Fan-Made Video of the week – Titanic Edition

I fan-video sono, per me, parte integrante del processo di ossessione nei confronti di una serie tv perché quando avverto l’estrema necessità di navigare a vele spiegate su YouTube alla disperata ricerca di video tributo per un personaggio o una relazione vuol dire che la mia condizione di addicted ha già raggiunto un punto di non ritorno. Ma quando trovo addirittura IL fan-video perfetto per una storia di nicchia che in pochi conoscono ma che personalmente mi ha rapito l’anima, in quel momento la dipendenza si rivela pericolosa e quel video diventa parte della mia quotidianità, tanto da tornare a guardarlo a intervalli regolari di tempo.

Oggi dunque vi presento due video e due storie che mi hanno letteralmente travolto dal primo istante in cui sono entrati nella mia vita: da sempre piuttosto indifferente ai celeberrimi ed iconici Rose & Jack [a meno che non si tratti di Tyler & Harkness], il MIO “Titanic” porta il nome di Annie Desmond & Paolo Sandrini e di Georgiana Grex & Harry Widener.

 

Georgiana & Harry

L’aspetto che più mi ha fatto perdere la testa di questa storia è stata la sorpresa nel rendermi conto di quanto profondamente giusto si sia rivelato Harry per una giovane donna come Georgiana, che credeva di aver già capito ogni cosa della sua vita e invece era soltanto all’inizio. Sulla carta infatti, ero certa che Georgiana non avrebbe mai neanche considerato Harry come possibile compagno per una semplice ragione: perché i suoi genitori avrebbero approvato la scelta e l’obiettivo principale della quotidianità di una ragazza congenitamente ribelle come Georgiana era contrastare con determinazione qualsiasi decisione i suoi genitori prendessero per lei. Testarda e costantemente alla ricerca di una via di fuga da tutte le etichette che il suo status sociale e familiare le imponevano, la giovane Lady Grex faceva sue tutte le battaglie sociali che potessero aiutarla nella sua missione, sia quelle in cui credeva per davvero che quelle che avrebbero scosso maggiormente l’ordine conservatore e tradizionale a cui la sua famiglia era legata. L’arrivo di Harry Widener nella sua vita non solo manda in fumo tutti i suoi piani ma porta allo scoperto la vera natura di Georgiana e, anche se per pochi giorni, stravolge il suo intero sistema di credenze spingendola ad essere sincera innanzitutto con se stessa e a vivere e combattere per ciò in cui crede per davvero e non soltanto per un cocciuto senso di ribellione. Amo notare come al suo fianco, Georgiana lasci cadere le sue maschere da donna matura e vissuta aprendosi invece alla possibilità di non avere davvero tutte le risposte in tasca e ammettendo soprattutto di non aver mai amato intensamente, non come riesce a fare con Harry, l’unico in grado di vederla oltre ogni apparenza e ogni etichetta.

Quasi come uno scherzo del destino, Georgiana si innamora del tipo di uomo che forse si era ripromessa di respingere perché Harry riesce a sorprenderla e a lasciarla senza parole e senza respiro. Credo sia poetico riuscire a conoscere Georgiana proprio tramite lo sguardo di Harry ed è meravigliosamente straziante sapere che solo con pochi istanti vissuti insieme, Harry sia stato in grado di cambiare la vita di Georgiana in maniera indelebile, diventando infine per lei il ricordo più bello di un tragico incubo.

 

Annie & Paolo

Annie e Paolo rappresentano per me l’esempio di come una coppia dovrebbe essere scritta e mi sembra quasi assurdo riconoscere in loro questa caratteristica considerata la breve durata della loro esistenza. Ma qui entra in gioco proprio la straordinarietà di questa storia e dei suoi protagonisti, vale a dire la capacità di mostrarti un mondo con poche parole e pochi gesti, il potere di distruggerti il cuore con uno sguardo o un sorriso gentile. In un certo senso quasi speculari a Georgiana & Harry ma appartenenti a una diversa classe sociale, Annie & Paolo non avevano mai avuto niente di più dell’indispensabile nella vita e forse a volte neanche quello ma affrontavano la loro condizione in modi differenti. Paolo era un giovane uomo che credeva nei sogni, nelle aspettative, nella possibilità di cambiare il suo destino e di avere un futuro diverso, migliore; Annie invece affrontava la sua quotidianità in pace con se stessa e col mondo in cui viveva, non era rassegnata ma genuinamente grata per ciò che possedeva, decisa a non permettere all’avidità di rovinarle una vita che le bastava semplicemente perché era vita. Diversamente da Georgiana, Annie Desmond era probabilmente uno dei personaggi più “compiuti” della miniserie proprio grazie a questa pacifica accettazione della sua realtà, grazie a uno sguardo privo di pregiudizi che le permetteva di affrontare le sue giornate a testa alta, con orgoglio e indipendenza, con piena sicurezza di sé e della persona che intendeva essere. Annie era un modello di equilibrio e stabilità, di concreta e saggia razionalità mentre Paolo era pure istinto, pura voglia di vivere seguendo esclusivamente le ragioni del cuore.

Annie e Paolo non si sono neanche sfiorati eppure erano pronti a donarsi incondizionatamente l’uno all’altra, sono l’emblema del romanticismo dei period drama britannici, sono anima prima del corpo, la passione prima della sensualità, e sono al tempo stesso manifestazione dell’impulsività genuina italiana, dell’emotività prima della ragione, del sogno prima della realtà. Il primo e unico gesto di “follia” istintiva che Annie avrebbe compiuto sarebbe stato sposare Paolo pochi giorni dopo averlo conosciuto mentre Paolo avrebbe smesso di cercare altrove il tanto sospirato successo trovando in Annie il suo traguardo più importante.

WalkeRita
Occasionale inquilina del TARDIS e abitante in pianta stabile di un Diner americano che viaggia nel tempo e nello spazio, oscilla con regolarità tra Stati Uniti e Gran Bretagna, eternamente leale alla sua regina Victoria e parte integrante della comunità di Chicago, tra vigili del fuoco (#51), squadre speciali di polizia e staff ospedalieri. Difensore degli eroi nell’ombra e dei personaggi incompresi e detestati dalla maggioranza, appassionata di ship destinate ad affondare e comandante di un esercito di Brotp da proteggere a costo della vita, è pronta a guidare la Resistenza contro i totalitarismi in questo universo e in quelli paralleli (anche se innamorata del nemico …), tra un volo a National City e una missione sullo Zephyr One. Accumulatrice seriale di episodi arretrati, cacciatrice di pilot e archeologa del Whedonverse, scrive sempre e con passione ma meglio quando l’ispirazione colpisce davvero (seppure la sua Musa somigli troppo a Jessica Jones quindi non è facile trovarla di buon umore). Pusher ufficiale di serie tv, stalker innocua all’occorrenza, se la cercate, la trovate quasi certamente al Molly’s mentre cerca di convertire la gente al Colemanismo.

Related Articles

4 COMMENTS

  1. Ok, ho guardato i video con una minima preparazione psicologica, che tanto non basterà mai perchè credo che quel “Kiss me in New York” mi farà piangere sempre e comunque. Georgiana ed Harry sono meravigliosi, ma Aniie e Paolo sono l’AMORE con tutte le maiuscole del caso. E tutto questo ha dell’incredibile perchè due piccoli personaggi all’interno di una serie corale molto drammatica, sono solo due tasselli di un puzzle che è ben più grande di loro, ma sono anche due tessere indispensabili. Quando penso a loro penso sempre a due anime pure, due giovani pieni di sogni e di speranze e pronti a condividere tutto sulla base di una semplice promessa. KISS ME IN NEW YORK… Che altro devo aggiungere?

    • Esattamente, è questo che mi sembra davvero assurdo, come sia possibile che in soli 4 episodi di una mini-serie, con tanti personaggi e tante storie, loro siano riusciti a definirsi così bene e così profondamente da creare qualcosa di travolgente e indimenticabile! Quando si parla di Titanic in generale, LA PRIMA FRASE che mi viene in mente è proprio “Kiss me in New York”, è diventata iconica per me! Come hai ben detto, Annie & Paolo erano incredibilmente puri, si erano trovati e scelti senza neanche sfiorarsi, in pochi momenti vissuti insieme avevano parlato di tutto e avevano messo a nudo le rispettive anime. 4 Episodi e mi hanno conquistata completamente! Durante il secondo rewatch però ho perso l’anima anche per Georgiana & Harry perché mi affascinavano tantissimo le loro personalità individuali, il modo in cui Harry riusciva a sorprendere Georgiana dicendo sempre la cosa giusta al momento giusto, le ha davvero illuminato la vita secondo me e le ha fatto capire che persona volesse essere, è poetico! Dove le troviamo due coppie così?

  2. *mi devo riprendere un attimo
    Ho adorato Annie e Paolo, tu sai scrivere (e descrivere) con passione, chiarezza, onestà e un’energia trasparente e contagiosa e in più c’è In My Veins in sottofondo, che è la canzone canon dei Caskett. Starò qui nel mio angolo a soffrire

    • Oddio grazie mille Silvia! Lo sai che contano TANTISSIMO queste parole per me! Per Annie & Paolo ero indecisa tra due video ma credo che questo abbia vinto proprio per la canzone perché In my veins rende tutto ancora più intenso e travolgente e noi shipper Caskett lo sappiamo bene! Avvertivo davvero il bisogno di parlare di queste due coppie perché per quanto siano state brevi mi hanno davvero “segnato” emotivamente! Grazie ancora per questo commento, LOVE YOU!!!!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,038FollowersFollow

Ultimi Articoli