Image default
Recensioni The Vampire Diaries

The Vampire Diaries | Recensione 4×19 – Pictures of You

balloDopo la pausa il nostro show torna con un episodio piacevole, ma non del tutto soddisfacente. Bonnie (Kat Graham) è perseguitata da Silas che, con le sembianze di Jeremy, cerca di convincerla a lavorare per lui. Caroline (Candice Accola), organizzatrice del ballo di fine anno, è costretta a rivolgersi a Klaus per trovare un vestito adatto all’occasione dato che quello che aveva scelto lei è stato rubato. Elena (Nina Dobrev) si mostra sempre più spietata, tanto da provare ad uccidere una sua vecchia amica: i Salvatore capiscono che è il momento di ricorrere alle maniere forti. Intanto Rebekah (Claire Holt), ossessionata dall’idea di diventare umana, fa uno strano patto con Elijah (Daniel Gillies) pur di avere la cura.

Il Klaroline è presente anche in questa puntata. Klaus si dimostra un gentiluomo attento (per quanto possibile a uno come lui) a ciò che la donna che ama desidera: prima, in una divertente scenetta, si fa distrarre da una Caroline ansiosa di avere uno dei vestiti d’epoca che lui gelosamente conserva; poi permette addirittura che Tyler torni in città e passi del tempo con lei pur di farla felice. L’ibrido è di certo uno dei personaggi più interessanti e sfaccettati dell’universo ora in mano a Julie Plec: sarà bello vederlo in azione come protagonista in “The Originals”, backdoor pilot in onda giovedì 25 e ambientato a New Orleans. Il ritorno di Tyler è stato inaspettato, ma anche troppo breve: avrebbero potuto gestirlo meglio. Per certi versi ha ricordato il ballo d’addio tra Buffy ed Angel in “The Prom”, quando entrambi sapevano che non c’era futuro per la loro storia. Ma lì non c’era un terzo incomodo: indubbiamente Caroline prova un forte sentimento per il suo (ex?) ragazzo, ma è indiscutibilmente attratta anche da Klaus. Di certo succederà qualcosa tra di loro prima che lui lasci lo show e, se da una parte dispiace che il loro rapporto non verrà approfondito, dall’altra non si può fare a meno di essere contenti pensando che il personaggio dell’ibrido, ora come ora, è sprecato ed è quindi arrivato il momento che lasci la città.

caroline

Gli Originals ci regalano, come spesso è accaduto, alcuni dei momenti migliori dell’episodio: Klaus dimostra di essersi ammorbidito rispetto a come era quando arrivò a Mystic Falls e Rebekah e Elijah dimostrano che c’è un grande amore fraterno tra di loro, tanto che quest’ultimo mette in gioco il suo rapporto con l’unico fratello che gli è rimasto pur di vedere esaudito il desiderio di sua sorella. Sarà una buona cosa averli tutti e tre insieme nello spin-off, sperando che ne verrà fuori un prodotto più dark di “The Vampire Diaries” e, soprattutto, con una trama solida ed intrigante.

La nuova Elena è sempre più una copia sbiadita di Katherine. È mai possibile che il non avere sentimenti si sia tradotto nel diventare nulla più che una cafona che pensa solo ai suoi interessi? E come è possibile che, a prescindere dal fatto che non può provare amore, non provi un minimo di attrazione fisica per uno a caso dei fratelli Salvatore? Di buono c’è che sembra che la Gilbert non sia così forte e determinata nel voler rimanere senza emozioni. Se il solo guardare foto del suo passato l’ha fatta barcollare, magari presto i Salvatore troveranno un modo per farla tornare com’era, anche usando la paura. Comunque c’è da dare atto al fatto che il suo aver rubato l’abito a Caroline ed averla costretta a ricorrere all’aiuto di Klaus ha messo un pizzico di pepe all’episodio e ne ha reso piacevole la visione: è stato un gesto infantile che ha dato un po’ di comicità ad una puntata che, per altri versi, è stata cupa.

elenacafona

Note stonate nel ritorno di April e nelle foto giganti che si vedono durante il prom: perchè in “The Vampire Diaries” c’è la brutta usanza di far sparire dei personaggi? La scusa che è uno show corale non può neanche essere presa in considerazione. Sarebbe prova di buone capacità di scrittura da parte degli autori il riuscire ad amalgamere più storylines insieme e, di conseguenza, non lasciare nessun personaggio “fuori dai giochi” per troppo tempo. E ancora: perchè, se il ballo riuguardava tutta la scuola, c’erano foto solo dei nostri protagonisti? Una maggior attenzione a simili grossolani errori sarebbe gradita.

Parlando di personaggi usati ad intermittenza, Bonnie, finalmente tornata alla ribalta, è sempre più dark Willow e presto dovremo arrivare ad un punto di svolta: si schiererà con o contro Silas? Il suo scontro “finale” con Elena è stato d’effetto: di certo la strega Bennett ha tutte le carte in regola per diventare un temibile villain, ma mi auguro che gli autori vorranno discostarsi da “Buffy the Vampire Slayer”, avendolo scopiazzato sin troppo sino ad ora. Finalmente vediamo, anche se a malapena, il volto di questo primo immortale: è quello di un giovane uomo sfregiato che, come lui stesso ci racconta, è stato vittima di un incantesimo che gli ha impedito di essere amato. Insomma, un misto tra “Il fantasma dell’opera” e “La Bella e la Bestia”. Che dire? Non c’è molta originalità, ma magari gli autori sapranno giocarsi bene le loro carte rendendo questa faccenda secondaria. Staremo a vedere.

silas

Questo diciannovesimo episodio è piacevole e scorrevole, ma non all’altezza né dello scorso, né delle stagioni passate. Che per “The Vampire Diaries” siano definitivamente passati i tempi d’oro? La serie riuscirà a riprendersi anche se (probabilmente) nella quinta stagione non ci saranno più gli Originals ad arricchirla con il loro charme e le loro complesse vicende familiari? Speriamo. Certo è che il big bad di questo quarto ciclo di episodi non convince e la concreta possibilità che non verrà sconfitto nella 4×23 non fa ben sperare.

 

Per chi volesse dare un’occhiata al possibile spin-off di TVD: “The Originals” promo

Related posts

Banshee | Recensione 2×02 – The Thunder Man

Lestblue

The Walking Dead | Recensione 5×07 – Crossed

Clizia Germinario

The Vampire Diaries | L’incontro epico tra Damon ed Elena

Vincenzo

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.