Breaking Bad | Gli attori rivelano i souvenir presi dal set (o rubati)

HeisenbergLa blue meth. Il cappello di Heisenberg. La Pontiac Aztec, l’auto di Walt. Il Bacon a forma di numeri. Non una, ma ben due copie di “Mr Magorium e la bottega delle meraviglie”. Questi sono solo alcuni degli iconici oggetti che saranno per sempre associati a Breaking Bad. (Qualcuno di questi potete trovarlo in questo sito). Alla fine delle riprese dell’acclamato drug-drama, le star dello show hanno detto addio, dopo 5 stagioni di ricordi, con le lacrime agli occhi. Ma non senza aver prima preso qualcosa dal set come ricordo tangibile del loro viaggio nell’oscurità. Qui, rivelano ad EW quali souvenir famosi si son portati a casa – con o senza permesso.

BRYAN CRANSTON (Walt): Ho preso il cappello e gli occhiali di Heisenberg. Questo è il mio bottino.

AARON PAUL (Jesse): Ho preso la targa della prima macchina di Jesse Pinkman : THE CAPN. …Ho anche un cappello di Heisenberg. [Il creatore della serie] Vince Gilligan mi ha promesso l’orsacchiotto rosa mezzo bruciato della seconda stagione. Volevo qualcosa che rappresentasse davvero Jesse, e so che può suonare non chiarissimo, ma l’orsacchiotto simboleggia il rapporto tra Jesse e Jane. Non sarebbe finito nella piscina di Walt se non fosse stato per il padre di Jane. Vince è stato davvero carino a dirmi di sì.

ANNA GUNN (Skyler): Sai quelle tre foto di me, Walt, e Walter Junior nel corridoio? Ho preso una di quelle. E ho anche chiesto se posso avere quelle papere pazze che stanno sul tavolino nel soggiorno. Qualsiasi scena girassimo, non importa quanto intensa, ho sempre trovato quelle grasse papere di ceramica incredibilmente affascinanti. Ho sempre immaginato Skyler su eBay “Ho bisogno di quelle papere. Devo avere quelle papere!”. Perciò le volevo sul serio quelle papere. Mi fanno davvero ridere. ”

DEAN NORRIS (Hank): Ho preso i denti argentati di Tuco [un altro paio è in vendita sul sito sopracitato], e l’ascia che mi ha quasi mozzato la testa, firmata da tutti gli attori presenti in quella scena. Poi la giacca a prova di bomba della DEA. E infine la placca con inciso il nome Hank Schrader che stava sulla sua scrivania. Sono tutti i souvenir che desideravo.

BOB ODENKIRK (Saul): Serviva tutto quanto per lo spin-off. Quello di Saul è stato l’unico set che hanno conservato. Mi hanno dato solo il cartellone pubblicitario che stava sotto la panchina della fermata del bus, firmato da tutti, cast e troupe. E’ quello che avrei chiesto. E’ davvero magnifico.

J MITTE (Walter Jr.): Ho preso la parte posteriore delle mie sedie da set e le stampelle. Me le hanno fatte tenere. Aspetterò cinque anni prima di firmarle, e poi altri cinque anni dopodiché le metterò in vendita su eBay [Ride].

BETSY BRANDT (Marie): Non ho nemmeno chiesto il permesso. Sono andata e ho rubato la statuina che Marie ha preso nell’episodio “Open House”. E’ tipo un bambino che cavalca un maialino, o qualcosa del genere. E’ davvero strana, ma la volevo avere. Non mi andava però di chiedere il permesso, perciò me la sono presa e basta. Volevo anche quel tappeto – solo non sono riuscita a pensare al modo in cui portarmelo via con discrezione, perché è davvero enorme e pesa un sacco.

Fonte

Lilyhttp://violet17x.tumblr.com/
Nasce in una remota città di una remota isola, ama i cuccioli e la Coca-Cola, in cerca del suo Schmidt. Affamata di storie, fin da bambina predilige le letture horror, i Piccoli Brividi su tutti, finchè un bel giorno scopre che oltre ai libri, ai cartoni e a Baywatch c’è di più… inizia l’era delle serie tv del cuore: Buffy e Streghe per poi passare ai veri mostri con Dexter, il suo preferito of all time. Non prima però di aver passato l’adolescenza, nella sua testa, tra Stars Hollow, Neptune e Roswell. Tutt’oggi il Seattle Grace rimane l’unico ospedale in cui si farebbe ricoverare volontariamente e le piace pensare che non l’avrebbero rimandata in chimica se avesse avuto Mr. White come professore… Divoratrice di commedie, meglio se demenziali, perché bisognerà pur farsi due risate per non morire di drama… Progetti futuri: girare gli USA facendo tappa in ogni location telefilmica della sua lista.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,428FollowersFollow

Ultimi Articoli