Image default
Recensioni The Flash

The Flash | Recensione 2×10 – Potential Energy

Bentornati speedsters!!!
Sopravvissuti alla pausa invernale? Io me la sono cavata meglio di quanto pensassi, anche perché l’attesa è stata relativamente breve. Ciò non toglie che The Flash mi sia mancato molto e che rivedere il team al completo sia stato molto bello. Ormai, li adoro un po’ tutti.

yayQuesto nuovo episodio di Flash è stato interessante.
Il ritmo ha lasciato alquanto a desiderare ma le diverse storyline si sono intersecate in maniera molto armonica e sono state tutte finalizzate a porre le premesse per la seconda parte della stagione.
Un episodio introduttivo, quindi, che ha svolto bene il suo ruolo di ambasciatore peccando in quello di intrattenitore. Nulla di eccezionale, insomma.
Ma vediamo le singole storyline nel dettaglio.

Comincerei, per una volta, proprio dal protagonista.
L’episodio si apre con l’incubo di ogni persona che combatte il crimine: il cattivo che usa le persone amate come strumento di ricatto. Barry non è certo un novellino della situazione ma questa volta c’è un’accezione più marcata dato che la relazione con Patty procede a gonfie vele, al punto che prende in considerazione l’idea di rivelarle il proprio segreto.

01
Ho personalmente apprezzato molto l’atteggiamento del ragazzo: la lotta interiore fra il voler rivelare il suo segreto e la volontà disperata di proteggere la ragazza. Tuttavia l’episodio ha dimostrato che tenere all’oscuro una persona cara di un segreto del genere non equivale affatto a tenerla al sicuro.

05Oltretutto, permettetemi, mi ha fatto un po’ sorridere che The Turtle abbia capito in un nanosecondo ciò che Patty non ha intuito nemmeno alla lontana. Anche se, in fondo, Patty ha avuto ragione: The Flash salva le persone, lei non è nessuno di speciale. Povera cara, se solo avesse saputo!
Anche Patty mi è piaciuta molto nell’episodio e, onestamente, mi dispiace molto vederla andare via. Ha preso la decisione migliore per il suo futuro e sono contenta che, in fin dei conti, Barry non sia riuscito a svelarle il segreto perché altrimenti, ho paura, avrebbe preso in considerazione l’idea di restare a Central City e addio sogno di fare la CSI. Il suo personaggio mi è piaciuto molto, ha dimostrato notevole maturità nel rapporto con Barry, coraggio nel chiedere un consiglio a Iris e forza d’animo nel lanciarsi verso il futuro per realizzare le proprie aspirazioni.

04A proposito di Iris, è stata meravigliosa. L’onestà con cui ha dato consigli sia a Patty che a Barry le fa veramente onore; non che mi aspettassi qualcosa di diverso dalla figlia di Joe West, sia ben chiaro. La Iris di questa seconda stagione mi sta piacendo molto, spero continuino a lavorare su di lei così bene e mi auguro di vederla più coinvolta in futuro. Mi piacerebbe tantissimo vederla progredire come giornalista.

1407(ahahahahahahahahah)

Apro una mini parentesi per ribadire quanto mi piaccia il rapporto che hanno lei e Barry. Lo so che lei è il suo OTL (one true love) ma, anche se al momento non sono insieme, apprezzo sempre più il modo in cui li fanno permanere l’uno nella vita dell’altro. I piccoli momenti sono sempre i migliori e i più sottovalutati.

06
E parlando di famiglia West, come non affrontare il dramma alla Beautiful che è piombato fra capo e collo?
Wally non mi entusiasma tantissimo. Accusare l’uomo che ha scoperto di essere suo padre due secondi prima di essere un genitore assente equivale a prendersela con la mucca se il latte è scaduto. La colpa è di Francine che ha deliberatamente nascosto all’ex marito la propria gravidanza, di fatto impedendo a Joe di crescere suo figlio. Ho avuto l’impressione che gli autori cercassero un motivo per creare dei problemi nella riconciliazione fra i due ma hanno scelto quello sbagliato. Sarebbe stato più coerente approfondire uno appena accennato: il «sono sempre stato io l’uomo di casa» che da un lato sottolinea quanto gli sia mancata la figura paterna, dall’altro che Joe non può dopo 20 anni trasformarsi nel padre che, suo malgrado, non ha potuto essere prima.

08
Come sempre, però, il detective West si è rivelato un personaggio dalla sensibilità sopraffina. L’accorgersi di essersi fatto trascinare dall’entusiasmo e la proposta di rallentare, si sono rivelate le più adatte all’occasione e mi hanno fatto venire voglia di scoprire come procederà la storia di Wally West e se e quando il ragazzo diventerà Kid Flash.

10
A proposito di futuro dubbioso, devo purtroppo parlare di Jay Garrick. Sono contenta di averlo visto nell’episodio, il suo apporto, anche quando è solo teorico, è utilissimo: come ho detto tempo fa, lui non è solo un supereroe ma soprattutto uno scienziato, per cui il suo super potere è anche il suo cervello.
I momenti finali con Caitlin sono stati molto ben fatti. Si sono finalmente ricordati che la dottoressa Snow è vedova e, benché abbiano confinato la cosa ad una battuta sola, l’intensità recitativa di Danielle Panabaker è stata sufficiente a trasmettermi quell’emozione che era necessaria: la sofferenza per la perdita della persona amata e la paura che possa succedere di nuovo.

09Resto convinta, tuttavia, che Jay nasconda qualcos’altro…e non solo per via della sua espressione mentre abbracciava Caitlin. Me lo chiedo perché non ha assolutamente senso logico – oltre ad essere un mezzuccio di quarta categoria – la sua malattia.
Lui afferma di essere malato e che la patologia si possa curare solo con la supervelocità. Mi chiedo quindi che tipo di malattia sia e se, per caso, non fosse malato già prima di ottenere i poteri, magari come effetto collaterale di qualche cura sperimentale.
In secondo luogo, non capisco perché, se l’unico modo per sopravvivere è riottenere la super-velocità e per farlo è necessario sconfiggere Zoom, Jay si sia mostrato sempre così reticente ad affrontare quel mostro. Si tratterebbe di combattere per la propria vita e non ha senso la sua scelta di non mettersi in gioco per salvarsi la pelle. Voglio dire, tecnicamente morirebbe in ogni caso. Per un attimo mi è anche venuto in mente – se la memoria non mi inganna – che Jay e Zoom non sono mai stati nello stesso posto nello stesso momento, forse solo nel racconto che Jay fece del momento in cui il suo elmetto arrivò nella Earth 1. Insomma, la mia mente fantasiosa ha fatto un volo pindarico eccezionale e ho iniziato a sospettare che Jay e Zoom possano essere la stessa persona. La corporatura c’è, la voce è falsificata e i parametri vitali analizzati da Caitlin possono essere stati alterati. Non lo so, onestamente la Sindrome da Detective Conan ogni tanto ha la meglio, ma certamente sarebbe un colpo di scena ECCEZIONALE se la mia intuizione si rivelasse esatta.
Piccola parentesi: ma il destino di Jay non era fare da mentore a Barry? Se lo sono dimenticato per strada?Mistero.

E, parlando di doppiogiochisti, passiamo da uno potenziale ad uno reale. Harrison Wells lo ha rifatto, anche se per ragioni totalmente diverse.

13Per il momento, l’uomo trama nell’ombra e si dichiara disposto a fare qualunque cosa per la propria figlia: come, d’altronde, ogni buon padre. Mi chiedo fino a che punto sarà disposto a spingersi, anche considerando che Cisco lo ha aiutato a trovare un modo per sconfiggere Zoom senza tradire Barry. Pensare che Cisco si era anche offerto di usare i suoi poteri vibranti per ottenere delle risposte!
Onestamente sono molto delusa, più che intrigata, avevo sperato che questo Wells si sarebbe rivelato la versione buona dell’Harrison Wells in disguise che abbiamo conosciuto l’anno scorso: parlo del mentore e guida di Barry, Caitlin e Cisco. È anche vero che siamo solo al decimo episodio e ci sarà tempo perché Wells venga scoperto in tempo o cambi idea. Trovo, tuttavia, interessante come il Wells di entrambe le versioni che abbiamo conosciuto sia sostanzialmente senza scrupoli, pronto a qualunque cosa per i propri fini.

E parlando di vecchi amici, ammetto di essere stata super felice nel rivedere Eobard Thawne. Cosa vorrà? Sarà cattivo come quello che abbiamo conosciuto noi? Ma, soprattutto, DOVE è arrivato? Nella Earth 1 non sarebbe potuto tornare, in teoria. È arrivato nella Earth 2? Oppure è sfuggito qualcosa a noi (e al team degli Star Labs) per cui Thawne può ancora esistere? Vedremo.

02
Prima di concludere, aprirei una mini parentesi sul villain dell’episodio. Un mero mezzo in vista di un fine: non abbiamo avuto particolare introspezione psicologica e l’unico momento che avrebbe dovuto farmi paura, mi ha solo schifato. Ovviamente parlo della moglie messa in vetrina. Mah. Un villain utile solo alla causa, insomma. Nulla di particolarmente memorabile. Tra l’altro, mi chiedo per quale assurdo motivo Barry possa anche solo aver pensato di essere immune al potere di The Turtle, mah.

Prima di chiudere, qualche appunto qua e là:

  • La maglietta di Cisco con i due orsi (bianco e grizzly) e la scritta “let’s make a panda”, era assolutamente geniale.
  • L’abito blu di Caitlin Snow era meraviglioso.
  • Notare il parallelo con la prima stagione quando Harrison/Eobard aveva prelevato al metahuman il gene della supervelocità, esattamente come l’attuale Wells ha fatto con The Turtle.

Il “Best Quote” lo voglio dedicare al diario di Wells. Una pagina molto bella e vera.

Journal log entry number 113. Jess, I’m coming for you soon. I promise. I was thinking earlier today about the time that you were four. I took you to the planetarium, just you and me. I remember because it was the first time I took you out all by myself. The planetarium was crowded, and you held my hand for dear life, or maybe it was the other way around. But it was in the Mars exhibit that I lost you. Panic. I had that place locked down in one minute. I had every security guard looking for you. And I could feel the fear rise in the back of my throat and something else rising also, some dark instinct inside me about what I would do to the person who had taken you, the things I would do. Unspeakable things. And it was in that moment that I realized, for certain, that I would do a n y t h i n g to get you back.

…e ad un momento di puro infantilismo di Wells:

1112

Cosa ne pensate voi del ritorno di The Flash? Anche voi iniziate a sospettare anche dell’omino delle pulizie degli Star Labs come identità segreta di Zoom? Oppure forse la mia idea così strampalata non è? E Patty? Vi mancherà? Che impressione vi ha fatto Wally? Vi aspetto nei commenti.

Prima di salutarvi, vi ricordo brevemente le pagine dedicate a The Flash da seguire assolutamente e velocissimamente.

»Cisco Ramon

Grant Gustin Italia

The Flash Italian Fans

Alla prossima!

bye

Related posts

Awkward | Recensione 3×18 – “Old Jenna”

chasseur

Riverdale 2×12 – Una lunga notte di passioni

Al

iZombie | Recensione 2×15 – He Blinded Me with Science

Rowhick

6 comments

FCK 21 Gennaio 2016 at 15:12

Non sono d’accordo sulla possibilità che Jay Garrick e Zoom possano essere la stessa persona; se non altro, perché penso che sia altamente improbabile che Harry Wells (con cui i rapporti adesso sembrano un pò migliori, se non altro riescono a parlarsi senza prendersi a pugni e/o insultarsi a vicenda), indubitabilmente una persona molto intelligente, e dotata di mezzi, non possa quantomeno avere dei sospetti su Garrick, se questi fosse davvero Zoom. Eppure, nonostante abbia manifestato apertamente le sue opinioni su Jay, decisamente negative, non ha mai manifestato alcun sospetto sul fatto che lui possa essere allo stesso tempo Zoom; ma se ciò fosse possibile, sarebbe stato naturale per lui farlo, sia per screditarlo sia per avvertire Barry e gli altri.

In ogni caso, a prima vista penso che questa malattia di Jay sia un’aggiunta abbastanza superflua, per creare ulteriore dramma senza che ce ne fosse veramente bisogno (senza contare che mi sembra difficile che si possa rilevare solo con l’esame del DNA, ma sappiamo che la relazione tra la serie e la scienza è labile); e per quanto eccepisca sulla riluttanza di Garrick a affrontare Zoom (riluttanza che mi sembra giustificata a posteriori, visto il risultato che Barry ha ottenuto, e interpretando il suo comportamento non come rinunciatario, ma come volontà di prendere tempo e permettere a Barry di esprimere tutto il suo potenziale e poter affrontare Zoom ad armi pari), francamente non posso trovare questo elemento del tutto positivo. Può darsi che cambi idea, alla luce di ciò che avverrà successivamente, ma al momento sono scettico, e non so se sia stata una buona idea.

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 22 Gennaio 2016 at 10:48

Ciao!
Grazie del commento, innanzitutto.
La mia prima ipotesi sull’identità di Zoom resta l’Henry Allen della Earth 2.
Forse hai ragione sul fatto che Wells avrebbe sospettato qualcosa ma sappiamo che purtroppo molti dettagli vengono dimenticati nell’ordine di far coincidere il tutto con la soluzione che si preferisce.
La storyline della malattia è un po’ una barzelletta, innanzitutto perché non ci dicono che malattia sia e perché – come ha sottolineato anche tu – sia diagnosticabile con l’esame del DNA. Che sia neurodegenerativa?Boh.
Continuo a non riuscire ad inquadrare Jay e quale sia il suo scopo nella serie.
Grazie ancora, alla prossima

Reply
Davide 23 Gennaio 2016 at 20:31

Eobard Thawne sarà il tassello che manca per battere Zoom! Me lo sento. E spero sia così!

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 24 Gennaio 2016 at 20:49

Credo anche io, sai?Magari questa volta Eobard Thawne si rivelerà un alleato e non un nemico. Chissà, vedremo.
Grazie del commento 🙂

Reply
Sel 24 Gennaio 2016 at 15:07

Ciao! Rieccoci qui, finalmente. Complimenti, come sempre. 🙂
Ti devo dire la verità, a me è dispiaciuto vedere andare via Patty in quel modo. Non mi ricordavo nemmeno della questione CSI. Per carità, vederla scegliere la sua strada, pur sacrificando una relazione in cui lei si era davvero impegnata, è stato bello, però ci sono rimasta male lo stesso. Inoltre abbiamo di nuovo visto come Barry in queste situazioni non ci sappia proprio fare.
Wally me lo aspettavo così, però concordo con te quando dici che avrebbero potuto gestire meglio il cliché del figlio ribelle che scopre chi è suo padre.
Anch’io ho sempre pensato che Jay sarebbe diventato il mentore di Barry, ma finora non si è visto nulla. Anche a me la storia della malattia lascia un po’ perplessa. Vedremo.
Il ritorno di Eobard mi intriga moltissimo. Ho come l’impressione che ora si inizi a fare sul serio con Zoom.
Alla prossima settimana. 😉

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 24 Gennaio 2016 at 20:52

Ciao!
Grazie 🙂
Anche a me è dispiaciuto l’addio subitaneo di Patty e forse un briciolo di preparazione non sarebbe stata malaccio: anche solo ricordarci che la ragazza volesse fare la CSI e magari farci vedere la busta qualche episodio prima, non sarebbe stato malaccio.
Sono molto curiosa per il ritorno di Eobard, chissà che ruolo avrà!
Alla prossima, grazie ancora!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv