24: Live Another Day | Dal Comic-Con nessuna notizia sulla prossima stagione

24-live-another-day-san-diego-comic-con-fox

Dal panel del Comi-Con dedicato a 24: Live Another Day, non sono arrivati annunci a sorpresa riguardo a un’altra stagione del drama FOX, ma in compenso non sono stati risparmiati dettagli behind the scene. La star Kiefer Sutherland e il produttore esecutivo Jon Cassar si sono accomodati in una Ballroom 20 gremita, per parlare ai fan di questa avventura di Jack Bauer.

Il maggior cambiamento in questa stagione, oltre al fatto di avere 12 episodi al posto di 24, è stato il trasferimento della produzione a Londra. “È stato difficile,” ha detto Sutherland. “Le armi ci hanno causato problemi.”

Ovviamente, uno show come 24 è pieno di armi da fuoco, ma c’è una grande differenza in fatto di leggi fra Stati Uniti e UK per quel che riguarda l’uso di esse sullo schermo. “Ci sono volute sei settimane solo per poter tenere una pistola sul set. Sei settimane di preavviso,” spiega. Per ovviare a questi problemi si sono cercate soluzioni alternative. “Al posto di uccidere qualcuno, in quali altre maniere si può creare un dramma?”

Anche le persone sono diverse. Negli USA è facile per la polizia far sgomberare una strada per delle riprese, ma in Inghilterra non proprio. “A Londra non si può fare,” ha detto Sutherland. “La gente ci tiene molto ai propri diritti. ‘Questo marciapiede è mio, l’ho pagato io, sta scritto nella Magna Carta.’”

Tutto ciò ha creato una situazione molto particolare in determinati giorni: “C’è una scena nella quale [Chloe] mi dice che suo marito e suo figlio sono stati uccisi,” racconta Sutherland. “Eravamo in macchina, e nessuno di noi sapeva che a pochi passi di distanza c’erano circa 2000 persone ferme in un parcheggio a osservarci.”

Sutherland ha anche parlato di come sia stato lavorare con la star di Game of Thrones, Michelle Fairley, specificatamente nella scena finale. “Come da copione, sono arrivato dalla finestra, le ho sparato e l’ho uccisa,” ricorda. “Ho detto, ‘No, questo non è possibile. Voglio almeno poter dire di aver lavorato con lei.’”

Da qui si è giunti a come sono poi andate effettivamente le cose, che non sono proprio state lisce. Sutherland aggiunge, “Non posso propriamente dire di aver avuto una scena con lei, perché ho passato tutto il tempo a tenerla. Era incredibilmente forte. Quindi quando l’ho lasciata andare dalla finestra, sono stato sollevato.”

Per quel che riguarda la stagione, Sutherland ammette che è stato come se lo show fosse stato “troncato” nei momenti finali. “È difficile separarsene. È difficile terminarlo,” ha detto. “Nessuno di noi voleva che accadesse.” Al panel non è stato dato un annuncio ufficiale sulla prossima stagione, ma se non altro nessuno sembra pronto ad attaccare la borsa di Jack Bauer al chiodo.

Fonte

 

Elsa Hysteria
Nella sua testa vive nella Londra degli anni cinquanta guadagnandosi da vivere scrivendo romanzi noir, nella realtà è un’addetta alle vendite disperata che si chiede cosa debba farne della sua laurea in comunicazione mentre aspetta pazientemente che il decimo Dottore la venga a salvare dalla monotonia bergamasca sulla sua scintillante Tardis blu. Ama più di ogni altra cosa al mondo l’accento british e scrivere, al punto da usare qualunque cosa per farlo. Il suo primo amore telefilmico è stato Beverly Hills 90210 (insieme a Dylan McKay) e da allora non si è più fermata, arrivando a guardare più serie tv di quelle a cui è possibile stare dietro in una settimana fatta di soli sette giorni (il che ha aiutato la sua insonnia a passare da cronica a senza speranza di salvezza). Le sue maggiori ossessioni negli anni sono state Roswell, Supernatural, Doctor Who, Smallville e i Warblers di Glee.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

42,996FansLike
11,745FollowersFollow
3,434FollowersFollow

Ultimi Articoli