The Originals 5×04 – Klaus Mikaelson è tornato!

Continua la strada verso il finale di serie per “The Originals”, questa quarta puntata ci ha riportato Klaus Mikaelsons per come lo conosciamo, per fortuna e PURTROPPO.

Io adoro Klaus, credo non sia un mistero, e in effetti ho adorato ogni sua scena in questa puntata, devo però confessarvi che dopo tutti questi anni sono anche un po’ stufa di vederlo sempre così… stratega ma fine a se stesso, non guarda al di là del suo naso. E badate bene, il suo piano era un super piano, ha raggiunto il suo obiettivo, perdendo di vista però i sotto-obiettivi, che peraltro non erano meno importanti, anzi.

Che bisogno aveva di ammazzare la strega e il licantropo??? NESSUNO, avrebbe potuto separare le fazioni in altro modo e sarebbe peraltro bastato dire ai lupi che il ragazzino ibrido era stato ucciso dai vampiri. Vampiri che sono anche responsabili della scomparsa di Hayley, aiutati presumibilmente dalle streghe… peccato che, visto il piano geniale fino a un certo punto di Klaus, adesso quest’ultimo si ritrova senza l’aiuto di Vincent, il quale (giustamente) si è anche stufato di aiutarlo, viste tutte le sue azioni non solo criticabili, ma anche inutili.

Bellissime le scene tra Marcel e Klaus, la loro ritrovata unione, la loro intesa, diciamo però che Marcel poteva anche dire a Klaus di smetterla di lamentarsi del fatto che Elijah l’abbia rifiutato, cos’altro poteva aspettarsi?!? E’ soggiogato a  non ricordare nulla del suo passato, potrà anche sapere chi è in realtà, ma senza la sua storia, i sentimenti, le emozioni, di fatto è come se fosse una persona nuova. Inoltre, è Klaus stesso a dire queste cose a Elijah, per cui a maggior ragione questa sua reazione è un po’ strana. Certo, fa male, ma fino a un certo punto, non sono reali, sentite. Klaus avrebbe fatto meglio a dire a Marcel di andare a Manosque a recuperare Elijah e fargli tornare i ricordi, visto che la Famiglia ha bisogno di lui. Basta stpidaggini. Ridateci Elijah Mikaelson.

Ovviamente quando ho visto salpare la ship Freya-Vincent, ecco che arriva Ivy e si piazza in mezzo come un iceberg… che poi Ivy mi piace anche, solo che è passata dall’essere una nessuno a punto di riferimento delle streghe, persino di Vincent. Vogliamo anche parlare del fatto che non solo legge le carte ma prevede anche il futuro? Praticamente è la ragazza perfetta.

Nel frattempo Freya a Mystic Falls cerca di far capire a Hope che deve controllare i suoi poteri perché potrebbe essere la rovina di New Orleans e del mondo intero… onestamente ho trovato un po’ forzata l’incazzatura di Hope, la scena non ha raggiunto quell’apice che doveva giustamente portare Hope a “scattare” e dare di matto. Peccato. In mezzo a tutto questo Hope trova anche il tempo di flirtare con Roman… l’unico che gioca a calcio senza maglietta, mica male! Io continuo a pensare che lui nasconda qualcosa… non mi convince.

Klaus che riceve la scatola con il lembo di pelle di Hayley, una tristezza infinita, però è meraviglioso vedere quanto Klaus tenga a Hayley, la madre di sua figlia, parte della Famiglia.

Alla fine Kluas rompe la scatola e salta fuori una vecchia moneta, con un simbolo nazista… vecchi nemici, che cosa significa?

Bene, per questa settimana i fermo qui e vi lascio con il promo della prossima puntata, “Don’t It Just Break Your Heart”, di cui si occuperà Sam!

 

Ricordatevi di passare in queste meravigliose pagine per news, aggiornamenti e spoiler settimanali sugli episodi, sui nostri personaggi preferiti e tanto altro!

What’s the point in being good?

The White Queen Italia

 




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Gnappies_mari
Nata negli anni 80, grazie al suo papà clone di Magnum P.I., cresce a pane e “Genitori in blue jeans” (dove si innamora di Leonardo di Caprio che troverà poi in quei film tanto amati come "What's Eating Gilbert Grape" o “Total eclipse”), l’uomo da 6 milioni di dollari, l’A-Team, Supercar e SuperVicky. L’adolescenza l’ha trascorsa tra Beverly Hills 90210, Santa Monica e Melrose Place..il suo cuore era sul pianeta di Mork e alle Hawaii..anche se fisicamente (ahimè) era sempre e solo nella provincia bergamasca. Lettrice compulsiva fin dal giorno in cui in prima elementare le hanno regalato Labirinth è appassionata di fantasy (Tolkien è il suo re, Ann Rice e Zimmer Bradley le sue regine) e di manga (Video Girl AI in primis per arrivare a Paradise Kiss e Nana), anche se ultimamente è più orientata a letture propedeutiche pediatriche! Ama studiare (tra laurea, dottorato e master ha cominciato a lavorare a 28 anni!!) ed imparare, ma non fatela arrabbiare altrimenti non ce ne è per nessuno!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.