Image default
Recensioni The Flash

The Flash 4×04 – Didò, DeVoe e Danny Trejo

Bentornati amici,

Il nostro speedster si è ritrovato a fare i conti con la propria coscienza questa settimana grazie ad un bell’episodio che mi ha intrattenuto piacevolmente per i soliti 40 minuti circa ed ha introdotto un paio di novità interessanti che mi sono piaciute molto.

Innanzitutto, un’intervista a Kreigsberg ha spiegato l’assenza di Wally/Keynan e ci ha esortato a non perdere le speranze. Se volete leggerla, la troverete qui. Inutile dirvi che, data la mia filippica della scorsa settimana, sono molto contenta di non aver detto addio ad un personaggio al quale sono molto affezionata.

In secondo luogo, questa settimana conosciamo il padre di Gypsie – pardon Cynthia – e siccome Cisco è un ragazzo fortunato, il simpaticissimo e per nulla terrificante Breacher ha il volto di Danny Trejo. Sogno il giorno in cui quell’uomo interpreterà un ruolo da orso morbidoso e dolce. Ho trovato molto divertente il siparietto fra Breacher e Cisco: il tipico topos dello scontro suocero/genero è stato articolato in maniera spassosa, sicuramente grazie alla comicità dei suoi interpreti ed è infine riuscito a innestarsi nella storyline principale fornendo il perfetto sostegno allo stratagemma finale. Ho trovato curioso che, come in Harry Potter, il chiamare le persone con il loro nome – Josh – ne abbia decisamente diminuito la paura.

D’altro canto, la storyline principale introduce un personaggio che, sembra, ci farà compagnia anche in futuro per mia grande gioia. Il Ralph Dibny che conosciamo sembra a cavallo fra due supereroi allungabili della DC: Enlogated Man, per l’appunto, e Plastic Man ed il fatto che gli sceneggiatori abbiano voluto citare entrambi i nomi nella serie tv, mi fa pensare che useranno elementi di entrambi i personaggi. Ralph mi è piaciuto molto: divertente, acuto, autoironico, potrebbe portare cose nuove nel team e mi interessa molto vedere come decideranno di fare procedere il rapporto con Barry (considerando che nel fumetto, Ralph è uno dei migliori amici di Allen).

In particolare, l’introduzione di Ralph è servita a reintrodurre il solito tema: il fine, giustifica sempre i mezzi? È un interrogativo sul quale ci siamo già soffermati in passato ma che in questa stagione sarà importante riprendere visto che al momento attuale il team Flash è convinto di essere la causa della trasformazione dei passeggeri dell’autobus. Mi piace che Barry si sia reso conto che c’è una differenza tra un poliziotto corrotto ed uno che aggira la legge per consegnare un assassino alla polizia: in entrambi i casi ci si macchia di una grave colpa ma solo in uno dei due lo si fa per motivi egoistici e questo rende una persona – in questo caso Ralph ma io inserirei anche l’intero Team Flash – migliore dell’altra. Il risentimento di Barry non era che lo specchio del giudizio su se stesso e il proprio operato, nella migliore tradizione psicoanalitica, e solo accettando i propri errori, Barry riesce ad andare oltre a quelli di Ralph. Ma l’interrogativo rimane ed è una cosa positiva.

In chiusura di puntata, poi, si è rifatta viva la Spada di Damocle che grava sulla capoccia di Cait (e sul team di conseguenza): il vecchio clan di villains che aveva usato Killer Frost per fare lo sporco lavoro, si sta rifacendo vivo e temo che presto vedremo molto più di messaggi su porte e ferri di cavallo staccati. Mi piace che Cait debba lottare con qualcos’altro oltre a se stessa e la sfuriata fatta a Barry dice molto più di quello che la sempre tranquilla Cait abbia svelato al team di recente. Cait sta ancora lottando contro Miss Polaretti ed è spaventata che un giorno Killer Frost possa avere il sopravvento: la vera differenza rispetto alla scorsa stagione è che questa volta Cait sa che da sola non potrà mai combattere un bel nulla.

TOP 3:

1- Barry si è accorto che gli eventi delle ultime tre settimane potrebbero essere tutt’altro che una curiosa coincidenza. Sono molto contenta che l’indagine parta già ora e che parta da Barry. Il suo acume ogni tanto viene dimenticato.

2- DeVoe: eccolo qua. Il nome che Abra Kadabra aveva citato nella 3×18. È il Pensatore, colui che è fisicamente assente dalla puntata ma aleggia spettrale dietro tutto.

3- We hear you, sisters!

Anche questa settimana The Flash ci saluta per ritrovarci la prossima settimana con gli addii a celibato e nubilato dei Westallen: la puntata promette risate e una faccia nota nelle vesti del villain (qualcuno ha detto Katee Sockoff?).

                                                                         (eccola che ci aspetta comodamente seduta)

Cosa vi è parso della puntata? Vi è piaciuto Ralph/Enlogated Man? Aspetto di leggere le vostre opinioni.

“Il Tweet del Recensore”

Prima di salutarvi vi ricordo le meravigliose pagine da spolliciare per essere sempre informati sul vostro velocista scarlatto preferito (e non solo):

Arrow e The Flash >>Cisco Ramon  The Flash Italian Fans There’s no Flash without Iris West You make me emotional, Grant Gustin




Continua a seguirci anche su

Related posts

Revolution | Recensione 2×01 – Born in the U.S.A.

Jules

Ask Ausiello | Scoop su Grey’s Anatomy, Once Upon a Time, Supergirl, The Flash e tanti altri!

FeFraise

Once Upon A Time | Recensione 5×20 – Firebird

Ocean

2 comments

Sel 8 Novembre 2017 at 17:05

Ciao! Complimenti, come sempre.
Effettivamente gli Star Labs hanno un problema di sicurezza. Però l’entrata in scena di Breacher mi è piaciuta un sacco. Spero di rivederlo ancora.
Ralph mi ha fatto una bella impressione, nonostante Barry ce l’abbia messa tutta per sottolineare le sue mancanze. Sarà che i tizi pungenti e ironici mi hanno sempre intrigata.
Finalmente hanno fatto un piccolo accenno al segreto di Cait: sono davvero curiosa di sapere cosa sia successo in passato e di vedere l’evolversi della situazione. Certo è che la Dott. Snow prima o poi dovrà rendere partecipe il Team della sua situazione. E’ tanto brava a dare consigli agli altri, ma quando si tratta di metterli in pratica in prima persona ha qualche difficoltà. Ma come si dice: chi predica bene, razzola male.
Questa stagione finora sta procedendo abbastanza bene. Nulla di eclatante, ma siccome abbiamo visto di peggio, direi che ci possiamo accontentare.
Alla prox… 🙂

Reply
The Lady and the Band
The Lady and the Band 12 Novembre 2017 at 17:28

Ciao!

A momenti ti rileggerò in un commento alla nuova recensione ma non ho avuto tempo per mettermi alla tastiera.
È curioso rispondere al tuo commento e considerare che Felicity ha fatto il tuo stesso identico commento sulla sicurezza agli Star Labs nell’episodio successivo ahahahah. Le grandi menti … 😉

Alla luce dell’episodio successivo, spero che tu abbia ricevuto le risposte che cercavi su Cait. Io sì e penso ne riparleremo presto. Cait è un personaggio molto chiuso e sicuramente molto ha a che fare con la sua storia personale: una madre, un capolavoro. Speriamo che quest’anno le facciano intraprendere il percorso di crescita che speriamo da almeno due anni!
Ralph è divertente, sono curiosa di vedere come si inserirà nel team.

Questa stagione sta piacendo anche a me ma, come hai scritto tu, arriviamo da due stagioni che hanno lasciato molto a desiderare…
Incrociamo le dita!
A presto!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.