Image default
Recensioni The Walking Dead

The Walking Dead | Recensione 3×16 – Welcome to the Tombs

Taglio direttamente la testa al toro. Come molti di voi, desideravo molto di più da questo finale di stagione. D’altro canto non mi aspettavo per niente quello che è successo.

Andrea

Nella mia mente avevo proiettato Andrea nella quarta stagione. Un personaggio che, levando alcune scelte discutibili, da un lato era carismatico e dall’altro è stato la personalità più umana di tutte in questa stagione. Ma il suo ideale, ovvero quello di cercare di non far ammazzare nessuno, vivendo felici ed insieme, l’ha portata alla morte. Come dicevo prima, la vedevo bene nel futuro, quindi la sua dipartita ha sconvolto completamente i miei piani. E questa cosa è da lodare. Il tutto però è stato trattato in maniera anticlimatica e semplice. Non mi aspettavo la terza guerra mondiale in questo fatidico scontro, però è come se fosse stato rimandato il più bello alla stagione successiva.

Rick

Lo scontro brutale che si era prospettato è stato assente. E’ stato più uno scontro di ideologie. Quella di Rick ha vinto. Non solo perchè è riuscito a difendersi dall’assalto con un piano ben congeniato, ma soprattutto perchè ha ritrovato se stesso. La scomparsa delle visioni di Lori è un buon segno che lo proietta verso scelte più giuste e una visione più ampia di tutto, non solo del necessario. Ed è esplicativo il discorso con Michonne, meglio conosciuta come “migliore entrata della stagione”.

Pazzo

Dall’altro lato abbiamo il Governatore che rivela la sua schizzofrenia psicologica facendo una strage insensata. Così la sua dittatura crolla definitivamente, svelando ai suoi concittadini la sua vera natura. Sono curioso di vedere cosa farà ora, con solo due uomini rimasti. Lo scontro  ha creato una situazione di stallo che ci proietta verso il futuro. E un piccolo assaggio lo abbiamo con Carl. Il gesto di uccidere quel povero ragazzo che si era arreso non porta nulla di buono. Come se il problema di Rick sia passato di mano a Carl. E il padre dovrà fare di tutto per impartirgli la lezione.

Gli sviluppi per la prossima stagione sono piuttosto interessanti. Però come verranno trattati? Questa stagione di The walking Dead è stata come un giro sulle montagne russe con un inizio che ha raggiunto vette di tensione assurde, andando poi verso una zona leggermente introspettiva, bello da vedere ma solo a tratti. Quello che vorrei è che si trovasse un equilibrio tra le due cose, durante tutto l’arco della stagione. Nonostante questo, per me The Walking Dead è uno show che in tre stagioni è cresciuto in maniera esponenziale. Era partito come un semplice esperimento di sole 6 puntate nella prima stagione, è riuscito a superare i vuoti della seconda stagione arrivando a questa terza che senza dubbio è stata la migliore fin ora.

group

  • L’episodio finale ha stracciato ogni record di ascolti. Visto da ben 12.419.000 spettatori con 6.4 punti di rating. Ascolti semplicemente mostruosi che garantiranno stagioni su stagioni.
  • Se avete notato tutti la bellissima canzone di sottofondo nell’ultima parte, è stata composta da Bear McCreary, famoso per aver composto alcune tracce anche per Battlestar Galactica.



  • Lo show ritornerà questo autunno nelle mani di Scott M. Gimple come produttore. È ben inserito nello show, dato che è gia produttore e ha diretto un paio di episodi (tra cui Clear che per me è uno dei più belli di questa stagione). Ma nello stesso tempo è un incognita, guardando un pò questo finale atipico. Non ci rimane che incrociare le dita e sperare per il meglio. Il successo è comunque garantito.

Related posts

Arrow | Recensione 1×21 – The Undertaking

Salvo88

Star-Crossed | Recensione 1×01 – Pilot

Jules

Hart Of Dixie | Recensione 1×14 – Aliens Aliases

LuigiT

2 comments

JaneRizzoli
JaneRizzoli 3 Aprile 2013 at 13:58

Sono d’accordo con tutto quello che hai scritto.
La morte di Andrea, e lo dico da lunedì, non la digerirò mai, soprattutto perché, durante i momenti critici, hanno lasciato che si facesse trasportare dal sentimentalismo invece di sbrigarsi a liberarsi ed uccidere Milton come si deve.
Questa terza stagione mi è piaciuta parecchio! Ci sono stati momenti di picco altissimo e altri, soprattutto negli ultimi episodi, molto down… non so perché abbiano scelto di fare così.
Appena è iniziato quest’ultimo epi ho detto “Se mi uccidono Andrea non lo vedrò più”, ma so che non sarà così perché amo questo show e sono curiosa di vedere cosa accadrà a quel BIP del Governatore è_é.

Reply
Sabrina 3 Aprile 2013 at 17:16

Giuseppe, non aspettavo altro che la tua recensione, per sapere cosa ne pensavi.

Sono pienamente d’accordo con te, su tutto quello che hai scritto.
Sono curiosa di vedere cosa farà il Governatore nella prossima stagione, ossia come sfrutteranno il suo personaggio, alla fine gli sono rimasti solo due uomini!

Bello bello bello *O*

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv