5 serie tv cancellate troppo presto

Serie TV Telefilm

Più ne vengono prodotte, maggiore è la possibilità di un insuccesso: questo è quello che accade alle serie televisive, che molto spesso vengono eliminate dopo qualche stagione fallimentare, una manciata di puntate o addirittura un singolo pilot. Qui abbiamo 5 serie tv cancellate dopo la prima stagione e relativamente recenti, prodotti che avrebbero potuto invece riscuotere un grande successo, se non fosse stata proprio per la grossa mole di lavori simili rilasciati ogni autunno.

1) Forever (2014)
Partiamo con quella che probabilmente è la serie meglio realizzata tra le presenti. La ABC lanciò i primi 22 episodi nel 2014 e scelse come protagonisti Ioan Gruffudd (Harrow), Alanda de la Garza (FBI) e Judd Hirsch (apparso qualche anno fa in The Big Bang Theory nel ruolo del padre di Leonard). Si trattava di un crime che ruotava attorno a un uomo, l’affascinante coroner Henry Morgan, che grazie al potere dell’immortalità aiuta una bella e talentuosa agente di polizia nelle indagini; se questi dettagli possono ricordare Lucifer, è bene sottolineare che la serie è stata messa in onda un anno prima rispetto al crime con Tom Ellis.
Sebbene dotata di un’ottima sceneggiatura e ben strutturata, Forever ha avuto la sfortuna di uscire in contemporanea con iZombie, con la quale condivide un coroner dotato di poteri speciali, un collega che fa da spalla comica e tanti altri punti che hanno visto infine vincitrice la serie della The CW.

2) No Tomorrow (2016)
Due anni dopo la The CW produsse No Tomorrow, 13 episodi per raccontare la reazione di due giovani adulti di fronte a una possibile fine del mondo. Quando Eve (Tori Anderson, Blindspot) incontra Xavier, non immagina che l’uomo sia convinto al cento per cento che l’Apocalisse sia vicina, ma per curiosità e desiderio d’evasione decide di assecondarlo e compila come lui una lista: tutto ciò che dovranno fare entro il fatidico giorno. Divertente, ma non abbastanza da ottenere un rinnovo, purtroppo per il povero Joshua Sasse (Xavier) che già aveva dovuto affrontare l’immotivata chiusura di Galavant dopo sole due stagioni.

3) Hindsight (2015)
VH1 propose una serie di 10 episodi dedicati al viaggio nel tempo, che nel 2015 era in voga: basti pensare al crescente successo della nuova serie di Doctor Who o a videogiochi come Life is Strange. In Hindsight, Becca (Laura Ramsey, The Covenant) sviene in un ascensore il giorno del suo secondo matrimonio per risvegliarsi venti anni prima, nel 1995, data delle sue prime nozze. Ha sempre pensato di avere fatto scelte sbagliate in passato, quindi ora è giunto il momento di rimediare, ma il futuro secondo marito è fidanzato con un’altra donna e il cuore di Becca batte ancora per il primo amore, nonostante lei sappia che non potrà durare. La sua unica consolazione è l’amicizia con Lolly (Sarah Goldberg, Barry), con la quale ha chiuso i ponti da tempo e che è il suo vero rimorso; Lolly è la sola a sapere del viaggio nel tempo di Becca e non mancano gag divertenti sugli eventi ancora non avvenuti nel 1995, come le coppie di Friends.

4) One Big Happy (2015)
Tra le 5 serie tv cancellate dopo la prima stagione abbiamo ora una sit-com che, dopo appena sei episodi, è stata cancellata dalla NBC. Lizzy (Elisha Cuthbert, 24) e Luke (Nick Zano, 2 Broke Girls) sono amici da una vita e, in assenza di relazioni con altre persone, decidono di avere un figlio – in particolare Lizzy, essendo omosessuale, sa di non poterne avere da una futura partner. Il giorno in cui Lizzy annuncia all’amico di essere riuscita a rimanere incinta, lui le comunica invece di avere incontrato l’inglese Prudence, l’amore della sua vita, che l’amica trova insopportabile. I tre si troveranno quindi a vivere insieme e, per loro fortuna, l’episodio finale ha dato a tutti un lieto fine.

5) You, Me and the Apocalypse (2015)
Per caso avevo detto che Forever era forse la serie migliore tra le cinque presenti? Me lo rimangio e punto invece su un’opera che, come No Tomorrow, pone l’imminente Apocalisse al centro della trama. Peccato che, in questo caso, si tratti di un evento vero. Diverse storie si intrecciano tra loro: la madre che finisce in galera al posto del figlio hacker e si ritrova a evadere con la detenuta nazista interpretata da una magistrale Megan Mullally (Will & Grace); il banchiere perennemente sfortunato che è preso di mira dal malefico fratello gemello, di cui non conosceva l’esistenza; infine il prete cinico ed eccentrico (Rob Lowe, Parks & Recreation) che insieme a una giovane suora gira il mondo alla ricerca del Messia che possa salvare l’umanità. Risate, colpi di scena, dramma e amore in questa serie nata da una collaborazione anglo-americana che aveva tutte le possibilità per sbancare. E che, purtroppo, ha ottenuto uno scarso successo proprio in America.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.