Emmy | Viola Davis vince un Emmy e fa storia, ma la sua storia non finisce qui. 

Viola DAvis

Viola Davis ha fatto la storia – così come molti altri nella notte degli Emmy – diventando la prima afroamericana a vincere un Emmy nella categoria Leading Actress in a Drama (attrice protagonista in una serie drammatica). Ma la protagonista di How to Get Away with Murder sa che c’è ancora molto da fare per quanto riguarda la diversità ad Hollywood.

“Non credevo che tutti volessero che io vincessi” ha detto nel backstage. “Ma continuo a dire la stessa frase, in continuazione, perché mi ha colpito così tanto, cioè che le storie non finiscono mai. La mia storia non finisce qui. Si, è bellissimo, ma mio marito ed io abbiamo creato una compagnia di produzione… Credo che ci sia così tanto lavoro da fare per gli attori di colore, in più di un settore. Ci sono così tante storie che la gente deve vedere, che devono essere trasmesse e sentite, e so che non finisce qui.”

L’attrice vuole anche andare oltre al fatto che, essendo la prima Afro Americana a vincere in questa categoria, ha scritto la storia. “Smettiamola di dirlo, smettiamola di scriverlo,” ha detto. “Una delle cose che ammiro di più di Shondaland è che Annalise Keating non è stata scritta per essere interpretata da un’attrice di colore. Lei è nera perché io sono nera. Ma quello che succede scrivendo, quando si poggia la penna sulla carta, è che si lascia volare l’immaginazione.”

“Quando a scuola di recitazione studi Chekov, Shakespeare e Arthur Miller e August Wilson, pensi che solo il cielo sia il limite della rappresentazione dell’essere umano,” continua. “Soltanto quando inizi ad esercitare la tua professione che la gente inizia a dire che puoi essere solo un giudice, che non sei abbastanza carina per essere la protagonista, che puoi solo fare il dottore, che puoi solo essere autorevole, che puoi solo essere quello che noi definiamo un nero. Non ho idea di cosa significhi.”

Oltretutto, Davis è rimasta sorpresa ed onorata di trovarsi tra i nominati domenica notte. “Dovete capire che in questo campo da 35 anni, e 27 anni professionalmente. Sono un’attrice per lavoro e che vedete in una scena qui, due scene lì, ho tirato avanti recitando a teatro, Broadway e Off Broadway, ruoli secondari in film, sono solo felice di essere parte del gruppo, capite? Intendo dire che ho visto la disoccupazione gente.”

Ma, essere in questo business per quasi tre decenni, ha dato a Davis anche la forza. “Quando si è al centro dell’attenzione del pubblico, ti ritrovi ad affrontare molte difficoltà,” ha detto. “Il mio passato mi ha reso una persona più forte, la vita mi ha reso una persona più forte, perché capisco il fallimento, come capisco che la vita non finisce con il fallimento, quindi sono più forte, tipo “Su, fatti sotto!”

Tra le altre nominate alla categoria c’era anche la star di Empire Taraji P. Henson, con la quale Davis si è trovata bene durante lo show. “Ci siamo abbracciate per tre volte,” ha detto Davis. “Taraji, comunque, quello che la gente deve sapere su Taraji P. Henson – ed è una cosa davvero, davvero, davvero rara da incontrare in questo lavoro – è l’attrice più di supporto di tutte; ti supporta in modi che neanche puoi capire, e lo fa in modo genuino. Sono quasi trent’anni che faccio questo lavoro e la metterei in cima alla lista della gente che sa essere d’aiuto. Ci siamo sussurrate ‘Chiunque lo vinca, sarà grande. Sarà bellissimo e ti voglio bene.’”

Fonte

thisperfecttime
Valentina, classe 1991. Da piccola il suo appuntamento quasi-fisso era con Young Hercules e Xena L’addiction però è arrivata più avanti, con Lost. Ricorda un momento preciso, come un colpo di fulmine: accende la tv e appare un gruppo di persone a lei ancora sconosciute, una ragazza bionda prende la mano di un ragazzo e poi un’asiatica esclama: “Boat, Boat!”. Ecco, quello è stato IL Momento. Dopo aver recuperato telefilm che le erano inspiegabilmente sfuggiti (Buffy in primis) inizia a guardare un numero sempre crescente di serie tv, vecchie e nuove, (tanto i network “risolvono il problema" facendo stragi e cancellandone una buona percentuale) e ad affezionarsi, sempre e comunque, a quei personaggi destinati a tirare le cuoia nei modi più assurdi e dolorosi. Per ora fa la spola tra Gotham City e l’Enchanted Forest, tra il Seattle Grace e Central City, tra Baltimora e il salotto di Freddie e Stuart… Ma è sempre alla ricerca di nuove destinazioni.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,333FollowersFollow

Ultimi Articoli