si è mai aggrappata alla speranza ma ha lottato contro il tempo per poter riuscire a trasmettere tutto ciò che ha costruito nella vita. In questi ultimi mesi l’abbiamo vista lottare per lasciare quel suo marchio, quella sua eredità, per far sì che tutto il suo lavoro, tutti i suoi sacrifici, tutta la SUA VITA non venga sprecata, non sparisca con lei. Ma per colpa o merito di Arizona allo stesso tempo abbiamo visto la Herman meno come macchina da guerra da sala operatoria e più come donna, come essere umano spaventato dal tempo che le scorre tra le dita, spaventata dalla fine di tutto che finisce per domandarsi cosa ci sia oltre la morte. La vediamo ridere, la vediamo spaventarsi, la vediamo sorprendersi e compiacersi, negli ultimi minuti, del fatto che tutto ciò che ha compiuto ha portato i suoi risultati e Arizona può portare veramente avanti il suo lavoro. E questa è un altra delle cose che mi spaventa.

tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o1_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o2_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o4_r1_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o3_250

La scena finale mi ha veramente straziato il cuore, vederla arrendersi all’evidenza che per lei non ci sia più niente da fare, che la sua vita sia ora nelle mani di un altra persona, che il suo tempo sia veramente finito. La clessidra è esaurita e sta ora ad Amelia riuscire a rimetterla in moto. La vediamo stanca, provata, arrendevole ma allo stesso tempo ancora impaurita e forte, forte per lei e per Arizona. Il rapporto che queste due hanno sviluppato con il passare degli episodi è un’altra di quelle cose per cui non ringrazierò mai Shonda, perché gli amori son importanti, e questo è vero ma sinceramente preferisco mille volte scene del genere piuttosto che so, allo scadere in una relazione tra le due. Perché il loro rapporto è più di mentore e specializzando, loro due sono veramente amiche, si preoccupano l’una dell’altra (più Arizona forse in questo caso) e si divertono insieme, bevono, passano le serate a parlare, lavorano fianco a fianco costruendo un rapporto di fiducia e dando vita a delle scene che hanno dato al personaggio di Arizona linfa nuova, la hanno riportata finalmente in luce e, a mio parere, fatta rivalutare molto come personaggio nel singolo.

tumblr_nkerm4fJcE1ruoai9o2_500

tumblr_nketx0CfcT1sl9d05o2_250 tumblr_nketx0CfcT1sl9d05o1_250

Ed arriviamo ora invece alle due possibilità. Ai due modi in cui questa storia potrebbe finire. Vita o Morte. Sempre queste due dannate opzioni, e misteriosamente si arriva sempre ad inizio puntata con la paura che Shonda possa preferire la falce ai sorrisi e non è affatto giusto. Se la Herman dovesse vivere penso che tutti ne gioverebbero, lei per il fatto di poter continuare la sua vita, Arizona per il fatto di poter avere ancora la sua mentore e amica con lei, a supportarla nella sua vita lavorativa e non, Amelia per la sua reputazione, per la sua autostima e per poter finalmente dimostrare di non essere mai stata seconda a nessuno, di valere davvero e di essere in grado di salvare una vita anche quando TUTTO e TUTTI sembrano invece andarle contro. Questo è senza alcun dubbio lo scenario che preferirei, quello che più mi piacerebbe vedere per varie ragioni e non solo perché sarebbe emozionalmente quello più semplice ma perché mi dispiacerebbe terribilmente vedere invece le conseguenze se l’operazione dovesse risolversi con la morte della Herman. Cosa ne ricaveremmo? Un’Arizona DISTRUTTA, di nuovo, altro schiaffo morale nella sua vita dopo la gamba, dopo il suo matrimonio fallito, dopo tutte le sue delusioni e sofferenze, vedremmo sparire quella luce e quello smalto che il suo personaggio aveva riguadagnato e non potremmo che tornare a vederla concentrata sul lavoro, SOLA e a pezzi. Amelia si ritroverebbe più o meno nella stessa situazione, con la convinzione di non valere NULLA, di non essere nemmeno all’altezza della sua parentela con Derek, tornerebbe probabilmente nel tunnel della droga? Si autodistruggerebbe? Sfocierebbe di nuovo in quell’oscurità che abbiamo avuto modo di approfondire non in questo ma nel suo precedente show? Sinceramente è molto probabile. Non dico che questo non sia uno scenario interessante, perché diamine darebbe la possibilità alle due attrici di dar vita a delle scene emozionalmente POTENTI e darebbe sicuramente spazio ai loro personaggi e a come hanno affrontato ciò che è successo ma per il mio bene e per il loro spero che non accada. Non voglio vedere tutto lo sviluppo fatto precipitare nel baratro per via dell’ennesima delusione nella loro vita, l’ennesimo fallimento. Voglio che siano felici, voglio ESSERE felice. Comunque teoricamente ci sarebbe anche un terzo scenario che non ho considerato, cioè un possibile futuro in cui la morte della Herman ha intaccato i due personaggi ma non in modo così drammatico come immaginato, semplicemente lasciando un marchio e un’ombra nella loro vita ma senza distruggere completamente tutto quello che hanno messo insieme. Purtroppo però non ci è dato modo di saperlo o di prevederlo prima della prossima puntata o di quella dopo ancora per cui non possiamo far altro che restare in attesa e pazientare sino a che non sarà Shonda a scioglierci ogni dubbio (Cosa non facile, CREDETEMI)

tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o6_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o5_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o7_250 tumblr_nkewo6nmKN1sl9d05o8_250

Per quanto riguarda Arizona nel singolo penso che anche lei abbia fatto passi da gigante, penso che finalmente non sia più legata a tutto il drama della Calzona e abbia potuto tornare a riprendere i panni di quel brillante pediatra con il sorriso che girava per l’ospedale. Un personaggio che mi era SCHIFOSAMENTE mancato, lo devo ammettere. Ho odiato Arizona per parecchio tempo, son poi tornata a sopportarla, è riuscita a farmi ridere e a farsi apprezzare ma non come ai vecchi tempi, non come ai suoi inizi e poi… BOM. Arriva questo nuovo personaggio, le da una storyline favolosa e la riporta in carreggiata restituendole tutte le caratteristiche che me l’avevano fatta amare. E diciamoci la verità Arizona ha davvero bisogno di un’amica, una persona che stia al suo fianco in questo momento e che sia lì per lei, Alex ha svolto in parte questo compito, ma con Cristina lontana diciamo che più che altro è stato la spalla di Meredith, April ha ricoperto il ruolo per parecchio tempo ma AHIME guardate dove la sua storyline l’ha portata e chiediamoci per quale ragione non possa ora essere quella spalla di cui ha bisogno Arizona. La Herman, per certi versi mi ricorda più che altro quello che il personaggio di Teddy rappresentava per lei, quell’amica, quella SUA amica con cui poteva discutere, confidarsi, ubriacarsi e divertirsi e io credo davvero che il personaggio di Arizona non possa assolutamente perdere il sostegno della Herman. Non in questo momento per lo meno, non così.

tumblr_nkety3emG71ruoai9o2_250 tumblr_nkety3emG71ruoai9o3_250

E arriviamo dunque ad una piccola riflessione su un personaggio che si è visto poco ma che ha fatto discutere: Callie. Sinceramente anche io l’ho trovata inizialmente un po’ strana, gelosa quasi di quel rapporto che Arizona e la Herman hanno costruito in poco tempo, forse un po’ offesa del fatto che la sua ex moglie si fosse ripresa così facilmente per la loro rottura mettendo in mostra una vena egoistica che… siamo chiari… qualsiasi persona ha. Callie non è perfetta, non lo è mai stata e lo ha sempre dimostrato, ma è sempre stata coerente nelle sue imperfezioni e ho trovato un significato anche dietro a queste sue strane reazioni. La domanda ad Amelia, quando ha chiesto alla donna se suo fratello sarebbe stato lì ad aiutarla è stata assolutamente scortese, di troppo certo ma non esagerata. Avrebbe potuto farlo in privato, avrebbe potuto prenderla da una parte e chiederle una cosa del genere piuttosto che farlo davanti ad una platea gremita di gente ma non l’ho considerata come una mancanza di fiducia nei suoi confronti quanto una paura di Callie. La paura che qualcosa vada storto, che Amelia non sappia più come risolvere la situazione e che la Herman muoia. Callie non è preoccupata per l’esito dell’operazione quanto in realtà per le conseguenze che avrà su Arizona (già discusse in precedenza) penso, o almeno suppongo, che non voglia vederla soffrire, non voglia vederla crollare e sa benissimo che se dovesse perdere la Herman questo potrebbe succedere. Dunque certo, forse egoista, esagerata e un po’ strana ma ho ritenuto il suo atteggiamento abbastanza in linea con il suo personaggio e con quello che sta vivendo.

tumblr_nkeqmviEDi1ruoai9o1_250 tumblr_nkeqmviEDi1ruoai9o4_250

E Amelia? Altro gran bel personaggio, altro dei più interessanti in circolazione. Favoloso il suo discorso, la spiegazione del suo caso, il modo in cui è in grado di dominare la scena davanti a tutta quella gente ma allo stesso tempo di soffrire in solitudine per non pensare di essere in grado di farcela. Il dubbio è una brutta, bruttissima cosa. E quando il tuo paziente si rifiuta di seguire i tuoi consigli, quando hai a che fare con un tumore che sembra praticamente inestraibile e impossibile da risolvere, quando sei davanti a qualcosa che NESSUNO ha mai fatto prima è normale avere paura, è normale dubitare delle proprie capacità e affogare in quello sconforto che può assorbirti completamente. Il suo personaggio HA BISOGNO che questa operazione sia un successo, ha bisogno di questa vittoria, ha bisogno di dimostrare una volta per tutte che lei non è la seconda scelta, che lei vale davvero, che lei è talentuosa tanto quanto il fratello.

tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko1_250 tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko2_250 tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko3_250 tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko5_250 tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko6_250 tumblr_nkhpt7xVS11u8wa5ko7_250

Lo stress e la tensione per questa operazione è palpabile tanto che sinceramente ho immaginato subito che prima o poi Stephanie non ce l’avrebbe più fatta a vedere la sua mentore crollare così davanti a lei. Il suo discorso, il suo sfogo è stato qualcosa di incredibile, anche se allo stesso tempo forse Amelia non se lo meritava ha sottolineato il potenziale grande medico che un giorno quella ragazza potrebbe diventare. Lei ci tiene alla sua mentore, ci tiene a questa operazione, spera con tutto il suo cuore che ci riesca, che sia un successo, che LEI possa vantarsi di quel successo e un giorno replicarlo. Ma come può fare una cosa del genere quando ha davanti una persona talmente disperata da doversi sfogare contro una delle poche persone che crede davvero nelle sue capacità? Ho apprezzato questa scena, mi è parsa forse brutale ma allo stesso tempo reale.

tumblr_nkex8lfliP1qg9raso5_250 tumblr_nkex8lfliP1qg9raso3_250 tumblr_nkex8lfliP1qg9raso1_250  tumblr_nkex8lfliP1qg9raso6_250tumblr_nkex8lfliP1qg9raso7_250 tumblr_nkex8lfliP1qg9raso8_250

Dunque tutto quello che possiamo fare è incrociare le dita, pregare forse, sperare che Shonda fosse di buon umore quando ha scritto il prossimo episodio e… fidarci di lei. Dopo questi capolavori che ci sta regalando purtroppo non ci resta davvero altro da fare.

tumblr_nkhsylgBZM1sorha2o1_500

E voi? Che ne pensate di questo episodio? Come lo avete trovato?
Come pensate andrà l’operazione? Fatemelo sapere.

Io vi consiglio di far un salto in queste pagine:

E vi lascio con il promo della prossima!

Claw
Nata nel non troppo lontano 1994 si dimostra subito particolarmente affine ai programmi televisivi cominciando la sua vita da divoratrice pomeridiana e seriale di cartoni sino a scoprire il mondo delle serie tv. La memoria non è proprio il suo forte, il suo primo ricordo risale ad una notte passata in compagnia di tre bellissime streghe indaffarate ad eliminare il demone di turno. Fu amore a prima vista, e da Streghe si passò velocemente a Smallville e Buffy per poi venir letteralmente catapultata nel meraviglioso regno dei Telefilm! "Questa è l'ultima serie che comincio!" è la sua citazione più frequente anche se affascinata da qualsiasi cosa in cui si imbatte, non importa di che genere, si ritrova costantemente a doversi districare tra mille show e finisce con l'innamorarsi follemente di personaggi che solitamente non si ritagliano molto spazio o son destinati a far brutte fini! Alcune delle serie nella sua lista sono: Once Upon a Time, Doctor Who, NCIS Los Angeles, Grey's Anatomy, New Girl, The Vampire Diaries, Arrow, Revenge, Castle e tanti altri che vi risparmio per salvarvi da un elenco esageratamente lungo. Ossessiva compulsiva, dalla lacrima facile e dalla risata isterica ama criticare e commentare qualsiasi cosa la colpisca, solitamente senza alcuna ragione!

Related Articles

2 COMMENTS

  1. La cosa che trovo assolutamente straordinaria è la capacità dopo 11 anni di scrivere ancora personaggi e storie così normali eppure così straordinarie. Ho terminato l’episodio con una profonda ammirazione per la Shondona nazionale.

    Anche a me la Arizona degli esordi era mancata tantissimo!!!È stata uno dei miei personaggi preferiti così a lungo che nelle scorse stagioni, vederla in una versione non propriamente bella di se stessa, mi ha procurato sofferenza quasi fisica XD

    Amelia mi piace sempre di più Spero con tutto il cuore che questa storyline abbia una fine lieta: e non solo per evitare che qualcuno possa farla sentire lo «Sheperd sbagliato». Dopo tutto il dolore che ha dovuto affrontare, si merita una grande vittoria.

    Complimenti per la recensione e speriamo di non doverci armare di fazzoletti la prossima settimana 🙂

    • Grazie mille <3
      Condivido tutto quello che hai detto io quest'anno davvero resto senza parole davanti al lavoro che sta portando a Shonda, cioè sinceramente 11 stagioni e quasi non sentirle. Già solo il fatto di esser riuscita a portare avanti il telefilm favolosamente anche con l'assenza di una delle colonne come Cristina le ha fatto guadagnare tutta la mia stima (che potrebbe perdere se ammazzasse uno dei nuovi personaggi più riusciti ahaha)

      Io son già andata a pregare per l'esito di questa operazione, non reggerei ad un altra batosta emotiva e devo risparmiare sui fazzoletti dannazione!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,381FollowersFollow

Ultimi Articoli