Game of Thrones | Benioff e Cogman motivano il cambio di storyline per Sansa Stark

sophie_turner_as_sansa_stark_and_aidan_gillen_as_littlefinger_photo_helen_sloan_hbo_0_0

Game of Thrones si è gradualmente distaccato dalla sua fonte. Eppure l’episodio di domenica ha introdotto ciò che è forse il distacco più coraggioso fino ad ora dai romanzi di George R.R. Martin: Sansa Stark è ora destinata a sposare… lo psicotico Ramsay Snow Bolton!

In quello che potrebbe essere un altro crudele colpo di scena per Sansa (Sophie Turner), il suo protettore, Ditocorto, ha organizzato per la sofferente adolescente il matrimonio con l’ex bastardo di Bolton, la cui famiglia controlla quella che era stata la sua casa, Winterfell. (A quanto sembra, Ditocorto non è al corrente della crudeltà di Ramsay.) Sansa acconsente perché sta cercando di prendere in mano il suo destino, e vuole avere l’occasione di colpire la famiglia che ha ucciso sua madre e suo fratello nel famoso Red Wedding.

Ma nei romanzi di Martin, Sansa è ancora a Nido dell’Aquila dove la sua storyline termina in A Feast for Crows, mentre Ramsay sposa un personaggio minore non presente nella versione TV.

“Sansa è un personaggio a cui teniamo quasi più di ogni altro, e le sorelle Stark sono stati sin dall’inizio due dei personaggi che ci hanno affascinato di più”, ha detto lo showrunner David Benioff. “Siamo stati molto fortunati coi casting perché è difficile trovare ragazzini davvero bravi. Anche se vengono e fanno una grande audizione, è difficile sapere se cresceranno letteralmente nella parte. Con Sansa e Arya in particolare, le loro storyline sono diventate piuttosto dark. E’ stata una scommessa e il fatto che entrambe siano diventate delle attrici così meravigliose è un piccolo miracolo.”

Ed è per via della forza della Turner, ha continuato Benioff, che ha avuto senso dare a Sansa una storyline drammatica questa stagione e usare il fidanzamento di Ramsay per quel preciso scopo. Infatti, gli showrunner all’inizio avevano pensato di mettere insieme Sansa e Ramsay quando stavano scrivendo la seconda stagione. “Volevamo davvero che Sansa avesse un ruolo importante questa stagione”, ha detto Benioff. “Se fossimo rimasti assolutamente fedeli al libro, sarebbe stato davvero difficile farlo – c’era una sotto trama dei libri che abbiamo amato, ma aveva un personaggio che non c’è nello show”.

Lo sceneggiatore e produttore Bryan Cogman ha commentato “I semi sono stati piantati presto nelle nostre menti”. “Nei libri, Sansa ha pochissimi capitoli a Nido dell’Aquila una volta arrivata lì. Non era una cosa fattibile per uno dei nostri personaggi principali. Anche se è stato un distacco piuttosto coraggioso, ci è piaciuto poter riportare una Stark a Winterfell e farla riunire con Theon in tali circostanze.”

Inoltre, Cogman fa notare: “C’è questa storyline con Ramsay. La fai fare a una delle donne principali — che è un’attrice di incredibile talento e che abbiamo seguito per cinque anni e che il pubblico ama e adora, o la fai fare a un personaggio nuovo? Per me la domanda si risponde da sola: usi il personaggio in cui il pubblico ha investito.”

Detto ciò, solo perché gli sceneggiatori stanno usando la storia di un altro personaggio per Sansa, non vuol dire che ciò che accadrà a lei nella serie sarà uguale a quello che è accaduto al personaggio dei libri. Quindi anche se in fan di Martin potrebbero pensare di sapere dove è diretta la storia di Sansa, gli showrunner potrebbero avere in mente qualche altro colpo di scena.

Benioff ha inoltre fornito dei commenti sul perché Sansa ha deciso di seguire il piano di Ditocorto. “Sansa è partita come una ragazza innocente e ingenua,” dice. “E’ rimasta traumatizzata da ciò che ha visto e ha passato quasi due anni in psicosi traumatica. A un certo punto è destinata o a morire oppure a sopravvivere e a diventare più forte. Ha scelto la seconda opzione e ha imparato da un incredibile subdolo maestro quale Ditocorto. La cosa interessante di Ditocorto è che sembra non avere debolezze a parte il suo affetto per Sansa. E’ stato ossessionato da lei fin dall’episodio del torneo.”

Quando ho detto che è sorprendente che Ditocorto lasci Sansa ad un altro uomo, Benioff risponde, “Ditocorto è così — per quanto possa tenere a Sansa, non gli importa di nulla se non del potere. E ora vede l’opportunità di ottenere più potere per sé stesso.”

Gli eventi recenti riportano la serie a Winterfell, una location che gli autori hanno tenuto nella sigla di apertura sempre in evoluzione, anche se è rimasta fuori dalle vicende per anni (anche se ora include la bandiera con l’uomo scuoiato, visto che è sotto il controllo dei Bolton).

“E’ stato grandioso tornare nel luogo in cui è iniziata gran parte della storia”, ha detto Benioff. “Quest’anno abbiamo il set più grande che abbiamo mai avuto per Winterfell. La sezione artistica ha creato un set enorme e spettacolare in cui muoversi. Dà al regista molta libertà. E’ grandioso per noi perché probabilmente non c’è nessuna location che ha più risonanza emotiva di Winterfell per il pubblico e avere Sansa che ritorna lì è fantastico – cammini nel cortile, e anche se è tutto in un posto diverso rispetto al pilot e alla seconda stagione, sembra quasi di camminare nella vecchia Winterfell. Ad esempio, lì è dove Bran tirava la freccia a quel bersaglio nel pilot, lì è dove Tyrion ha preso a schiaffi Joffrey… ci sono così tanti ricordi.”

Benioff ha aggiunto ironicamente: “Magari un giorno riusciremo a farne un parco a tema.”

 

Fonte

Meta
Chiara, classe 1990. Incapace di vivere senza telefilm, musica, libri e film, ha iniziato a sviluppare una passione per il teatro. Predilige la lingua originale, ma sogna da sempre di entrare nel mondo del doppiaggio - magari per riportare gli adattamenti sulla retta via. All'inizio di ogni stagione telefilmica si impone di non iniziare nuove serie e sistematicamente si ritrova ad allungare la già infinita lista. Non ha un genere preferito, l'importante è che coinvolga ed intrattenga. Si affeziona troppo ai personaggi di fantasia e parla di loro come se fossero persone reali. Adora tutto ciò che è british - potrebbe passare ore ed ore ad ascoltare uomini britannici dalla voce suadente mentre leggono l'elenco telefonico - si diverte a imparare i vari accenti e cerca con scarso successo di imitarli; nel suo cuore c'è un posto riservato anche per USA e Canada. Quando Photoshop chiama, non può far altro che rispondere e darsi ai lavori di grafica e, nei momenti di ispirazione, crea anche video. Ogni tanto scrive fanfiction, ma più che altro le piace leggerle. E sì, le ship e le OTP fanno parte della sua vita, ma le usa con moderazione. Le piace viaggiare e visitare posti nuovi, ma nella vita di tutti i giorni è una pantofolaia. Nonostante il suo costante desiderio di fuggire da una realtà a cui non sente di appartenere, ama profondamente la sua famiglia. Ringrazia sempre il giorno in cui fece amicizia con un gruppo di pazze sparse per l'Italia, che sono diventate la sua famiglia virtuale. Ha incontrato David Tennant due volte in due giorni ed è ancora viva. E' rimasta in silenzio ad ammirare la sua celebrity crush tenere un'intervista a pochi metri da lei. Quando si sente giù di morale, ascoltare i rumori del suo modellino di Tardis la fa sentire meglio. P.S.: E' più pazza di quello che sembra. Uomo avvisato...

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,333FollowersFollow

Ultimi Articoli