Chilling Adventure of Sabrina – Tutto ‘sto casino e poi nulla?

Bentornati nel fantastico regno di #CAOS, amici addicted!

Netflix ci ha gentilmente voluti omaggiare con uno speciale di Natale in attesa della seconda stagione, che comunque arriverà sui nostri schermi molto prima del previsto.

Bando alle ciance, passiamo subito all’analisi di quest’episodio, anche se si è trattato decisamente di un filler.

La vicenda, come da prassi, ha ovviamente avuto inizio con Sabrina che esclama: “Ehi! Questa cosa sembra pericolosissima e TUTTI mi hanno suggerito di non farla… Facciamola subito!”.

 

 

 

Gli autori hanno deciso di concentrarsi su due filoni in particolare: l’evolversi dei rapporti fra Sabrina e i suoi amici a seguito della rivelazione che lei è una strega e il fantomatico mistero della madre defunta.

Ora, forse sarò strana io, ma… Roz ha le visioni, Susie vede la gente morta che manco il bambino de “Il sesto senso” e fate tutto ‘sto bordello perché Sabrina è una strega? Dico, vogliamo ridimensionare un minimo la cosa? Ma anche sì!
Vorrei inoltre sottolineare l’incredibile incoerenza di Susie che si è rifiutata di partecipare alla seduta spiritica per parlare con la madre di Sabrina quando lei tiene quotidianamente la rubrica della posta del cuore con la prozia morta.

L’unica almeno parzialmente condivisibile è la riluttanza di Harvey, che si porta ancora dietro gli echi dell’esperienza traumatica vissuta a causa della morte del fratello. Le altre due, però, sono inqualificabili.

Passiamo ora alla nota dolente (a parte l’assenza di Madam Satan, terribilmente sentita almeno da parte mia).

Dopo tutta l’hype creata intorno alla morte misteriosa dei genitori di Sabrina, mi aspettavo che durante sta cappero di seduta i nodi venissero al pettine. E invece no, a quanto pare mamma Spellman era solo in modalità nonna italiana: “Sabrì, ma te la sei messa la maglia di lana? Ma ti danno da mangiare abbastanza? No, perché stai sciupata!”.

Io basita.

Non mi voglio dilungare eccessivamente su un episodio che è stato tutto sommato godibile e molto leggero, quindi passo subito alla top 3:

  • Sono abbastanza felice che la ritrovata maternità di Hilda sia durata come un gatto in autostrada, perché francamente vederla fare peekaboo con la pargola per dieci minuti ad episodio stava diventando estenuante.
  • Non ho ben capito quando Sabrina e le tre dell’Ave Maria son diventate culo e camicia da nemiche giurate che erano, ma non è fondamentale, perché insieme mi piacciono un sacco.
  • Ambrose che dispensa come sempre saggissimi consigli di vita avvolto in maniera decadente in una sobria veste da camera è il mio nuovo spirito guida.

Vi do appuntamento in primavera con una nuova, elettrizzante stagione!

MooNRiSinG
Nata come Elisa, fin da bambina dimostra un’inquietante e insopprimibile attrazione per i telefilm e per il bad boy di turno. Le domeniche della sua infanzia le trascorre sfrecciando con Bo e Luke per le stradine polverose della sperduta contea di Hazzard. Gli anni dell’adolescenza scivolano via fra varie serie, senza incontrarne però nessuna che scateni definitivamente il mostro che dorme dentro di lei. L’irreparabile accade quando un’amica le presta i DVD di Roswell: dieci minuti in compagnia di Michael le bastano per perdersi per sempre. Dal primo amore alla follia il passo è breve: in preda a una frenesia inarrestabile comincia a recuperare titoli su titoli, stagioni su stagioni, passando da “Gilmore Girls” fino ad arrivare a serie culto quali “Friends” ed “ER”. Comedy, drama, musical… nessun genere con lei al sicuro. Al momento sta ancora cercando di superare il lutto per la fine di “Sons of Anarchy”, ma potrebbe forse riuscire a consolarsi con il ritorno di Alec in quel di Broadchurch…

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,034FollowersFollow

Ultimi Articoli