Image default
Recensioni The Flash

The Flash | Recensione 1×11 – The Sound and the Fury

Bentornati ad una nuova recensione di «My name is Barry Allen and I’m…»…ABBIAMO CAPITO!

sagsfdhgfjhfgdfdsas

(io, durante l’intro)

Nuovo episodio all’insegna delle interessanti scoperte e delle cocenti delusioni. Un episodio non male, soprattutto grazie ad un villain interessantissimo ed un ritmo che, a parte qualche momento qua e là, è stato abbastanza veloce ed intrigante. Bellissimi i flashback relativi a due anni fa: l’arrivo di Cisco, l’introduzione di Hartley, Harrison che ha un pupillo che sembra lui, di qualche anno più giovane. Un episodio che promuovo, che rientra a pieno titolo nell’ottima media di The Flash e che ci lascia con qualche dubbio niente male su cosa farà Cisco dopo le rivelazioni finali e sul grande mistero di questa stagione: chi è e cosa vuole Harrison Wells?

Infatti questo undicesimo episodio ci regala nuovi particolari sullo scienziato/finto paralitico/Reverse Flash (forse, chissà). I misteri attorno a lui sono ancora tanti (troppi) ma nuove informazioni si stanno aggiungendo al puzzle visto che, come ci dice lo stesso Wells (se questo è il suo vero nome)…

«The real endgame is almost here»

Cosa scopriamo in questo episodio?

  • Ha una casa gigantorme che pare un ufficio: sono impersonale, freddo e agghiacciante e me ne vanto!Persino il camino lo tiene imprigionato nell’acquario!Oppure ha dato fuoco ai pesci…
  • Ha seri problemi  a mantenere la super speed a lungo: perché?L’acceleratore di tachioni è il corrispettivo delle pile duracell mentre lui è il coniglietto con le pile zinco-carbone?È questo il motivo per cui gli serve Barry/The Flash?Rubargli la super velocità per tornare ad essere super mega veloce?
  • Come ogni villain che si rispetti, ama gli scacchi e la musica lirica (perché?!Perché?!Perché?!) e da bravo melomane ascolta un’aria dalla Turandot, il cui protagonista maschile – per chi non lo sapesse – agisce sotto mentite spoglie per l’intera opera (o quasi). Una scelta tutt’altro che casuale, si direbbe…
  • Ma soprattutto commette un errore importante: in quanto paraplegico, non avrebbe potuto scampare all’esplosione delle vetrate senza nemmeno un graffio. West e Eddie se ne accorgono e Joe fa ciò che speravo facesse da secoli: inizia ad indagare su di lui, aiutato dal partner in crime e genero fac simile. Spero che questa scelta non si ripercuota negativamente su nessuno dei due anche mi sa tanto che sarà cruciale per il futuro del bel biondino.

E Harrison Wells cosa fa?Semplice!Da attore navigato qual è, affronta le complicazioni del suo piano con la giusta dose di dissimulazione e faccia di bronzo!Durante la conferenza stampa avrei voluto mollargli un cazzotto!Si è persino comprato Barry facendo fare la domanda ad Iris!Che sfacciato!Senza contare il modo subdolo con cui continua a curare il suo rapporto con Caitlin e soprattutto Cisco: ogni tanto mi sembra quasi che abbia del sincero affetto ed interesse per loro ma poi subito mi ricordo che in realtà lui non è chi dice di essere e che in realtà sta meramente usando ciascuno di loro per i suoi poco carini scopi. E ne è testimonianza l’uso improvviso del termine «friends» che nello scorso episodio era, invece, «partners».

stop lies

Ma questo episodio ci ha offerto le nuove prospettive su Harrison Wells grazie ad uno dei cattivi meglio riusciti finora….

16

Hartley Rathaway, scienziato e pupillo di Harrison Wells, figlio di una famiglia piuttosto ricca e ennesima vittima delle macchinazioni del dott. Wells e dell’acceleratore di particelle.

14

15

Un personaggio che hanno saputo ben caratterizzare ed approfondire: mi piace molto che sia stato presentato come un odioso pallone gonfiato che però è effettivamente bravo nel suo lavoro e che ha abbastanza onestà intellettuale da ribellarsi contro il proprio mentore per evitare una strage. Mi piace che più delle fichissime super capacità (voglio quei guanti!), si sia trattato di uno scontro fra cervelli e mi piace che il ragazzo sia rimasto fedele a se stesso anche dopo l’incidente e come abbia saputo canalizzare la rabbia architettando una vendetta niente male.

slap you in the faceslap you in the face (2)

Anche se, diciamocelo, noi spettatori ci siamo subito allarmati quando lo hanno catturato subito. Il «Ti piace vincere facile?» è un classico dei cattivi furbacchioni delle serie tv ed anni e anni di polizieschi mi hanno insegnato un paio di cosette che mi hanno fatto subito chiedere quale fosse lo scopo di Pied Piper/Il Pifferaio. Invece ai geni degli STAR Labs sono stati necessari una bomba (mamma che spavento Cisco che se n’è volato via per mezzo scantinato!) e un pugno in pieno viso di Caitlin, per accorgersi che avevano cantato vittoria troppo presto. Tra l’altro, il cattivo padroneggia il suono ed ha fil di ferro nella testa e tu non prendi provvedimenti?!Mah!

sassy flashsassy flash 2

Ma soprattutto mi piace che lo rivedremo ancora: Andy Mientus (“Smash”) ha saputo rendere giustizia a questo «chosen one» senza cicatrice a forma di saetta (citazioni potteriane a go go!) che è stato deluso e abbandonato dalla persona che ammirava di più al mondo (e che probabilmente vedeva come padre putativo). Certo i fan del fumetto si aspettavano un Pied Piper diverso ma, ammetto, di non essere affatto delusa del cambiamento, anzi sono curiosa di come verrà sviluppato (e se verrà sviluppato) il suo personaggio in futuro.

Al centro dell’episodio di questa settimana, dunque, c’è stato il ruolo del mentore: una persona che spesso viene assimilata più ad un ideale di perfezione a cui ambire, che ad un essere umano fatto di errori e difetti caratteriali.

Harrison Wells ha cercato di recuperare la fiducia dei suoi alunni e sembra esserci riuscito, con una facilità allarmante tra l’altro. Questo salto di fede che ciascuno dei tre fa è preoccupante da un lato ma dall’altro segno anche della genuinità e innocenza dei tre personaggi.

Barry, in particolare, è stato quello dei tre che ha subito meno il colpo: da un lato perché è colui che ha trascorso meno tempo con Wells, dall’altro perché il suo ideale da seguire, il suo mentore, è qualcun altro.

irrepleaceble

Joe e Barry: un padre e un figlio. La più bella relazione della serie. Punto. Adoro le loro scene insieme, adoro il senso di famiglia che sanno trasmettermi, adoro l’affetto profondo e insostituibile che li lega, senza contare la complicità…

joe e barryjoe e barry (2)

Come bambini, proprio!Come bambini!

Anche Iris ha a che fare con la delusione da mentore. Anzi, nel suo caso è doppia: il giornale l’ha assunta solo perché crede abbia un canale di comunicazione privilegiato con The Flash E il giornalista da cui dovrebbe essere seguita (suo mito di ragazzina) è un emerito stromboletto. Non dubito però che Iris saprà dimostrargli di valere qualcosa….anche senza aiuti senza senso da parte di amici di amici: voglio dire, durante la conferenza stampa tutto ciò che ha fatto è stato RIPETERE la domanda del tizio, solo con più forza. Cosa volevano dimostrare?Ma direi che, al solito, delle storyline di Iris ci interessa poco: ultimamente sono messe lì senza fama e senza gloria per riempire i minuti mancanti dell’episodio.

nobody cares

Prima di concludere, due o tre considerazioni qua e là:

  • Cisco ha indossato di nuovo la maglietta con la spunta di google map nella via Lattea: risparmio sui costumi o esercizio di coerenza?In ogni caso, bellissima!
  • Anche voi quando Harrison Wells ha detto «I failed this city» avete pensato a qualcun altro?Uno con degli addominali da paura, una tutina con cappuccio verde che ama andarsene in giro con l’espressione del grumpy cat, lanciando frecce qua e là?
  • Il selfie. Ma siamo seri?In un mondo in cui hackerare telefoni e account è diventato lo sport degli hacker, si scattano una foto con un cellulare con Barry con la tutina ma senza cappuccio?Pensare che per due secondi avevo persino applaudito il buon senso di Barry…

picture

I tre momenti LOL della settimana:

  • Barry e le lingue straniere…

funny barry language

  • Barry versione apparecchio acustico…

funny barry deaf

  • …e la sua faccia successiva…

funny barry deaf 2

  • Joe e la self exteem…

funny joefunny joe 2

La prossima settimana, siccome febbraio è il mese dell’ammmmmore, il nostro eroe avrà un incontro fortunato…

…per chi se lo stesse chiedendo, è proprio lei, Malese Jow 🙂 Sono proprio curiosa di vedere cosa accadrà e perché nel promo c’è una microscena che sta mandando in crisi gli snowbarry di tutto il mondo. Non l’avete vista?È al minuto secondo 14: meno di un secondo ma tumblr è impazzito!Io, come al solito, sono super partes ma avviso, cari snowbarriani, di non crearvi chissà che aspettative 😉

Anche per questa settimana vi saluto. Ringrazio le meravigliose pagine che pubblicano le mie recensioni e che forniscono foto, discussioni e news a volontà a tutti coloro che vi si recano in visita:

Snowbarry. I can’t do it without you

Grant Gustin is my love

Grant Gustin Italia

The Flash Italia

The Flash Italia Fans

Alla prossima settimana speedsters!!!

 

Related posts

Once Upon a Time | Recensione 3×01 – The Heart of the Truest Believer

Claw

How I Met Your Mother | Recensione 7×08 – The Slutty Pumpkin Returns

Lunabi

Misfits | Recensione 3×08

PaperaJack

6 comments

Anonimo 29 Gennaio 2015 at 16:06

Complimenti per la recensione!
Finalmente Joe si è messo ad indagare su Wells! Da una parte c’è lui con il superEddie che inizia a sospettare qualcosa, poi c’è Cisco a cui il nuovo nemico ha messo qualche pulce nell’orecchio, Caitlin che non si capisce cosa ne pensi ma dalle occhiate che gli rivolgeva non sembrava convinta e poi Barry.. L’unico che ha ciecamente fiducia in lui! Pensavo che invece qualche domanda se la sarebbe posta! Barry non può farsi fregare così! La dichiarazione poi.. Uno dei momenti peggiori in assoluto! Io almeno lì mi sarei chiesta il perché invece di sorridere come Barry.. Maaah!
Joe salvaci tu!!
Comunque sarò stata l’unica al mondo ma per un attimo quando il dr Wells stava parlando a Barry & Co ho pensato si sarebbe alzato in piedi dicendo: Ah sì in verità non ho perso l’uso delle gambe!
Il nuovo cattivissimo me è stato il massimo! E rispetto ad altri mi sembrava all’altezza di Barry!
Bella e perfettamente adatta alla storyline che riguarda Iris l’immagine di Cristina ahaha più o meno era la mia mentre ci facevano vedere le scene.
AH! Quella del promo sarebbe Caitlin? Hanno occhio! Io pensavo fosse la nuova (?) futura (?) ragazza (?) di Barry! …. Ok non mi creo illusioni! Ahahaha
A presto!

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 29 Gennaio 2015 at 22:26

Grazie del commento e dei complimenti 🙂

Quando ho scritto la recensione ho dimenticato di parlarne ma anche io ho pensato che Wells stesse per dire di essere in grado di camminare!!! XD Già immaginavo le facce WTF dei tre!

Sì, Barry che si beve le bugie di Harrison come fossero acqua fresca è parecchio deludente. Quando scoprirà la verità sarà devastato!

A presto!!!!

Reply
Federicuccia 29 Gennaio 2015 at 17:49

Ciao! 🙂
quando Wells ha detto I failed this city credevo spuntasse Oliver con arco e frecce! ahahahahahah ti viene proprio spontaneo pensarlo ^-^

quoto su Iris, a parte il fatto che mi è ancora indifferente, davvero sembra messa lì come tappabuchi! poi tiene ancora il broncio per Flash, e basta figlia mia!!
a me pare che lui ed Eddie abbiano fatto pace no?

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 29 Gennaio 2015 at 22:28

Ciao! 🙂

Idem. «Harrison Wells. You have failed this city!» ahahahahahahah

Eddie e Barry sembrano amicicci…secondo me si sono dimenticati di dirci qualcosa altro circa quanto accaduto fra il winter finale e lo scorso episodio -_-

Reply
Sel 31 Gennaio 2015 at 21:54

Ciao! Bellissima recensione. Brava! 🙂
Dopo quest’ultimo episodio è proprio il caso di dire che se Joe non ci fosse bisognerebbe inventarlo. Ma per fortuna c’è ed è l’unico senza il prosciutto sugli occhi. Voglio vederlo andare a fondo della questione Wells e possibilmente smascherare quel filibustiere. Inizialmente avevo riposto le mie speranze in Cisco, ma finora sono stata delusa. Chissà che però le ultime parole del villain non riescano a riaccendere la scintilla del sospetto nel nostro caro nerd.
Il Pifferaio non mi è dispiaciuto affatto, sembrava una specie di Harry Potter passato al lato oscuro della Forza. Ad ogni modo non gli perdonerò mai di aver attentato all’incolumità di Cisco. Il mio povero cuore ha saltato un battito in quel momento.
Fortunatamente ci sono le scene tra Barry e Joe a tranquillizzarmi. Sono il punto fermo, la stella polare in una serie in cui tutto è mutevole. Senza dubbio le migliori. Le adoro!

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 2 Febbraio 2015 at 10:16

Ciao!!!
Grazie dei complimenti 🙂

Joe West for President!!!!!!Io lo voterei subito!
Cisco è troppo annebbiato dall’ammirazione sconfinata che ha per Wells ed onestamente ultimamente inizio a pensare che, come nel caso di Hartely, anche Cisco sia stato salvato da una situazione personale e familiare particolare.

In barba a tutte le ship e le bromance, nel caso di Flash la relazione personale migliore è quella fra Barry e Joe. Sarà la complicità degli attori, sarà le straordinarie capacità attoriali di Jesse L. Martin, sarà la sceneggiatura: sono i migliori. Punto.
Come loro nessuno mai ;P
Grazie ancora del commento e del complimento 🙂 A presto!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv