Image default
Recensioni The Walking Dead

The Walking Dead│Recensione 5×02 – Strangers

twd5

“Strangers” è un episodio in un certo senso statico e quasi totalmente dedicato ad una nuova conoscenza dei nostri e al modo che ormai Rick & Co. hanno di relazionarsi con gli estranei. Scampati a Terminus, i sopravvissuti vagano per i boschi ed incontrano casualmente Gabriel, un prete che continua a predicare la non violenza e che è rimasto rifugiato nella sua Chiesa sin dall’inizio della fine del mondo che conoscevamo: Gabriel si mostra subito piuttosto schivo e timoroso e dice addirittura di non aver mai ucciso neppure un walker; egli accetta (non che avesse molta scelta) di ospitare i suoi salvatori e di aiutarli a reperire i mezzi per rifocillarsi e fuggire in direzione di Washington. Ma i problemi non sono certo finiti per lo Sceriffo Grimes ed i suoi amici: Gareth e i suoi uomini sono sulle loro tracce e i rapitori di Beth, ancora senza volto, paiono bazzicare in quei paraggi.
Gabriel, il nuovo personaggio introdotto da questa 5×02, è una figura enigmatica. Al primo impatto è un uomo di fede intimorito da ciò che è st1diventato il mondo ed intenzionato – se ciò che dice è vero – a non prendere coscienza del fatto che i tempi sono cambiati e che ora è spesso necessario essere spietati e violenti per sopravvivere. Come Rick dice efficacemente a Carl, “You are not safe”. Ma se ad una prima impressione è questo che il prete comunica, non passa molto prima che sorgano i primi dubbi: è davvero possibile che quest’uomo sia sopravvissuto da solo per anni tenendo un simile stile di vita non violento? Non ha mai dovuto affrontare nessuna banda armata che reclamava la sua Chiesa e le sue provviste? Francamente, è difficile da credere. Inoltre, i segni e la scritta trovati da Carl non lo inchiodano, ma fanno pensare: da un lato potrebbe essere la semplice opera di un vandalo, magari fatta prima dell’apocalisse, dall’altro potrebbero costituire un serio indizio del fatto che Gabriel nasconda qualcosa. E che il prete non sia stato del tutto sincero con i nostri è un pensiero che scaturisce anche dalla sua reticenza, dal suo continuo dire che anche lui ha commesso dei peccati e che ne risponde a Dio. Strano per uno che dice di vivere da solo dall’inizio dell’epidemia e che assicura di essere un non violento. Cosa starà nascondendo? Forse è implicato nella sparizione di Beth? La ragazza, infatti, fu portata via da una vettura con un simbolo religioso all’interno. Ad ogni modo, l’introduzione del religioso e dei punti interrogativi che circondano la sua figura è un motivo in più per continuare a seguire lo show.
In “Strangers” torna in ballo il personaggio di Beth che, colpevolmente dimenticata da sorella e autori, era stata portata via dall’auto di cui si parlava prima. Carol e Daryl, poco cautamente in giro in piena notte, vedono una vettura sfrecciare e l’uomo si rende subito conto che quasi certamente è la stessa che aveva portato via la sua amica: chi sarà? Speriamo che il prossimo episodio metta fine all’annosa questione, perché è da un po’ troppo tempo che ci si interroga su di essa.
Sul finire dell’episodio ritroviamo Gareth e alcuni suoi fedeli sopravvissuti: i cannibali – perché è questo che sono diventati – sono intenzionati a farla pagare a Rick e agli altri, ed iniziano la loro opera rapendo Bob e mangiandone una gamba. La sequenza è di grande impatto e descrive bene l’orrore di questi uomini costretti a diventare bestie per sopravvivere: Gareth e i suoi sono la proiezione oscura di Rick e gli altri, sono diventati dei pazzi sadici e cannibali perché non sono riusciti, in un mondo devastato dalla violenza, a tenersi stretta la propria umanità. In ultimo, ast2 questo proposito, i lettori del fumetto noteranno come Bob abbia sostituito Dale, che nell’opera cartacea di Kirkman faceva più o meno la medesima fine.
A parte un finale d’effetto e l’introduzione di un nuovo misterioso personaggio, “Strangers” è in gran parte una riflessione sulla evoluzione dell’uomo in un momento difficile per la civiltà. In questo nuovo mondo ci sono: quelli che rifiutano il cambiamento (Gabriel, almeno apparentemente), quelli che lo hanno accettato e che conservano in parte i valori che avevano un tempo (Rick e gli altri che, pur essendo cauti, non disdegnano di aiutare altra gente quando è possibile) e quelli che si sono fatti sopraffare dagli eventi e che hanno deciso di annullare la propria umanità (Gareth e i suoi compari).
Certo, “Strangers” non è l’episodio più riuscito della serie, ma si lascia guardare ed apre le porte a nuovi interessanti orizzonti quali la vendetta dei sopravvissuti di Terminus, i segreti di Gabriel e la possibile scoperta del luogo dove è rinchiusa Beth e il suo susseguente ritorno “a casa”.

Non dimenticatevi di passare dalle pagine fb The Walking Dead Italia e The Walking Dead – Italia per essere sempre aggiornati sullo show!

E, per finire, il promo del prossimo episodio:

http://www.youtube.com/watch?v=quvmRIkbCTw

Related posts

Supernatural – Recensione 15×04: Manie di onnipotenza

ChelseaH

The Walking Dead | Daryl prende la mira su…

JaneRizzoli

iZombie | Recensione 2×05 – Love & Basketball

Rowhick

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv