Castle | Recensione 6×20 – That ’70s Show

Volete la verità? La prima volta che ho letto di questo episodio, il mio giudizio professionale e articolato è stato: “Eh???
Sì, perché nonostante il mio amore irrazionale e ossessivo – compulsivo per “Castle”, avevo forti dubbi su come avrebbero reso una storia in costume senza rischiare di cadere nella banalità o peggio nell’inutilità. Ma che lo zio Andrew mi perdoni, sono stata una ragazza di poca fede e se già al “Written by David Amann” mi ero ricreduta, guardare l’episodio è stato una vera delizia, ritrovandomi di fronte a una puntata estremamente divertente, perfettamente scritta e con la capacità di sorprendermi e commuovermi anche un po’! That ‘70s Show folks, that’s Castle!

 tumblr_n4c7447p0f1rt41geo1_500

Un Amore proibito

Tutto credevo possibile tranne che la storia si sarebbe evoluta in questo modo. Certamente tutta l’indagine non si è svolta nelle modalità più convenzionali ma il finale è stato sorprendentemente senza tempo. Ma partiamo dal principio: la vittima è una di quelle che piacciono tanto a Castle e per il calcolo delle probabilità, qualche volta va accontentato, ecco perché il caro Richard riconosce lo sfortunato vincitore di un bagno termale di cemento in un mucchietto d’ossa e lo identifica come Vince Bianchi, uno dei più ricercati mafiosi degli anni ’70, ebbene si, il talento del team Beckett (sembra The Voice detto così) non ha limiti di spazio o tempo.

Riportando indietro dalla naftalina i dossier del caso, si scopre che la vittima era scomparsa nel 1978 e che di lui non si era saputo più niente nonostante la sua realtà pullulasse così tanto di sospettati che al posto di una lavagna, Beckett avrebbe bisogno di un’intera parete per scriverli tutti. In cima alla lista però c’erano ovviamente i maggiori rivali in affari ma dato che il mondo in questione non era quello delle favole, a fare compagnia al nemico c’è anche l’amico, ossia il vice di Bianchi, il braccio destro Frank Russo. Passati in rassegna tutti i papabili benefattori, è proprio da Frank Russo che viene fuori un altro nome, quello del consigliere e amico fidato di Bianchi, Harold. E qui arriva il proverbiale bello perché il soggetto in questione è probabilmente uno dei più strani dai tempi del viaggiatore del tempo in quanto lui nel tempo si è bloccato, rifiutandosi di andare avanti e accettare la morte del suo migliore amico. Harold continua a vivere negli anni ’70 e per avvicinarsi a lui bisogna adeguarsi. Come immaginerete Castle non si crea particolari problemi a partecipare a questo gioco di ruolo; come immaginerete le occhiatacce che Beckett gli lancia sono particolarmente letali.

tumblr_n4hqy9tBCZ1s0t9k2o3_250 tumblr_n4hqy9tBCZ1s0t9k2o1_250

tumblr_n4glm91zxt1qlmrx7o1_250 tumblr_n48m5gbUwh1qli0cno2_250

Ma lo sappiamo, una volta partito, Castle non si ferma neanche sotto tortura, promettendo a Harold sicurezze che non può garantire, prima tra queste la concessione di vedere il corpo di Bianchi, corpo che per l’esattezza non esiste.

Così parte la Fase 1 di un piano che diventa via via più grande come una valanga in caduta libera dalle pendici di un monte. Prima fermata: l’obitorio. L’idea era quella di mostrare a Harold un finto corpo per convincerlo a condividere i dettagli di quella sera. Ciò che effettivamente ne deriva è un primo assaggio di cosplay, un tentativo di mettere a tacere Harold per sempre e … Pam Grier!!!!!

tumblr_n4eyntPsSp1qdvep5o1_500

 Sorvolando sulle reazioni di Espo e Ryan alla vista di Lanie …

tumblr_n4f0wniClM1qdvep5o4_250 tumblr_n4f0wniClM1qdvep5o1_250 tumblr_n4f0wniClM1qdvep5o5_500

… parte la Fase 2 in quanto Harold non ha ancora aperto bocca e adesso pretende di essere portato al distretto per essere protetto in cambio di informazioni. La momentanea assenza di Gates porta Castle ai suoi massimi livelli e con un oratore del genere come partner nel lavoro e nella vita, Beckett non può fare altro che acconsentire al piano più strambo del mondo. Questi sono i risultati:

tumblr_n4fqk1orKw1r5kvnbo2_500

Martha viene nominata regista, sceneggiatrice, acting coach, costumista e arredatrice per permettere all’intero distretto di tornare indietro nel tempo (tutto pur di tenerla lontana dalla programmazione del matrimonio), con un risultato meta-televisivo davvero irresistibile.

tumblr_n4fqk1orKw1r5kvnbo5_500

Beckett diventa una figlia dei fiori un po’ troppo arrabbiata e spazientita ma nonostante tutto accetta addirittura il copione!

tumblr_n4exl8rUP21qh85ueo2_250 tumblr_n4exl8rUP21qh85ueo1_250 tumblr_n4exl8rUP21qh85ueo4_250 tumblr_n4exl8rUP21qh85ueo3_250

Castle diventa Capitano, profanando il ruolo di Gates mentre Alexis viene richiamata per fare da comparsa (in tutti i sensi), sfoggiando però un look più audace del solito.

tumblr_n4fqk1orKw1r5kvnbo4_500

Ma i veri campioni in carica sono loro, senza ombra di dubbio: Kevin “Hulk Hogan Ray Price” Ryan e Javier “Lenny Kravitz Snookie WattsEsposito. Prima impressione: sono inguardabili a livelli esagerati, quasi da parental control. Poco dopo però ci si fa l’abitudine e diventano quasi sopportabili alla vista e gli occhi smettono di bruciare forse perché la serotonina sale alle stelle per le risate.

tumblr_n4fqk1orKw1r5kvnbo1_500

Espo, che all’inizio sembrava il più convinto tra i due, non riesce ad entrare completamente nel personaggio ed è inutile raccontarvi com’è andata a finire la riproduzione della mossa tipica di scivolare sull’auto d’epoca (se ve lo chiedono, non ero piegata in due dal ridere quando l’ho vista);

tumblr_n4gb8i1MxO1r4ffx7o4_250 tumblr_n4gb8i1MxO1r4ffx7o3_250

Ryan invece è sempre una grande sorpresa in certi casi, ha un talento naturale e se non corresse il rischio di essere cacciato sia da Gates che da Jenny, ci sono buone probabilità che manterrebbe quel look.

tumblr_n4gb8i1MxO1r4ffx7o5_250 tumblr_n4gb8i1MxO1r4ffx7o6_250

Nonostante la festa in maschera però, Harold continua a tenere per sé quelle informazioni che risulterebbero vitali per risolvere il caso e l’unico indizio che concede è il nome di un locale piuttosto “in” dell’epoca, il Glitterati, l’ultimo posto in cui la vittima era stata avvistata. Così mentre Ray Price e Snookie si rituffano nelle profondità degli anni ’70 e della disco-music, Gates ritorna al suo distretto o a quello che una volta era un distretto rispettabile. Ma la ramanzina piuttosto furibonda e razionale del Capitano viene inevitabilmente interrotta dalla prima vera svolta nelle indagini.

tumblr_n4ewuodlTq1rkkxmvo4_250 tumblr_n4ewuodlTq1rkkxmvo5_250

Al Glitterati infatti Harold mostra di essere tornato a vivere nel 2014 e minaccia di morte il proprietario del locale, nonché il vice Frank Russo, accusandolo di aver ucciso Bianchi. Niente più figli dei fiori, niente più febbre del sabato sera, le cose ricominciano a farsi serie e cupcake Beckett non ha più voglia di scherzare. Harold, ritornato alla realtà dopo lo shock della sparatoria in obitorio, comincia a parlare e a raccontare di come quell’amicizia profonda con Vince si era trasformata in qualcosa di più, qualcosa di vero ma inaccettabile all’epoca e a volte ancora oggi. Così la sera della morte di Bianchi, la vittima aveva prenotato il Glitterati per chiedere la mano di una donna ma alla fine non era riuscito a portare a compimento il suo piano se questo significava smettere di ascoltare il suo cuore.

Il resto è ormai comprensibile, mai sottovalutare la rabbia di una donna rifiutata, soprattutto se dal matrimonio fosse scaturita l’unione tra due potenti famiglie mafiose. Archiviato il rifiuto con due colpi di pistola e un bagno di cemento, la donna aveva poi cercato una scorciatoia sposando il neo-promosso capo-famiglia Frank Russo.

Non ancora pronto a dire addio al suo look anni ’70, Castle propone (e ottiene) un’ultima serata al Glitterati per permettere a Harold di salutare per sempre il suo innamorato, accompagnato alla fine da un dolce ballo con Victoria Gates.

tumblr_n4fxf5yXUO1qhxmtdo2_250 tumblr_n4fxf5yXUO1qhxmtdo1_250 tumblr_n4ewubxGm61qlkhxao4_250 tumblr_n4ewubxGm61qlkhxao5_250

E questo è tutto gente, questo è Castle, che ci fa sorridere e ci sorprende quando non ce lo aspettiamo e che ci prepara, cullandoci, a gioire della quiete prima della tempesta.

WalkeRita
Occasionale inquilina del TARDIS e abitante in pianta stabile di un Diner americano che viaggia nel tempo e nello spazio, oscilla con regolarità tra Stati Uniti e Gran Bretagna, eternamente leale alla sua regina Victoria e parte integrante della comunità di Chicago, tra vigili del fuoco (#51), squadre speciali di polizia e staff ospedalieri. Difensore degli eroi nell’ombra e dei personaggi incompresi e detestati dalla maggioranza, appassionata di ship destinate ad affondare e comandante di un esercito di Brotp da proteggere a costo della vita, è pronta a guidare la Resistenza contro i totalitarismi in questo universo e in quelli paralleli (anche se innamorata del nemico …), tra un volo a National City e una missione sullo Zephyr One. Accumulatrice seriale di episodi arretrati, cacciatrice di pilot e archeologa del Whedonverse, scrive sempre e con passione ma meglio quando l’ispirazione colpisce davvero (seppure la sua Musa somigli troppo a Jessica Jones quindi non è facile trovarla di buon umore). Pusher ufficiale di serie tv, stalker innocua all’occorrenza, se la cercate, la trovate quasi certamente al Molly’s mentre cerca di convertire la gente al Colemanismo.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,433FollowersFollow

Ultimi Articoli