Image default
Recensioni The Flash

The Flash | Recensione 1×07 – Power Outage

Bentornati amici speedsters come me!

05

(anche noi Barry, anche noi)

Appena finito di guardare l’episodio, non vedevo l’ora di scriverne soprattutto perché, ragazzi miei, il ritmo è stato talmente coinvolgente che non sono riuscita a prendere nemmeno un appunto durante la visione. Quindi partiamo subito con l’affrontare l’importante questione dell’episodio: Harrison Wells.

16
È lui ad aprire l’episodio con una gitarella in quel della stanza braille e uno sguardo sul futuro concluso con la frase, che tornerà anche alla fine: the future remains intact. Quindi è questo lo scopo di Harrison: mantenere The Flash sulla retta via perché il futuro si verifichi e il supereroe prenda parte alla Crisi? Quindi non è in questa dimensione/tempo per cambiare qualcosa in The Flash ma per cambiare qualcos’altro o accertarsi che il tutto rimanga tale e quale. Il prelievo del sangue del villains di turno per motivi di studio mi fa pensare, poi, ad una sola cosa: sta pensando di dare quel superpotere a qualcuno, magari a se stesso? Mi vuole così bene da convalidare così la mia teoria su di lui come il futuro Anti-Flash, Hunter Zolomon? Oppure ha altri piani? Oltretutto, l’introduzione di Gedeon ha portato alla luce una nuova teoria che vedrebbe Wells come uno dei Nuovi Dei o per lo meno un loro emissario. Oltretutto i New Gods vennero coinvolti nella Crisi per cui potrebbe essere possibile.

17
Tra l’altro, grazie alla meravigliosa Danielle Panabaker scopriamo che:
gedeon
….ebbene sì, la @missmorenab è proprio la bellissima Morena Baccarin.
In ogni caso, i dubbi su Harrison Wells continuano ad affollarsi nella mente e in questo episodio abbiamo anche l’opportunità di conoscerlo meglio come personaggio. Messo davanti all’impossibilità di raggiungere i suoi scopi reconditi o reali che fossero, Harrison Wells non esita nemmeno un secondo ad usare e sacrificare una pedina sulla sua scacchiera, esattamente come farà con il prelievo di sangue al villains. Ho trovato giusto non fargli rinnegare la sua scelta, segno che non mente, non su quello per lo meno, ed ho avuto la sensazione che in realtà rimpianga le scelte fatte, le vite che ha tolto (in maniera più consapevole e colpevole di quanto pensino Barry&Co), ma che comunque non rimpianga la scelta fatta in ordine di un «greater good» che al momento ci sfugge.

Da questo punto di vista ho trovato interessante il giornale del futuro senza Barry Allen:
1)La fusione fra le industrie Wayne e Queen non si verificherebbe (in che modo Barry è coinvolto?)
2)Le poste americane chiudono definitivamente: perché? C’è un legame oppure semplicemente è quella la notizia più importante della giornata insieme al mammuth allo zoo?
3) La minaccia nei cieli, segno della Crisi, permane.
4)Non ci sono tracce di Barry Allen o di The Flash, da nessuna parte.

the flash newpapee
(perdonate la pessima qualità ma è una screencapture del mio schermo)

Harrison Wells, in ogni caso, non esita a perseverare in questa opera di manipolazione estrema dei suoi dipendenti e di Barry in particolare. Se Caitlin posso capire che non si accorga di nulla (è impegnata ad evitare di perdere qualcun altro a cui tiene), Cisco non me lo spiego: due o tre episodi fa, Harrison Wells lo aveva addirittura minacciato se avesse osato fare qualcosa che avrebbe potuto danneggiare Barry, ed in questo episodio, in cui gli autori avrebbero potuto aggiungere nuovi sospetti sul suo viso, non fa una grinza, nemmeno quando Barry accusa Wells di considerarli solo pedine sulla sua scacchiera.

06

Potrebbe essere segno solo di una particolare devozione (e quindi cecità) di Cisco nei confronti di Wells ma comunque mi è sembrato fuori luogo. Barry, poi, si è fatto convincere facilmente a riprendere a fare da cavia per Wells e ha cambiato idea sul professore dopo che questi ha messo a rischio la sua vita per salvare la loro: mossa da maestro, comunque, perché sapeva benissimo che Barry lo avrebbe salvato visto che – COMBINAZIONE DELLE COMBINAZIONI – era tutto un blocco mentale.
Mi preoccupa solo che – scoperta dell’acqua calda – Wells abbia capito che la leva giusta per ottenere qualcosa da Barry sia quella di attaccare i suoi affetti. Eh ma dai?!Della serie, psicologia spicciola.

sarcasm
Piccolo appunto: kudos per l’autocontrollo di Harrison Wells che anche nel pandemonio più completo non ha smesso di fingere di essere paraplegico.
Un NON Kudos per mr Bullo di Ferro aka Tony che non fa una grinza quando vede Harrison in piedi.

A proposito di affetti, il caro Barry è messo di fronte al grande problema delle GCT, le Grandi Coincidenze Telefilmiche: ovvero quel teorema per cui se l’eroe di turno non può intervenire (perché ha perso i poteri, perché è stato drogato, perché ha mangiato la peperonata ed è in coma) sicuramente si verificheranno almeno 2 situazioni che richiedano quel superpotere che per ora non ha quasi nessuno: l’ubiquità. Tale teoria, come già verificatosi in The Arrow, può avere complicazioni, come quella classica: se il capitano di una stazione di polizia non è presente lasciando il comando ad un suo sottoposto, 9 su 10 qualche cataclisma di abbatterà su quel distretto: buste di farina scambiate per antrace, sommosse cittadine, grandiosi villains poco sfruttati che ne combinano delle belle.
Eh sì perché, dovete sapere che io ho una stima sconsiderata per Robert Knepper…

robert knepper

….dato che ha prestato il volto e la meravigliosa recitazione ad uno dei villain più controversi e multisfaccettati di Prison Break. Per il principio, comunque, del «chi non muore si rivede», non dubito che The Clock King, alias William Tockman, ritornerà presto, anche perché, diciamocelo, sia in Arrow che in The Flash non è che abbia ricoperto un ruolo così fondamentale e voglio ben sperare che Berlanti e Soci riescano a riservare la giusta attenzione a questo personaggio in una storyline futura che magari coinvolga entrambi gli eroi della DC. E – tra parentesi – non facciano quanto han fatto con Peter Stormare (altro attore meraviglioso che aveva un ruolo in Prison Break) nella premiere di The Arrow: liquidato in quattro e quattro otto senza uno scopo preciso.
Ma questo episodio è stato anche un fanservice di dimensioni nave da carico stracolma di container per il mondo dello ship:
ship
…tra le dolcissime scene snowbarry,

1219

…i piccoli momenti e la costante preoccupazione di Barry per Iris…

10

…e la preoccupazione di questa per Eddie, ce n’è stato per tutte le tifoserie.

15

Sono stati però pochi momenti all’interno dell’episodio perché l’attenzione è stata interamente riservata ad un’altra questione: Barry e il suo rapporto con il superpotere.

01

(qui il giovine Barry in versione super sayan)

Apprezzo sempre di più il meraviglioso lavoro che stanno facendo sul fronte della costruzione dell’eroe: Barry, che ha sempre cercato di essere un eroe anche con la sola buona volontà, si ritrova con la possibilità di fare veramente del bene e usa (parola chiave) i suoi poteri in tal senso, sia nel piccolo (tipo prepararsi al mattino)

22

…che nel grande (lasciando il rapinatore in mutande)…

04

….ma, in realtà, ha continuato a pensare alla sua super-velocità come ad uno strumento e non ad una parte di se stesso; una sorta di Barry con optional, insomma. Invece, il ragazzo struck by a lightining è un altro Barry e la super velocità è parte di lui. È per questo che quando Barry si ritrova senza poteri capisce di aver perso la propria identità ed è solo quando la abbraccia completamente che il fulmine che lo ha reso Flash, raggiunge la massima potenza. Non nego che mi abbia fatto piacere vedere che accanto a lui in questa trasformazione ci siano stati Cisco e Caitlin: il primo perché ha creduto in lui e nel suo potenziale prima ancora che ci credesse Barry (anche se la sua scarsa preoccupazione mi ha inquietato alquanto), la seconda perché gli ha dimostrato di volergli bene nella maniera più semplice e classica possibile, esortandolo ad essere la copia migliore di se stesso, cosa che è anche senza poteri.

08 09

Sul villains della settimana userei le parole di Rocket Racoon dei Guardiani della Galassia:

Tutti hanno persone morte ma non è un buon motivo per far morire tutti gli altri lungo la strada.

…ma ammetto che la sua storia non poteva finire in altra maniera: come lo sfami uno che mangia elettricità? Il poverino era affamato, assetato e non avrebbe potuto essere curato.

L’episodio ha avuto un buon ritmo, ha sapientemente alternato le vicende agli STAR L’ABS con quelle al distretto creando la giusta tensione fra un evento è l’altro. Inoltre, ho pensato che, come nei classici film d’azione, l’eroe avrebbe salvato la fanciulla e invece tutti e tre i potenziali eroi erano fuori gioco e la fanciulla si è salvata da sé. Finalmente un po’ di autosufficienza da parte di queste pulzelle in pericolo!

14
Un po’ povera la giustificazione di The Flash che avrebbe potuto dirle la verità sul villains elettrivoro ma come non sorridere con Barry davanti alle piccole vittorie di The Flash su Eddie e sullo stesso timido Barry, che una battuta da cascamorto, come quella all’ospedale, non l’avrebbe mai detta?

02
E per la categoria “Le Perle di Barry“:

03

La prossima settimana ci aspetta IL crossover Arrow-The Flash che mi sta incuriosendo non poco…

18

…e di cui vi lascio il promo…

Non dimenticate di commentare,mipiacciare la recensione e di passare dalle meravigliose pagine dedicate a noi speedsters:

The Flash Italia
The Flash Italia Fans
Grant Gustin Italia
Grant Gustin is My love
Snowberry – I can’t do it without you

That’s all folks!

Related posts

Person Of Interest | Recensione 2×06 – The High Road

msfrancesca

Constantine | Recensione 1×04 – A Feast of Friends

Aniel

Downton Abbey |Recensione 5×08 – Episode Eight

Eilidh

7 comments

Anonimo 27 Novembre 2014 at 18:58

Bellissimo episodio anche se con qualche imperfezione, come hai detto, il fatto che Cisco non si faccia un paio di domande sul dottor Wells e lo stesso vale per Tony. Rimane sempre aperta la scommessa su chi di loro per prima noterà che il dottor Wells ha qualche piccolo (non così tanto a dir la verità) segreto.
A proposito di imperfezioni, mi manca un po’ quando Barry analizzava le scene del crimine ad occhio e comparivano le misure, era una chicca in più!
Comunque a parte tutto mi dichiaro ufficialmente una fan della coppia Snowbarry! Ahaha vado sul difficile/impossibile ma per un po’ spero mi lascino sognare dai!
Mi dispiace non conoscere le storie dei supereroi, io comunque punto sul fatto che il dottor Wells abbia già dei poteri, insomma non saprei come spiegarmi il lampo di luce che ha spaventato Joe, se non era lui chi altro poteva essere? Però non capisco cosa voglia da Barry..
Al prossimo episodio, non vedo l’ora di vedere Oliver e Barry lavorare insieme!

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 27 Novembre 2014 at 19:28

ciao!Grazie del commento 🙂
Anche a me manca molto l’analisi 3D delle scene del crimine, speriamo la facciano tornare presto.
Devo ammettere che, dovendo scegliere, anche io sarei per lo snowbarry e per questo cerco disperatamente di non farmi coinvolgere dalle ship…ma la vedo dura, per me e per la ship ahahahah.
Presto sapremo nuove cose sul lampo di luce…ti dico solo questo 😉

Reply
Federicuccia 28 Novembre 2014 at 11:34

sì mi è piaciuto che iris se la sia cavata da sola,eh mica si chiama lana lang! ahahahahahahah scherzi a parte è un paragone più per dimostrare quanto questo spin off sia in realtà più simile a smallville che ad arrow!

eddie imbottito di antidolorifici è stata la scena più bella! 😀 😀

complimenti per le tue recensioni ^.^ alla prossima!

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 30 Novembre 2014 at 16:17

grazie del commento 🙂

…e meno male che Iris non è Lana Lang, della quale ce n’è una sola GRAZIE AL CIELO perché il giorno in cui è scomparsa dalla serie è stato un giorno per me molto molto felice 😀
Scherzi a parte, hai ragione sul fatto che The Flash abbia più cose in comune con Smallville che con Arrow. 🙂
Eddie sotto antidolorofici era buffissimo!Quando nota Barry che si muove a super velocità e Joe gli risponde che era tutta colpa delle traveggole da morfina stavo scompisciandomi.
Grazie del complimento 🙂 A presto.

Reply
Sel 30 Novembre 2014 at 13:43

Innanzitutto vorrei osservare un minuto di silenzio per la tragica fine della red mug di Barry. Che colpo al cuore!
Ho apprezzato l’episodio soprattutto per il nostro eroe. Anche senza i suoi poteri non si è scoraggiato e ha fatto di tutto per ristabilire la situazione. Flash e Barry sono sempre più un tutt’uno. Veder crescere il personaggio in questo modo non può che riempirci di gioia.
Un po’ meno positivo è il giudizio sulla questione Wells. Non tanto per lui, ma per tutti coloro che gli orbitano attorno e sembrano avere il prosciutto sugli occhi. Soprattutto Cisco. Ma cosa combina? Io già riponevo le mie speranze in lui, già sognavo di vedere il suo sospetto aumentare e concretizzarsi in diffidenza. Vabbé…
Questa è stata una puntata a tutto tondo anche sotto il punto di vista delle ship. Mi sono piaciute tutte le scene, ma sicuramente quelle Snowbarry sono state le migliori (aah quelle dita che si intrecciano). Non sarebbe male una parentesi tra i due, ma sinceramente spero non più di questo. Se il Westallen è scontato per determinate ragioni, trovo lo Snowbarry a rischio scontatezza per altre. Parliamoci chiaro, di Felicity ce n’è una sola. Comunque vedremo come si evolverà la situazione. 🙂
Brava Iris che si è fatta valere con il villain di turno anche stavolta. Anche la scena con Flash stranamente non mi è dispiaciuta. Finalmente le ha detto qualcosa degno di nota, anche se parecchio cheesy.
Devo ammettere, infine, che la chiusa d’episodio con Eddie che vaneggia nel letto dell’ospedale mi ha divertita non poco. E’ persino riuscita
a rendermi più simpatico questo personaggio.
Al prossimo episodio. Great review as always. 😉

Ah… dite a Barry di smascherarsi con più accortezza. Non è che li possiamo sempre far fuori tutti.

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 30 Novembre 2014 at 16:22

Oh la Red Mug!Dici che presto avremo un episodio di vendetta di Barry per il truce assassinio della sua tazza preferita? 😀
Per il resto, vedo che concordiamo praticamente su tutto. Compreso il fatto che lo Snowbarry, per quanto tenero e caruccio, potrebbe – per come stanno ora le cose – essere solo una parentesi, magari scontata visti i precedenti in altre serie analoghe. Felicity rules!
Eddie strafatto era parecchio divertente, comunque credo stiano facendo di tutto per farcelo piacere: ogni episodio o lo fanno coraggioso, o furbo, o divertente, o empatico, o innamorato, insomma un Eddie per tutte le stagioni. Chissà se lo faranno evolvere.
Grazie del complimento e di avermi commentata 🙂

ps. magari è come nei film delle spie: se ti dico il mio segreto, poi dovrò ucciderti (o causare la tua morte).

Reply
Banshmoak 7 Dicembre 2014 at 22:10

Bellissimo episodio.
Harrison mi sta confondendo sempre di più, del tipo che il wtf sta vivendo una crescita esponenziale episodio dopo episodio.
Ho apprezzato molto le due storyline, ma ho preferito quella al distretto, forse per il Villain o forse perché vedere finalmente una ragazza che non ha bisogno di essere salvata fa bene. Si perché dopo tutti questi eroi maschili e queste donzelle che servono spesso a fare da contorno per le Ship, ci vorrebbe una donna forte. Spero proprio che prima o poi una serie tv tratti la storia di una supereroina.

Comunque sia concorso con tutto quello che hai detto nella recensione, aggiungerei un piccolo minuto di apprezzamento per Eddie imbottito di Antidolorifici e Barry che porta i fiori (dopo la 1×06 ho iniziato a shipparli e si, la mia sanità mentale sta andando a rotoli hahahaha)
Concludo qui il mio commento 🙂

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv