The Gifted: quando il potenziale c’è e si vedeva già dal trailer

Ci sono trailer che sono troppo belli per non farti temere che siano la parte migliore della nuova serie tv ed altri che sono esattamente ciò che vorresti che fossero: solo un antipasto di quello che il pilot (e il resto della stagione, si spera) saranno.

The Gifted appartiene a questo secondo gruppo.

Ammetto di aver scoperto che avrebbero realizzato una serie sugli x-men tempo fa ma di essermene poi totalmente dimenticata finché, preparandomi alla nuova stagione, non sono incappata nel trailer di “The Gifted”…e da allora è stata solo una lunga attesa spasmodica, nutrita di dita incrociate perché il trailer non mi ingannasse.

È stato, quindi, con grande gioia che ieri sera ho terminato la visione del pilot ed esclamato: “QUESTO è un pilot fatto come si deve!”.

La vicenda è ambientata interamente all’indomani dell’adesione al patto di registrazione dei mutanti, alla scomparsa degli X-Men adulti (e la chiusura della scuola di Xavier) ed all’inizio della caccia a coloro che ne hanno il gene. Cosa succede se tu – Stephen Moyer/Reed Strucker – avvocato di stato e persecutore – seppur con un’anima – dei mutanti, scopri che ad essere tali sono i tuoi stessi figli? Semplice, sfrutti tutto ciò che hai per salvarli da un destino crudele, anche alleandoti con coloro a cui davi la caccia fino a qualche ora prima.

Aiutato da un ritmo incalzante che ha concesso largo spazio alla presentazione psicologica dei personaggi, questo pilot ci introduce il tema della caccia all’uomo e della paura degli umani nei confronti del diverso, usando pochi lunghi dialoghi e lasciando molto alla recitazione non verbale ed alla semplice presentazione delle scene.

L’uso calibrato degli effetti speciali, ha reso quotidiane le super capacità dei protagonisti e la recitazione di Moyer e della Acker hanno fatto da perfetto contraltare all’elemento eccezionale.

Buona l’idea di iniziare la narrazione presentandoci il gruppo dei mutanti clandestini, ottima quella di affiancare le vicende fino a farle incontrare, più che efficace il cliff-hanger finale.

The Gifted è una serie che promette bene per il futuro: ha dimostrato, nella scarsa oretta del pilot, di sapere mescolare azione, approfondimento del personaggio e temi importanti, senza dimenticare i singoli personaggi che restano fin da ora ben chiari e distinti l’uno dall’altro nella mente dello spettatore.

Inutile dirvi che non vedo l’ora che arrivi la prossima settimana: già lo so, resterò incollata allo schermo da qui a fine stagione.

P.S. Sì, il nonnino che esce dal bar è Stan Lee. Meglio di così!!

 




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

The Lady and the Band
Ha un passato da ladra insieme alle sorelle Occhi di gatto, ha difeso la Terra nel team delle guerriere Sailor e fatto magie con Terry e Maggie. Ha fornito i sigari sottobanco ad Hannibal e il suo A-Team, indagato con gli Angeli di Charlie Townsend, ha riso con la tata Francesca ed è cresciuta con i 6 Friends di NY. Ha imparato ad amare San Francisco difendendo gli innocenti con le Streghe, è stata un pivello insieme a Jd-Turk-Elliott, ha risolto crimini efferati con praticamente il 90% di poliziotti e avvocati del piccolo schermo e amato la provincia americana con Lorelai e Rory Gilmore. Avrebbe voluto che il Fabbricatorte non chiudesse mai e non ha mai smesso di immaginare Chuck e Sarah che «sedano rivoluzioni con una forchetta». Lettrice appassionata, Janeites per fede, amante delle storie sotto ogni forma fin da piccola. Segue serie poliziesche, comedy e sit-com soprattutto, uniche allergie riconosciute sono quelle allo sci-fi e all'horror.

2 Comments

  1. Federicuccia

    4 ottobre 2017 at 12:21

    a differenza di Inhumans(che era stata già stroncata dai trailer)questa prometteva bene già dallo sneak peek di 6 minuti,in effetti la curiosità c’è, e proseguiamo nella visione

    • The Lady and the Band

      The Lady and the Band

      5 ottobre 2017 at 18:54

      Ciao!
      Che bello ritrovarti!
      Inhumans l’ho stroncato anche io nel mio articolo: terribile!Tante aspettative per un trailer e una puntata (lunghissima) che faceva piangere di dolore.
      Assolutamente non c’è paragone con The Gifted che fa il suo compitino sui supereroi molto molto bene. Certo, non ha portato chissà che rivoluzione però, alla fine, è una serie sugli x-men, cosa pretendiamo di nuovo (e di meglio)? Il trailer mi aveva intrappolato e sono contenta che il pilot abbia confermato le mie aspettative.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.