Image default
Recensioni The Flash

The Flash 4×18 – Non è mai troppo tardi, tranne in The Flash quando è troppo tardi

Bentornati amici del fastest man alive, 

siamo a una manciata di episodi dalla conclusione e tutto sembra andare per il peggio. Con un episodio dal ritmo altalenante come la storia, “Flash” ci ha fornito su un piatto d’argento l’ultima definitiva stoccata del Pensatore al Team Flash.

Con un’ottima puntata, “The Flash” è riuscito a ingannarci fino all’ultimo. Ci ha illuso che ci sarebbe stata l’ennesima scappatoia e il nulla di fatto per entrambi i fronti quando, invece, ci siamo ritrovati con la vittoria – momentanea – del Team Villain e tante tante lacrime per il Team Flash.

Ci sono, tuttavia, tre regole base che troverete in 3/4 delle sceneggiature e che mi hanno preparato a quanto stava per succedere:

  1. se un personaggio continua a ripetere che una determinata cosa potrebbe accadere (un po’ come quando la mamma ti dice: “Non saltare sul letto ‘ché cadi!”), quella cosa accadrà. Cosa ha ripetuto Ralph per tutta la puntata? “Non riuscirete a beffarvi di DeVoe” e infatti…
  2. Se un personaggio fa, dal nulla, un bellissimo discorso su quanto si trovi bene nel team e quanto si senta in famiglia, quel personaggio farà una brutta fine. Infatti…
  3. Se quel personaggio che fino a due secondi prima avrebbe voluto fare spezzatino del nemico ora si converte alla pace e alla giustizia, il nemico la farà franca e causerà sofferenze ai protagonisti. Infatti…

Nonostante l’evidente pirlaggine (per noi spettatori ma sfido ad aver fatto altre scelte all’interno della situazione) del team, l’episodio è stato comunque avvincente: benché non si possa parlare di suspense fino all’ultimo perché, diciamocelo, siamo all’episodio numero 18, di certo nessuno di noi si sarebbe aspettato la conclusione della vicenda; altrettanto certamente non ci saremmo aspettati che all’episodio numero 18 saremmo giunti a una fine del genere.

Seguendo pedissequamente gli eventi della storia, il ritmo della puntata ci ha portato un altalenare di emozioni fino all’epilogo finale e alla tristezza conseguente.

Non so voi ma io ho iniziato a sospettare dove saremmo andati a finire solo molto tardi. Per cui a fine episodio mi sono ritrovata in piena negazione (e molta esaltazione), ancora spiazzata per la puntata e con in testa un sonoro: “E mo’? Che si fa?”

Bella anche la caratterizzazione dei singoli personaggi:

  • Barry versione Yoda mi è piaciuto molto. È cresciuto notevolmente dai tempi in cui era lui ad aver bisogno di un Maestro Miagi che lo guidasse nelle scelte e a volte, nel suo rapportarsi a Ralph, mi è sembrato molto paterno, degno figlio di Henry e Joe. Inoltre, credo, che l’aver perso Ralph lo possa segnare proprio in rapporto al discorso a cuore aperto che Dibny gli ha fatto dopo il cazzotto cosmico.
  • Ralph: nonostante la caratterizzazione altalenante che ha subito nel corso della stagione, in questa puntata ha dato prova di intuito, forza di carattere e sentimento. Il discorso sul senso di famiglia fatto a Barry, devo ammettere, mi ha sorpreso: ancora una volta, dietro l’apparente fagnaneria, si nascondono buon cuore e coraggio. Il fatto che il corpo di gomma di Ralph sia stato l’ultimo a essere assorbito e che gli serva così com’è, sicuramente ci dà speranze per un ritorno dell’Enlogated Man, al quale mi sono molto affezionata e che spero di non perdere.
  • Iris: è stata come sempre nell’ultima stagione, geniale. Vorrei seriamente capire perché la si odi tanto. Non solo ha senso pratico e, come leader di un team di gente che vive sulle nuvole, riesce bene a guidare e indirizzare verso la giusta direzione, ma ha affrontato Marlize armata fondamentalmente della furbizia tanto che, coraggiosamente, ha afferrato la lama e si è autotrafitta, pur di avvicinare madama DeVoe e far sparire la sediolina del teletrasporto.
  • Molto interessante – e triste – il nuovo rapporto fra Caitlin e il polaretto interiore. Ora che aveva finalmente capito – e considerando che è un genio della biologia mi chiedo perché non ci abbia pensato prima! – come fare uscire Killer Frost senza l’autolesionismo, ha dovuto dire addio al suo alter ego di Arendelle. Deve essere strano essere di nuovo sola nella sua testa.
  • Vibe: poco sfruttato nella puntata ma molto utile in relazione a un’altra storyline, ovvero quella di…
  • Harry Wells, sempre più drogato di materia oscura, ha permesso che il cappello pensatore avesse la meglio sul suo buon senso fino all’overdose finale, le cui conseguenze sono al momento sconosciute ma che avranno sicuramente a che fare con il ritorno, già da me ventilato nelle passate recensioni, del Reverse Flash.
  • Joe West: come sempre, è un passo avanti a tutti. Il comportamento da cocainomane di Harry lo insospettisce e siccome lui aveva già sospettato di un Wells in passato, ha deciso di tenere ben d’occhio questo perché la deriva che sta prendendo è MOLTO pericolosa.
  • i DeVoe: piano geniale! Sì lo so, sono i villain ma come si fa a non ritenerli geniali? Ora che ha praticamente tutti i poteri dei metahuman uniti al generatore di dark matter di Wells, potrà finalmente mettere in pratica il suo Enlightment. E noi speriamo di capire meglio COSA sia questo Enlightment. Nel frattempo, notiamo come abbia usato le capacità di Ralph per riappropriarsi delle sue sembianze e abbia poi applicato un po’ del gel che abbonda sui capelli della moglie per darsi un nuovo look, più giovanile e affascinante.

Due piccole riflessioni a latere:

  1. Barry fa la morale a Ralph sul fatto che il villain vada sempre riconsegnato alla giustizia. Peccato che Eobard Thawne, Zoom e Savitar abbiano tutti fatto deliberatamente una brutta fine. Sì, lo so, Barry e gli altri non avevano optato per quella soluzione fin dal principio per cui… Resta, comunque,  un briciolo di ipocrisia.
  2. Una riflessione più legata alla narrativa in generale che alla serie tv di per sé: ogni volta il buono della situazione dice che il villain non debba essere ucciso ma riconsegnato alla giustizia. Peccato che ogni volta quel villain finisca per ricomparire e causare panico, paura e sofferenze ai protagonisti. Sembra quasi che ci vogliano dire che avrebbero fatto meglio a ucciderlo fin da subito. Sì, lo so, è uno stratagemma narrativo che serve a cullare in un falso senso di sicurezza lo spettatore/lettore così da poterlo poi sorprendere però, eticamente, mi disturba alquanto.

TOP 3:

Il discorso a cuore aperto fra Ralph e Barry dopo la litigata con cazzotto supersonico.

Il piano del Team che si ritorce contro di loro: nel momento in cui sono comparsi DeVoe e Marliza, abbiamo tutti capito che i nostri erano finiti dritti dritti in una trappola.

Joe West che, da solo, fa fuori un robot samurai armato solo della sua buona volontà.

La prossima settimana ci aspetta un episodio sicuramente filler che però a giudicare dal promo vedrà il ritorno di un volto da me molto amato e che pensavo non avrei più rivisto.

Ovviamente sto parlando di Mister Occhi e Pistola di Ghiaccio, come il titolo dell’episodio suggerisce.

Cosa vi è parso della puntata? Scrivetemelo nei commenti. Avete idee, ipotesi, congetture o speranze per il futuro?

Anche per questa settimana vi saluto e vi ricordo di passare dalle meravigliose pagine flashose:

Arrow e The Flash

There’s no Flash without Iris West

You make me emotional, Gran Gustin

Related posts

The Flash | Candice Patton sulla rivelazione di Iris: ‘Mi sono sentita sollevata!’

Vincenzo

Ask Ausiello | Spoiler su Gilmore, Grey’s, Arrow, Castle, Walking Dead, Good Wife, The Flash e altro!

ChelseaH

90210 | Recensione 5×02 – The Sea Change

Jeda

1 comment

TreAsterischi 19 Aprile 2018 at 19:02

Concordo su tutto! 😀
Puntata di buona fattura, con diversi punti alti ben fatti e pochi bassi o “Maccosa” XD
Certo, i clichè per noi spettatori sono sempre evidenti: abbiamo visto troppe serie tv e film per cascarci ancora, ma per i personaggi è sempre tutto nuovo ^^”
(Non è una giustificazione: dai raga, siete eroi che hanno visto di tutto e di più, davvero vi fate mettere nel sacco così?!)

Ralph per me non è perduto: è attualmente il corpo usato dal Pensatore, quindi non c’è un “cadavere”… non dico che sia telefonato un suo eventuale salvataggio nel season finale, ma per una volta non mi dispiacerebbe in un happy ending per Ralphie? ^_-
è una simpatica canaglia XD

La tua considerazione finale è una diatriba cardine dei lettori di fumetti: da un lato ci sono eroi con la regola “non uccidere”, dall’altra gente come Punisher che fa stragi in ogni testata…
Gli uni dicono che è giusto che l’eroe non travalichi quel limite, anche se in effetti la minaccia del villain sarà sempre presente… dall’altro ci sono gli altri lettori che sposano la linea dura alla Trump: il crimine va soppresso, letteralmente! ^^”
La sottile differenza tra le 2 scritture è che i villain del Punitore di solito sono esseri totalmente malvagi e spregevoli, criminali disumani, veri e propri mostri che non meritano di vivere e che Punisher ci fa il favore di togliere di mezzo… al contrario gli eroi “salvifici” hanno a che fare con villain che spesso sono lo specchio dell’eroe: persone che hanno sofferto o che hanno subito traumi e una volta acquisiti i poteri li hanno usati per vendicarsi e prendersi rivalse violente… :-/
L’eroe in questi casi sa che non sono molto diversi da lui, anzi, lui stesso avrebbe potuto essere nei loro panni se avesse fatto una scelta diversa (più o meno consapevole…)
DeVoe l’abbiamo visto soccombere alla hybris del suo strapotere cerebrale e soprattutto alla grandezza dei suoi poteri: ha tantissimo in comune con Doc Manhattan, il quale non è diventato malvagio, ma ha finito col perdere il contatto con il mondo e l’interesse per l’umanità (siamo formiche rispetto a lui… totalmente insignificanti…)
Thawne è stato per Barry un nemico atroce e toglierselo di mezzo è un sollievo, ma se adesso dovesse tornare sotto forma di Harry sarebbe un bel casino: è un amico, un alleato e il padre di Jessie!
Resisterà? O finirà anche lui per cadere vittima del potere e arrivare a commettere cose terribili come il suo alter ego?
(Che poi, insisto, nella serie l’hanno fatto fighissimo e machiavellico, ma nei fumetti è un patetico frustrato, che cerca perennemente di superare i suoi limiti per raggiungere Flash, ma resta sempre il numero 2… Vegeta spostati proprio! XD)

La prossima puntata segnerà una delle ultime comparse di Capitan Cold (contratto scaduto, attore svincolato, personaggio uscito dalla serie… ciao ciao Lenny…)
Curiosissima di vederlo: se proprio deve essere un filler, che almeno lo sia per bene! XD

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.