Arrow | Recensione 3×08 – The Brave and The Bold

“Sai qual è la cosa che mi piace di più dei boomerang, Lyla? Sono la prova che le cose possono tornare a perseguitarti.”

Esattamente come succede ad Oliver e, in maniera più velata, anche ai suoi compagni. Riflessione d’obbligo sul pensiero del cattivo della settimana, ancora una volta scritto e caratterizzato magistralmente, oltre che perfettamente inserito nel contesto narrativo. Andava menzionato.

Detto questo, voi non avete idea dell’esaltazione con cui mi accingo a scrivere questa recensione, perché sono fermamente convinta che lo scorso episodio sia stato in assoluto il migliore dell’intera stagione, e non esagero se estendo il titolo a tutte e tre le stagioni. Gli autori hanno dato vita a due crossover geniali e talmente perfetti da ogni punto di vista, che anche se viene in mente qualche piccolo appunto da fare, o qualche difetto da riportare, cade facilmente nel dimenticatoio di fronte a cotanta eccellenza.
Nell’analizzare questo episodio, non posso prescindere dal menzionare anche il suo antecedente, andato in onda un giorno prima e inserito nella serie “gemella” The Flash. Già qui abbiamo iniziato a vedere l’interazione tra i protagonisti delle due saghe, anche se non è la prima volta, perché la nostra Felicity era già stata a Central City e, anche prima di allora, aveva avuto modo di legare con Cisco e Catlin. È fuori di dubbio che i tre insieme siano una meraviglia da vedere, perché rappresentano, contemporaneamente la parte razionale, intelligente, ma anche più divertente dei due Team. Anche se pure Barry è divertente, più di Oliver sicuramente. Ma, sebbene la grandezza degli autori risulti anche dalla loro immensa bravura nel caratterizzare i personaggi “secondari”, l’accento viene posto qui sul rapporto tra Oliver e Barry, e su quello tra Arrow e The Flash, perché nonostante Barry sostenga di essere la stessa persona con e senza la maschera, questo non è completamente vero, ed Oliver che è più maturo, lo ha capito fin troppo bene. Arrow e Flash sono due facce della stessa medaglia, sono la proiezione di quei due lati presenti in ognuno di noi: il lato “luminoso” e il lato oscuro. Anche il contesto in cui sono inseriti, a farci attenzione, riflette perfettamente l’interiorità dei due: a Central splende il sole e si danno soprannomi carini ai nemici, a Starling regna l’oscurità anche in pieno giorno, lì muoiono le persone, esplodono le bombe, si mettono in atto stragi e ogni persona amata è un bersaglio ambulante, quindi non c’è tempo per pensare ai sentimenti. Per fare quello che fa, Oliver deve essere duro, determinato e soprattutto incline a farlo. Assolutamente perfetto l’inserimento del flashback di questa settimana, che per la prima volta si rivela utile ad uno scopo, nello specifico quello di fare luce su un altro lato oscuro di Oliver. Lo vediamo impacciato alle prime armi con la tortura, assolutamente inetto, e avrà sulla coscienza la morte di migliaia di persone per la sua incapacità di estorcere informazioni tramite questa preziosa forma d’arte, come la definisce la Waller. Ma lei vede del potenziale nel biondo, crede che abbia talento e che sia portato a farlo. Eloquente lo sguardo contrito di lui, che non pensa di poterne essere mai capace. Nel frattempo, però, le vicende della sua vita lo hanno reso più incline a praticare questi rituali e, ormai, noi siamo abituati a vederlo sferrare colpi a destra e a manca per ottenere quello che vuole. Ma mai ci eravamo soffermati ad analizzare come ciò si riflettesse su Oliver. In questo episodio ce l’ha spiegato: ogni volta che si trova in queste situazioni estreme, lascia andare via un pezzo di sé, un pezzo di Oliver. Ed ecco spiegato il dualismo di cui parlavo all’inizio. Ma io vedo ancora speranza in lui. Perché per quanto lui abbia sofferto, per quanto la sua anima si nera per le macchie che l’hanno sporcata nel corso degli anni, lui è ancora Oliver e finché non ci sarà una sovrapposizione totale delle due personalità, c’è ancora speranza. Lui continua ad allontanare qualsiasi cosa minacci di tenerlo ancorato alla sua umanità, Felicity in primis, ma non è assolutamente pronto a lasciarla andare via completamente. Altrimenti non sarebbe cambiato, altrimenti non avrebbe smesso di uccide rischiando di essere deriso e preso per pagliaccio dai nemici per questa decisione. Esattamente come gli fa notare Barry, se non avesse una luce dentro a guidarlo, non sarebbe diventato l’eroe che è oggi. E sull’osservazione acuta del “collega di maschera”, il nostro Oliveruccio rimane a bocca aperta e senza parole. Perde anche quell’aria sarcastica e di superiorità che lo ha accompagnato per tutto l’episodio, anzi, per entrambi gli episodi. E alla fine, si scioglie e si apre con Barry, quasi come fa con Felicity, anche se, ormai, è un libro aperto per tutti. Non prende in giro nessuno con quell’aria da duro, perché tutti sanno che è un eroe, e anche se Arrow è uno stronzo, Oliver Queen può essere fonte di ispirazione, tanto quanto Barry Allen.

 tumblr_ng1c64IOhq1rt5ctno3_250 tumblr_ng1c64IOhq1rt5ctno2_250

L’evoluzione del rapporto tra Oliver e Barry è ben congegnata, e si sviluppa in maniera tutto sommato armoniosa e scorrevole sebbene, forse, due episodi sono pochi per esplorare la gamma di sentimenti e stati d’animo attraverso cui i due sono passati, ma già il fatto che non la abbiano compressa in uno unico è degno di nota. Assistiamo a quello che è il naturale crescere e modificarsi di un rapporto tra due persone. Non sempre si può andare d’accordo e non sempre può esserci stima reciproca. Come al solito, l’orso di turno è Oliver: per buona parte del primo dei due episodi di crossover, lui è sprezzante nei confronti di Barry, quasi come se lo ritenesse un ragazzino ingenuo ed incapace di gestire situazioni troppo pericolose per lui, con buona pace del discorso di incoraggiamento nei suoi confronti di inizio stagione. Sappiamo, comunque, che i rapporti tra i due non sono sempre stati distesi e rilassati, anche a causa di Felicity, ma se da un lato Barry lo venera e lo difende a spada tratta contro tutto e tutti, Oliver sembra quasi schifarlo. Si convincerà ad aiutarlo solo grazie alle preghiere di Felicity. Però sale su un piedistallo e si erge a maestro di vita che critica l’operato di Barry e lo colpisce alle spalle.

tumblr_ng2lza6i3R1s2791bo3_r1_250tumblr_ng2lza6i3R1s2791bo7_250

È stato un po’ antipatico, non possiamo nasconderlo. Ma questo è il suo modo di dimostrare di tenerci alle persone. Ormai lo sappiamo che lui non è il tipo da discorsi sdolcinati. Infatti, i miglioramenti di Barry li vediamo già nella seconda parte del crossover. E questo rapporto di scambio mutualistico tra i due è veramente interessante, come se fossero una sorta di gemelli che traggono forza e ispirazione l’uno dall’altro, come se fossero le due metà di una stessa mela. E già mi trovo a rimpiangere il fatto che questa collaborazione sia limitata a due episodi!!!
Ok, forse mi sono dilungata eccessivamente, ma capite il mio bisogno di sfogarmi.

Ho trovato ben costruito il parallelismo tra i due episodi per cui Barry e Oliver compaiono sulla scena in un momento cruciale dello scontro con i cattivi della settimana, giusto in tempo per tirarsi fuori dai guai l’un l’altro. Ancora una volta denota la genialità degli autori nel costruire questi piccoli gioielli, con la stessa precisione con cui un orafo modella un prezioso con le sue abili mani.

tumblr_ng1l06jPyh1rccjo0o1_250tumblr_ng1l06jPyh1rccjo0o8_250 tumblr_ng1l06jPyh1rccjo0o6_250 tumblr_ng1l06jPyh1rccjo0o10_250

Sono rimasta interdetta però dalla scelta di non potare Roy a Central City, decisione che va a mettere il suo ruolo ancora più in ombra. Ma il suo momento di luce lo ha avuto grazie a Cisco.

tumblr_ng1brbcqKB1qlv6abo2_500 tumblr_ng1brbcqKB1qlv6abo1_500
Perfetto anche il cattivo della settimana. I boomerangs. Geniale ragazzi, geniale. Ha anche dato modo alle nostre donnine di mettersi in mostra e dare prova di sapersela cavare piuttosto bene anche da sole. Certo, Lyla ne ha fatto le spese, ma si è procurata una proposta di matrimonio. Mica scema!!!

tumblr_ng1qggOXzS1s239dso7_250 tumblr_ng1qggOXzS1s239dso8_250

Un altro appunto, però lo devo fare: come mai nessuna maglietta è andata in fiamme, quando Barry ha piazzato i compagni nei luoghi delle bombe???

Central City ha fatto da scenario anche all’incontro tra Oliver e quella che possiamo quasi sicuramente dire che sia la madre di suo figlio!

tumblr_nfzu2hiYry1s239dso2_250tumblr_nfzu2hiYry1s239dso1_250 tumblr_nfzu2hiYry1s239dso6_250 tumblr_nfzu2hiYry1s239dso8_250
Ma che gusti ha???

Ultima osservazione: Iris che fangirla come le pazze quando conosce Oliver. Mi è sembrata molto me!!!

tumblr_nfztxrFGoi1tnvsx0o6_250tumblr_nfztxrFGoi1tnvsx0o2_250 tumblr_nfztxrFGoi1tnvsx0o3_250 tumblr_nfztxrFGoi1tnvsx0o5_250

Ancora un paio di perle di Cisco e co.

tumblr_ng3sea04DK1qii97qo8_250tumblr_ng3sea04DK1qii97qo7_250 tumblr_ng3sea04DK1qii97qo9_250tumblr_ng2lza6i3R1s2791bo1_250

tumblr_ng2lza6i3R1s2791bo2_r1_250 tumblr_ng2s6dGgnK1qmirelo2_250 tumblr_ng2o4yhw971s239dso4_250

Attendo con ansia i vostri commenti e vi ricordo di passare da queste pagine per essere sempre aggiornati:

Arrow Italia

∞ Olicity დ I love spending the night with you ∞

Arrow • Oliver & Felicity •

– Fra –

Bravissima6
Divoratrice di telefilm a tempo pieno, avvocato a tempo perso. Cresciuta a pane e telefilm, nei soleggiati pomeriggi della sua infanzia già seguiva grandi classici come Happy Days, MacGyver, Genitori in Blue Jeans, ma ha iniziato il suo vero cammino verso la perdizione con Beverly Hills 90210, che le è costato non poche tirate d'orecchie perché "non è un telefilm adatto alla tua età, se continui a vederlo ti metteremo in punizione"! Ma per Dylan McKay si rischia questo ed altro!Ama leggere e scrivere, non esce mai senza un buon libro ed una moleskine nella borsa, non sia mai che venga colpita dall'idea della sua vita e non abbia dove annotarla! Ama la buona musica, l'arte e il vino! Ma ha anche passioni più frivole che la avvicinano ai comuni mortali, come lo shopping, il calcio e la nail art, a volte pensa seriamente di chiudere lo studio legale ed aprire un centro estetico!Ha da poco scoperto un nuovo lato geek, il suo I-phone è ormai il prolungamento della sua mano. Ama il suo ragazzo, i gatti, la lingua inglese, la sua splendida terra, odia la matematica. La sua citazione preferita, che racchiude un po’ la sua filosofia di vita, è “meglio rimorsi che rimpianti”!

Related Articles

4 COMMENTS

  1. se la parte 1 in the flash mi aveva gasata, questa parte 2 in arrow mi ha letteralmente elettrizzata! non per niente arrow ha fatto il boom di ascolti e ciò non avveniva dalla series premiere

    girava lo spoiler che in questa stagione ci sarebbe stato un matrimonio e quale poteva essere se non quello di diggle e lyla? aww che dolci!!!

    mentre il villain di arrow ha una storyline (ex membro della suicide squad che doveva essere eliminato, ma la bomba nel suo cervello non è esplosa) quello di the flash non si sa ne il nome ne il motivo della sua vendetta,forse perché era solo una “nota a margine” all’interno del crossover!

    comunque sì entrambi gli episodi sono stati ben diretti e lineari, nota stonata? la ex di oliver che spunta a central city! ora chi segue arrow sa chi sia questa donna (la conosciamo in un fb della s2) ma chi non ha mai visto arrow e segue solo the flash avrà pensato “e mo questa chi è?!?” ahahahahahahah

    ciao alla prossima ^.^

  2. Da dove iniziare? Episodio meraviglioso, adoro i crossover!
    Entrambi gli episodi analizzano il rapporto di Oliver e Barry con il loro alter ego.
    Oliver ha un passato oscuro che incide sul suo metodo di cattura/tortura del nemico, Barry si scandalizza ma dato che sappiamo come agiva Oliver in passato si può dire che da quel punto di vista ha fatto molti ma molti passi avanti. Peccato che ancora non riesca ad aprirsi, oppure lo fa con il contagocce.
    Barry invece è quello che ama veramente essere un supereroe, lo considera parte di sè, una parte di cui non può fare a meno, però lui e il suo team prendono tutto come un gioco, come dice Caitlin, siccome sono persone con poteri soprannaturali non riescono a capire che invece è più che reale quello che fanno. Dopo questi due episodi sicuramente avranno aperto gli occhi, io comunque non ne faccio una colpa a loro tre, nessuno di loro ha passato quello che hanno passato Oliver nei cinque anni di prigionia e Diggle che comunque era un militare, fa parte della crescita.
    Lyla e Diggle sono così carini! Le ha chiesto di sposarla, AHAHA ma loro non erano sposati? Io non mi ricordavo più che non lo fossero, ne ero abbastanza convinta!
    Come dici tu, Roy merita più spazio, però devo dire che le sue battute mi sono piaciute, spero solo che pian piano si ritagli uno spazio maggiore dall’essere (e qui dovrei mettere un centinaio di virgolette) “solo” una spalla di Oliver.
    Comunque la storia principale mi è piaciuta molto, poi con Felicity, Cisco e Caitlin che la rendono anche a tratti spassosa è ancora meglio!
    Ho trovato solo un paio di pecche:
    – Hong Kong, non riesco ancora a farmela piacere, secondo me non sanno dove andare a parare, ogni parte è totalmente collegata a quella del presente, per certi versi ci può stare ma non ha una storia a sè stante come al solito, non ancora. Poi vabbè Amanda che senza problemi fa ricadere la colpa su Oliver perché non è riuscito a farsi dare le informazioni non stava nè in piedi nè in terra. Non per dire ma per fargli fare esperienza poteva scegliere un momento meno cruciale non che riguardasse vittime innocenti.
    – La presenza nell’episodio di Flash della ex ragazza di Oliver, per quanto adori i crossover certe storie preferisco rimangano separate.
    Complimenti per la recensione!
    P.S.: quando ho sentito la voce di Laurel con suo padre (tanto amore per Lance che la sopporta) ero del tipo: NOOOOOO vi prego anche in questo episodio no! Devo iniziare a vedere i suoi lati “buoni” non possono arrivare al punto di non digerire le uniche apparizioni che fa!

  3. Adoro adoro adoro.
    Gli autori hanno fatto seriamente un ottimo lavoro, hanno scritto benissimo questo crossover. Concordo con quello che hai scritto nella recensione.
    Ho amato l’inserimento di questo villain, il collegamento con la mia tanto adorata suicide squad, la proposta di matrimonio.
    Poi ho amato l’interazione tra i due team e soprattutto la contrapposizione tra le due città: La dannata Starling City e la Splendente Central City. Alla fine pgni eroe deve sapersi adattare per difendere la propria città e se i metodi di Oliver a Central City sono un po’ troppo bruschi, quelli di Barry a Starling sono un po’ troppo ingenui. Comunque Oliver ha sorriso di più in questi due episodi che in tutta la scorsa stagione, quindi il caro Barry ha proprio effetti positivi su di lui.
    Aspetto con ansia il finale prima della pausa della prossima settimana cercando di superare questo Hiatus strafogandomi con gif e tag “Olicity” su Tumblr LOL
    Alla prossima 🙂

  4. Mi dispiace , ma sono contrario al collegamento tra le due serie Tv.Credo che sia stato fato solo per imbottire le taste dei produttori , come se non avessero abbastanza di denaro.Visto la popolarità e successo di Arrow l’obiettivo del maggior guadagno è stato raggiunto.Siamo obbligati a vedere Flash sia per l’orario strategico sia perché la nostra Freccia compare nelle sue puntate. Veramente ciò che m’irrita di più non sono le avidità capitalistiche dei produttori , ma il semplice fatto di aver affiancato due mondi completamente diversi o, meglio dire , incompatibili. I superpoteri di Flash mettono in cattiva luce il calvario di Arrow !Cosa sono i semplici criminali , gli assassini o il mirakuru per un uomo veloce come un tuono ? Il mondo di Oliver è plausibile e non va per niente d’accordo con l’altro fantastico ed impossibile. Forse il collegamento non è disastroso , ma di certo fastidioso.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,381FollowersFollow

Ultimi Articoli