Image default
Netflix Recensioni Titans

Titans – Un inizio promettente

Da grandi aspettative derivano grandi responsabilità.

Prendo in prestito una citazione della concorrenza per iniziare questa mini recensione del pilot di una serie a lungo attesa e sponsorizzata che molto mi ha incuriosito visto che adoro la serie animata (la bimba che è in me esulta davanti ai Teen Titans Go!) e il mito di Batman e soci.

Beh, le mie aspettative sono state rispettate alla grande, visti i molti punti a favore.

  • Dick Greyson/Robin: lo conosciamo prima come Dick poi come un Robin. In entrambi i casi è incisivo e interessante. Bene il mistero sul perché abbia lasciato Batman, sull’impatto della morte della sua famiglia e l’adozione – praticamente – da parte di Bruce Wayne e come questo abbia forgiato il suo carattere. Malgrado quel “F* Batman” profumasse di ribellione adolescenziale, lo spettatore si ricrede dopo pochissimo.

  • Rachel/Corvina: è lei ad aprire la puntata ed è lei a tenere banco. Ciò che la possiede è potente e misterioso tanto quanto lei è fragile e spaventata. La storia pare ripetersi ma il mistero su cosa accadrà in seguito e come reagirà Dick alla scoperta del demone nella ragazzina è tutto da vedere.

  • Kory/Starfire: la conosciamo dopo che ha perso la memoria e con lei scopriamo i suoi incredibili poteri. Magnetica l’attrice che ti avvolge con il suo sguardo facendoti sentire parte della sua confusione, intrigante la sua storia: sta dando la caccia a Rachel, perché? Chi è Kory in realtà? Perché vuole Corvina?

  • Beast Boy: appare per una manciata di minuti alla fine dell’episodio ma conquista con un sorriso. La tigre irrompe in un negozio di elettronica per rubare un videogioco: è Beast Boy, basta questo.

  • Le atmosfere dark che fanno molto Gotham.
  • Mi piace la scelta di non renderli teenager tutti e quattro, scelta che potrebbe fare nascere un diverso tipo di legame tra i vari personaggi con conseguenti nuove tematiche ed equilibri.
  • La ritrosia della città di Detroit davanti alla presenza di un vigilante in città: la paura di attirare in questo modo i mostri più mostruosi dalla vicina Gotham è tanta e la città non è felice della presenza di Robin e la perplessità di Dick è da manuale.
  • Un grande nemico che ha radici in tutto il mondo: chi è? Cosa vuole?

In conclusione, non fa i fuochi d’artificio ma per ora sembra valido e promette bene: io lo guarderò con piacere e interesse e spero lo facciate anche voi. 

Related posts

The Alienist – Caccia Al Precursore di Jack Lo Squartatore

Sam

AHS Apocalypse | Non fate arrabbiare il figlio di Satana!

Lestblue

Revolution | Recensione 2×14 – Fear and Loathing

Jules

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv