Image default
Recensioni The Crazy Ones

The Crazy Ones | Recensione 1×08 – The Stan Wood Account

Ci sono tre certezze inequivocabili, alla Lewis, Roberts&Roberts: una è che lo studio è come una famiglia fuori di testa, ed era già chiaro la scorsa settimana; la seconda è che Sidney, nelle relazioni, è un completo disastro; la terza  è che qualunque cosa tu voglia vendere, loro te la venderanno.

Simon cerca, inutilmente, di nascondere un conflitto d’interessi dello studio al suo socio, Gordon Lewis (Brad Garrett), che è così alto da far sembrare Robin Williams un nano. Ha tenuto nascosto al socio di aver mantenuto il loro primo cliente, Pete Hadary Used Cars sotto il falso nome di Stan Wood Wallpaper, perché lo studio rappresenta già la Midwest Regional Ford e non è possibile rappresentare due concessionarie. Si ritrova, quindi, a dover affrontare un dilemma importante: deve scegliere tra un cliente che porterebbe molto denaro allo studio e uno al quale è affezionato. La scelta finale è un compromesso: decide di tenere la Midwest Regional Ford, ma mobilita tutta la squadra per aiutare Hadary a vendere tutte le sue auto usate.
Come al solito, quando il gruppo lavora insieme si arriva a situazioni assurde: l’accento polacco di Simon non avrebbe mai potuto funzionare, ma è perfettamente in linea con il personaggio essersi fatto venire in mente un’idea così assurda.
Le scene della vendita delle auto usate sono la prova che le dinamiche di gruppo sono vincenti: da Robin Williams, per quanto mi riguarda, mi farei vendere anche un triciclo e Zach e Lauren si meritano una menzione d’onore per la scena sulla macchina:

zachcarlaurencar

Prima c’è stato Zach, ora è il turno di Andrew di fare il fanboy. E’  stato adorabile sia quando ha  vinto la “gara del fanboy più accanito” contro Zach, che quando ha scoperto che il suo idolo è uno sporcaccione.
Il poveretto deve affrontare, per la seconda volta, un gigante minaccioso. Povero Hamish Linklater: è l’unico a poter competere con la statura di Brad Garrett.
Ad essere presi di mira, questa settimana, sono i pubblicitari: Gordon entra in scena con una definizione poco lusinghiera della categoria:

lewis1
lewis2 lewis3
A cui Simon risponde con un’inclemente descrizione del collega:

simon1

E non vengono risparmiati neanche da Andrew:

andrew1(ok)andrew2(ok)
Finché ci daranno scene con Zach e Andrew, mi considererò felice. Sono dei simpatici cretini, insieme.

zachandrew
E Zach è sempre pronto a dare il meglio di sé, quando si tratta di adulare Simon.

zach
Sidney, invece, si ritrova ad uscire con un ottantenne, Glenn Hastings (Ed Asner), ovvero mister Finger, protagonista di uno spot degli anni ottanta creato da Simon che sta ritornando popolare. Dopo averla portata fuori, la bacia, lasciandola interdetta. Perciò, si attiva il servizio “sostegno emotivo della Lewis, Roberts&Roberts”, che si cimenta in una serie di simpatiche rivisitazioni del dialogo tra Sidney e mister Finger:

sidney1 sidney2 sidney3
In generale, l’episodio sfrutta bene le potenzialità di Simon e Andrew, che sta assumendo una personalità sempre più definita . Riesce anche a far emergere la comicità del gruppo. Per questo, è un peccato che Sidney non fosse con gli altri a vendere le auto usate: anche se è sempre molto tenera quando si ritrova in situazioni imbarazzanti e fa venir voglia di coccolarla per la sua ingenuità, non vederla condividere un momento così collettivo dà la sensazione che manchi qualcosa. I tuffi nel passato di Simon sono sempre bene accetti: dopo quello della settimana scorsa, che ha riguardato lui e Sidney, questa volta è il turno del passato lavorativo del solo Simon di essere rivelato. La sua storia viene esplorata a gradi, un tassello alla volta, e ci dice sempre di più su di lui, umanamente: anche se è cambiato e deve ragionare da uomo d’affari, resta comunque affezionato alle sue origini e ha un suo codice personale.

Tra i bloopers di questa settimana questo mi ha fatto morire dal ridere:

blooperscast blooperscast2
Sono proprio una banda di squinternati!

Anche in questo caso mi domando: dov’è Sidney? Perché non si è unita a tutto ciò?

Brad Garrett tornerà nel prossimo episodio. Non so voi, ma io ne sono felice.

Appuntamento alla prossima settimana, e non dimenticate di visitare Sarah Michelle Gellar – La Pagina Italiana e The Crazy Ones Italia e mettere mi piace!

Related posts

Arrow | Recensione 2×06 – Keep your enemies closer

Bravissima6

The Innocents: Stranger Things e The End of the F***ing World hanno avuto un figlio!!

Lestblue

The Following | Recensione 1×12 – The Curse

Sarella

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv