Covert Affairs | I boss parlano dello scontro di Annie con Henry e del suo futuro con Auggie

COVERT AFFAIRS -- "Trompe Le Monde" Episode 416 -- Pictured: (l-r) Piper Perabo as Annie Walker, Gregory Itzin as Henry Wilcox -- (Photo by: Christos Kalohoridis/USA Network) ATTENZIONE: Di seguito ci sono grossi spoiler dal finale di stagione

Dopo aver inseguito il nemico per mesi, Annie finalmente raggiunge Henry – e gli spara – nel finale della stagione di giovedì di Covert Affairs.

L’azione traumatizzerà la spia? Riuscirà a tornare alla sua vecchia vita e riprendere le cose con Auggie e la CIA? E cosa significherà il nuovo bambino per il lavoro di Arthur e Joan?

Di seguito, i produttori esecutivi Matt Corman e Chris Ord rispondono a qualche domanda.

TVLINE: Cosa significa per Annie come persona aver ucciso Henry?

MATT CORMAN: E’ interessante questa domanda perché ha ucciso molte persone in modi diversi. […] Avrebbe potuto arrestare Henry, o trattenerlo o semplicemente renderlo inabile. Ma ha preso quella decisione. Abbiamo pensato fosse importante per il suo personaggio, come una specie di evoluzione.

CHRIS ORD: E Henry era qualcuno che, sicuramente, lei e il nostro pubblico, sentivano il bisogno di toglierlo dai giochi. E’ scappato. Lo hanno lasciato libero così tante volte che ha creato ancora più caos e ancora più stragi. Ciò che abbiamo cercato di fare nell’episodio era, dopo avergli sparato, di dare il giusto peso che una cosa così può comportare. Ecco perché abbiamo continuato a vedere Annie dopo il fatto e siamo rimasti con lei mentre esce dal vicolo. C’è una versione di quella fine sulla barca che… se ci metti un’altra canzone in sottofondo diventa ancora più intenso, ma volevamo onorare la sfida emotiva di ciò che Annie aveva appena fatto.

TVLINE: C’era qualcosa di tormentato nella suo sguardo nel vicolo e nella scena finale sulla barca. Questo cambia qualcosa per lei?

ORD: E’ qualcosa che esploreremo, ma sicuramente la cambierà. Come non potrebbe? Tra un paio di settimane iniziamo la quinta stagione, provate solo a pensare quali storie racconteremo e quale direzione emotiva prenderà Annie, e questo fatto certamente influenzerà.

TVLINE: Henry è morto, ma non l’hanno portato davanti alla legge. Ciò porterà malumori per qualcuno dei personaggi?

CORMAN: Ha dimostrato di essere così furbo quando ha avuto a che fare con la legge che penso che hanno messo l’affare Henry a riposo. E il modo e il luogo in cui è stato ucciso ad Hong Kong, un luogo senza legge, vuol dire che saremo in grado metterci le cose di Henry alle spalle, tranne per il fatto di cui parlava Chris, cioè il risvolto emotivo di Annie. E ora l’Agenzia potrebbe guardarla sotto una luce diversa. E’ qualcuno che ha dimostrato di non essere solo in grado di fare qualcosa, ma anche di voler agire in un modo aggressivo, di uccidere essenzialmente qualcuno.

 TVLINE: La CIA ora sa che Annie è viva, ma potrà riavere indietro il suo lavoro?

CORMAN: E’ una domanda molto valida, se può o meno riavere il suo lavoro, se vuole riaverlo o meno o se l’Agenzia ha in mente qualcosa d’altro per lei.

TVLINE: Annie e Auggie hanno affrontato molto in questa stagione – anche dopo la rottura. Come definiresti il loro rapporto a fine episodio finale?Covert Affairs - Season 4

ORD: Abbiamo cercato di costruire alcuni ponti nel penultimo episodio, tra Annie e Auggie, al ristorante. Hanno sicuramente molto di cui parlare e non sono sicuro che sappiano ancora che direzione prenderà la loro relazione e come si sentono a riguardo. Henry è stato così importante, è stato tutto ciò a cui hanno pensato negli ultimi sei episodi, e ora che non c’è più, è quasi come, “Bè, e adesso?”. Dobbiamo davvero iniziare a fare queste domande. E ancora, fa parte del divertimento man mano che andiamo avanti con le stagioni.

TVLINE: Diresti che c’è più speranza per loro adesso rispetto a inizio stagione?

CORMAN: Credo dipenda da cosa intendi per “inizio”. Ma ora sono in una situazione migliore rispetto a prima. C’è ancora molto da bilanciare. La morte di Helen è ancora presente, e anche ciò che Annie ha fatto a Henry. C’è molto ancora da gestire e da lasciare alle spalle. Ed è una cosa interessante che le loro vite sono così frenetiche da non aver mai un momento per riflettere e lasciarsi andare. Auggie ha fantasticato su questo nel nono episodio, andare alle Galapagos o qualcosa del genere. Quei momenti che la maggior parte delle persone hanno nelle loro vite – una vacanza – non esistono per loro.

TVLINE: Come inciderà sul lavoro di Arthur e Joan, l’essere diventati genitori?

ORD: Loro sono personalità di tipo A. Le loro carriere sono molto importanti per Arthur e Joan, ma anche la famiglia lo è. Sarà bello vederli provare e bilanciare non solo carriera e lavoro, ma una carriera nella CIA e il lavoro. Il lavoro che fanno è molto intenso, e sarà una domanda su come un bambino può influenzare il loro lavoro.

CORMAN: Nel caso i fan se lo stiano chiedendo, il nome del bambino, McKenzie, è il cognome di Joan da nubile.

TVLINE: Visto che Henry è morto e che la CIA ha le prove contro di lui, Arthur è scagionato, vero?

ORD: E’ stato un lungo viaggio, ma lui, dal punto di vista legale, è pulito. Ora non è ancora, e forse non lo sarà mai, reintegrato nella CIA. La prigione non è più una possibilità per lui, ma non vuol dire che sia tornato in ufficio.

 

FonteCOVERT AFFAIRS -- "Trompe Le Monde" Episode 416 -- Pictured: (l-r) Piper Perabo as Annie Walker, Gregory Itzin as Henry Wilcox -- (Photo by: Christos Kalohoridis/USA Network)

lau_tonks90
Laura è nata in un paesello spastico nella provincia di Bergamo. Giocatrice incallita di Monopoli, Risiko e Cluedo. La sua vita è composta da Università, divano, amici e telefilm. Ama leggere, da Shakespeare a Topolino e l'unica cosa che le tira su il morale è Friends. "Fa della tua vita il tuo telefilm preferito": è questa la sua filosofia. Nel lontano 2000 ha visto per la prima volta Buffy e tutto è cambiato. Non esisteva più Rossana o Piccoli problemi di cuore, ma solo Buffy. Poi sono arrivati Beverly Hills 90210, Dawson's Creek, Roswell e tutti gli altri. Ancora non sa come fa a vivere con una ventina di telefilm a settimana da seguire, ma è la sua vita e va bene così. La sua più grande aspirazione è stare a peso morto sul divano, mangiando schifezze e guardando telefilm, ma se proprio deve alzarsi e fare qualcosa, vorrebbe diventare critica televisiva. Il suo più grande sogno è andare in America e non tornare più.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,379FollowersFollow

Ultimi Articoli