Image default
Recensioni The Vampire Diaries

The Vampire Diaries | Recensione 4×21 – She’s Come Undone

A due episodi dal finale di stagione “She’s Come Undone” ha il merito di farci vedere (finalmente!) Silas in azione ed Elena che riaccende le emozioni. I fratelli Salvatore (Paul Wesley e Ian Somerhalder) sono impegnati a torturare Elena (Nina Dobrev) per farle provare dei sentimenti, in modo che la ragazza riaccenda le emozioni che aveva spento a seguito della morte del fratello. Intanto Rebekah (Claire Holt) si preoccupa del fatto che Matt (Zach Roerig), per il quale ha un debole, perda l’anno scolastico e Caroline (Candice Accola) è minacciata da Silas (Raymond Scott Parks) che vuole ritrovare a tutti i costi la sua strega. Bonnie (Kat Graham) decide di stringere un’insolita alleanza.

La parte della puntata riguardante il terzetto Elena/Damon/Stefan è ben condotta. Gran parte del merito della sua riuscita è da dare a Nina Dobrev, che in questa stagione sta dimostrando di essere cresciuta molto come attrice. I momenti in cui il suo personaggio riaccende la sua umanità sono carichi di pathos e non si può fare a meno di sentirsi toccati nel profondo: la sua è la migliore performance di tutto il cast in questo episodio. Finalmente il nostro show dimostra di aver messo da parte l’abusata questione triangolo e si focalizza sui personaggio: i Salvatore e il loro rapporto di amicizia e fratellanza che li porta a rinunciare (o, almeno, mettere da parte) alle loro rivalità amorose pur di aiutare la Gilbert. I tre personaggi principali stanno crescendo e questo e un bene: speriamo si continui così, perché focalizzarsi troppo sulle ships non fa mai bene alla storia.

scu

La parte relativa a Silas ha ricordato molto un classico film dell’orrore, molto alla “Scream” insomma. L’inseguimento del primo immortale ai danni di Caroline è stato efficace, ha colpito nel segno: Ha comunicato molto bene la paura della ragazza e il pericolo che il vampiro ormai rappresenta per tutti. L’apice è rappresentato dalla struggente scena tra la Forbes e sua madre: la vampira era distrutta dall’idea di perderla, Candice Accola (insieme alla Dobrev) ha regalato un’ottima performance che ha offuscato anche un non del tutto convincente Joseph Morgan nei panni di una delle tante incarnazioni di Silas. Gli autori hanno fatto più che bene a non uccidere lo sceriffo Liz Forbes: perdere lei avrebbe significato privare la nostra storia dell’ennesimo personaggio umano, nonché di un personaggio che ci portiamo avanti dalla prima stagione.

scu2

In questa puntata finalmente il buon Matt ha una sua utilità: Matt Donovan è il classico bravo ragazzo che nessuno si fila. Se ci si pensa lui è l’unico dei nostri a dover veramente barcamenarsi tra problemi umani (la mancanza di famiglia e soldi) e problemi sovrannaturali e lo ha sempre fatto dignitosamente e senza troppe lamentele. È un personaggio che meriterebbe di più e sarebbe un peccato perderlo: senza contare che è l’unico umano rimasto tra i ragazzi! È stato significativo il fatto che Elena abbia riacceso le emozioni dopo aver temuto di perdere quello che è stato il suo primo amore: Matt è quello che più di tutti (quelli rimasti in vita) le ricorda di quando era solo una semplice ragazza, di quando aveva la vita normale di ogni adolescente. Elena gli sarà sempre legata per questo motivo, anche se non lo ama più. E non è poco. Oltre questo, è stato bello vederlo interagire con Rebekah: si vede che la vampira ha un debole per lui e sarebbe interessante approfondire questa loro reciproca simpatia. Peccato che la bionda Original andrà presto via da Mystic Falls per approdare in quel di New Orleans….

scu3

Bonnie, che come Matt (ma meno) è un personaggio che viene costantemente messo da parte e tirato fuori quando serve, in questa puntata stringe un’alleanza inaspettata con Katherine: la Petrova, abbandonata da Elijah, dovrà fornirle la pietra tombale di Silas utile per completare l’incantesimo. Cosa deciderà di fare la strega? Vuole davvero aiutare il primo vampiro? Non è semplice credere che la Bennett, da sempre grande amica di Elena e persona fidata, passi dalla parte dei malvagi. Comunque sarà interessante approfondire il tutto, anche se un tradimento sarebbe fuori luogo visto l’irreprensibile passato del personaggio. Katherine, dal canto suo, mira a diventare invincibile: questo passaggio non convince e suona un po’ ridicolo, ma almeno spiega perchè la Petrova decide di aiutare un’amica della Gilbert….. Staremo a vedere come finirà la vicenda, sperando che la Pierce non faccia una brutta fine. Le vicende di “The Vampire Diaries”, a pensarci bene, sono cominciate grazie al suo intrigante e carismatico personaggio e, sebbene ora non abbia un ruolo propriamente centrale nella storia, sarebbe un vero peccato perderla.

scu4

Insomma, dopo il non del tutto riuscito scorso episodio incentrato sugli Originals, “The Vampire Diaries” sforna una puntata piacevole e a tratti commovente. Il diploma si avvicina e con esso il momento in cui il velo che separa le due realtà che Silas vuole unire cadrà: che cosa succederà? E cosa ha davvero in mente di fare Bonnie? Davvero intende aiutare Silas, magari per far tornare Jeremy? Comunque vada, si spera che gli autori non faranno morire Katherine, senza dubbio uno dei migliori personaggi dello show: già dalla prossima stagione non ci saranno più gli Originals, se dovesse sparire anche la Petrova le cose potrebbero mettersi davvero male per questa serie tanto amata dal pubblico.

Related posts

Perché Tredici (non) mi è piaciuto

Ebe

The Vampire Diaries | Photo-Recap 6×01 – I’ll Remember

Prince

Grey’s Anatomy | Recensione 8×24 – Flight

sweetsilvia

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv