Chicago PD | Sophia Bush parla del passato di Lindsay e del suo legame con questo personaggio

one-tree-hill-sophia-bush-brooke-davis

Sophia Bush ha interpretato per quasi un decennio Brooke Davis, una cheerleader privilegiata e ribelle poi diventata una fashion designer, in One Tree Hill. Mentre i fan potrebbero aver bisogno di tempo per abituarsi al suo nuovo ruolo di poliziotta, per lei non è stato un problema immedesimarsi nel suo alter ego di Chicago PD.

“Ho un porto d’armi valido in 32 stati e dormo con una pistola carica sotto al letto,” ha confessato ai reporter all’inizio del mese. “Questo ruolo si avvicina a ciò che sono molto più di quanto ho fatto in passato.”

Tanti saluti Brooke Davis. In Chicago PD, la Bush si trova a centinaia di chilometri da Tree Hill, sia fisicamente che figurativamente, e interpreta la Detective Erin Lindsay, una vecchia informatrice del sergente Voight (Jason Beghe) che è passata dal lato sbagliato della legge ai ranghi dell’Intelligence. “La sua esperienza per strada le tornerà utile,” afferma la Bush parlando del passato del proprio personaggio. “La aiuta un sacco nel proprio lavoro, perché se c’è una cosa che ho imparato passando così tanto tempo con degli agenti sotto copertura, è che l’intuizione è molto importante in questo campo. Lindsay arriva direttamente dalla strada, quindi sa bene come quelle persone ragionano.”

Si tratta della stessa intuizione che ha condotto la Bush a questo progetto dopo One Tree Hill e, più recentemente Partners. “L’ho sentito dentro di me,” ha affermato. “Ho letto quattro pagine [del copione] e ho pensato, “So chi è questa persona. Non devo rimuginarci sopra. La conoscevo.” Ho pensato che se ero riuscita a sentirmi così vicina a qualcosa con sole quattro pagine, dovevo leggere l’intero script e dovevo far parte dello show.”

Il legame dell’attrice con il personaggio si è visto soprattutto quando si è trattato di capire il misterioso passato di Lindsay, “[Gli autori] mi avevano accennato qualcosa e qualche settimana dopo sono andata da loro e ho detto quali fossero le cose che secondo me le erano successe, e quali fossero state le esperienze che aveva vissuto. Volevo solo sapere se mi stavo inventando cavolate,” ricorda la Bush. Ma non è andata così. “[L’autore Tim Walsh] mi ha risposto che il novanta percento delle cose che avevo pensato erano state effettivamente scritte per il personaggio, e che non era normale che le avessi capite.”

La storia di Lindsay verrà svelata man mano che si andrà avanti. “Non sarà un processo rapido,” dice la Bush. “Accadrà piano piano, vedremo qualcosa di interessante riguardante Lindsay e Halstead nel sesto episodio. Gli racconterà più di ciò che abbia mai raccontato a chiunque, eppure sarà solo la punta dell’iceberg. Parlerà della sua vita da quando ha incontrato Voight. Non gli dirà niente di chi fosse o cosa facesse prima.”

Come il suo mentore, Voight, Lindsay non ha paura di oltrepassare i limiti per portare a termine il proprio compito. Nonostante ciò, i due sono molto differenti. “Se c’è da infrangere la legge per ottenere il giusto risultato va bene, a patto che la cosa non vada troppo oltre, cosa che invece Voight a volte fa,” spiega la Bush. “A quel punto tocca a lei far notare che non è una buona idea e che ci sono altre vie da percorrere.”

Lindsay si avvicinerà anche al nuovo partner, Jay Halstead (Jesse Lee Soffer), ma lui dovrà guadagnarsi la sua fiducia. “Anche Halstead ha una storia interessante, è un ex militare che ha preso servizio in Afghanistan, quindi Lindsay sa che ne ha passate più di una persona normale, ed è un punto in comune fra loro,” racconta la Bush. “Lei fa fatica a lasciar avvicinare le persone, ma quando accade farebbe qualunque cosa per loro e Lindsay e Halstead stanno costruendo questo tipo di rapporto. C’è molta intesa fra loro e credo sia anche grazie al fatto che io e Jesse siamo amici da molto tempo e quindi fra noi c’è una grande intesa lavorativa.”

Questa intesa si può allargare alle loro controparti in Chicago Fire. “C’è uno spazio nel quale ci ritroviamo quando entrambi siamo in pausa, fuori dai rispettivi set,” dice. “è come una confraternita, e ci divertiamo tutti molto.”

Nonostante alcuni aspetti del lavoro come il rapporto coi colleghi e le sue eccellenti abilità con le armi le siano venuti facili – “Non mi sono mai sentita bene come quando ho colpito la squadra SWAT,” afferma la Bush riferendosi alla recente gita del cast a un poligono di tiro – per altre cose deve ancora abituarsi. “Non sapevo che sarei dovuta andare a Chicago. Ma me ne sono fatta una ragione,” ha detto parlando delle temperature della città. “Sono felice di averlo fatto.”

Chicago PD va in onda il venerdì su NBC.

Fonte

Elsa Hysteria
Nella sua testa vive nella Londra degli anni cinquanta guadagnandosi da vivere scrivendo romanzi noir, nella realtà è un’addetta alle vendite disperata che si chiede cosa debba farne della sua laurea in comunicazione mentre aspetta pazientemente che il decimo Dottore la venga a salvare dalla monotonia bergamasca sulla sua scintillante Tardis blu. Ama più di ogni altra cosa al mondo l’accento british e scrivere, al punto da usare qualunque cosa per farlo. Il suo primo amore telefilmico è stato Beverly Hills 90210 (insieme a Dylan McKay) e da allora non si è più fermata, arrivando a guardare più serie tv di quelle a cui è possibile stare dietro in una settimana fatta di soli sette giorni (il che ha aiutato la sua insonnia a passare da cronica a senza speranza di salvezza). Le sue maggiori ossessioni negli anni sono state Roswell, Supernatural, Doctor Who, Smallville e i Warblers di Glee.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,433FollowersFollow

Ultimi Articoli