Image default
Recensioni The Carrie Diaries

The Carrie Diaries | Recensione 1×03 – Read Before Use

Ciao a tutti! scusate per il megaritardo della recensione, ma ho potuto vedere l’episodio solo ora, visto che martedì ero impegnata ad un concerto a Milano (The Script!! fammi sapere se c’eri anche tu! ahah). Ciando alle bande, cominciamo subito col dire che quest’episodio non mi ha fatto impazzire, niente grandi risvolti nella trama o nuovi personaggi interessanti, ma come sempre tanta moda e humor pronti per noi.

La puntata si apre con Carrie e la sua ormai usuale frase di apertura che ci svela quale sarà il tema principale dell’episodio: ETICHETTE!

La prima a beccarsene una è Maggie, che dopo essere stata lasciata da Walt non fa altro che comportarsi come una bambina isterica a cui non comprano un giocattolo e viene così rinominata Drama Queen.

Nonostante ami il personaggio di Larissa proprio non riesco a capacitarmi del fatto che non si renda conto che Carrie sia solo una ragazzina e non una frequentatrice di locali porno con famose pornostar dalla dubbia saggezza.

Scena esilarante quella del padre che compra gli assorbenti alle figlie, ma dico io Carrie, sei talmente occupata a sbavare dietro a Sebastian da non riuscire a comprarti degli assorbenti? Tra l’altro il padre parla di una figlia, al singolare, come se Dorrit fosse un australopiteco o non so cos’altro invece che una donna.

Carrie non riesce a resistere e sbircia tra le cartelle del padre per scoprire la scioccante verità su Sebastian: è andato a letto con la sua insegnante di arte. COSA?! tutto qui? io pensavo che come minimo avesse portato sostanze stupefacenti ai soldati in Afghanistan su un triciclo rubato!

E’ quasi più trasgressiva Dorrit, che dopo una litigata col padre se ne va sbattendo la porta e intrufolatasi in un negozio di animali si porta via un cricetino, a cui darà il nome del cantante degli Smith, Morrissey. You go girl!

Nel frattempo la nostra cara Carrie si è decisa ad andare ad un appuntamento con Sebastian (come darle torto) e dopo un dolce bacio al ritmo di Who’s gonna drive you home dei Cars, l’incantesimo svanisce quando lei si ricorda della sua relazione con l’insegnante. O meglio, secondo me si è ricordata di essere una suorina santarellina che non esce con i ‘bad boys’.  Lo fa presente al ragazzo che invece di prendere in mano la situazione e tranquillizzare Carrie, scappa a gambe levate dal problema, liquidandola con un: Tra noi non può funzionare. Ma che clichè.

Mouse si riappacifica con il suo Princeton Guy e se devo essere sincera sto cominciando a shipparli.
Carrie torna a casa dalla sua scampagnata a Manhattan e dice al padre di aver scoperto la verità su Sebastian e lui ovviamente si incazza accusandola di alto tradimento alla famiglia e bla bla bla. Carrie, non era meglio dire che te l’aveva detto lui?

Mags in preda ad una crisi isterica prende a coltellate il panda di peluches che Walt le aveva regalato al primo appuntamento, e dopo qualche attimo di sconforto corre da Carrie per farselo sistemare, ma lei come già sappiamo è nella City e al suo posto Mags si deve accontentare di Dorrit, che nel frattempo ha perso il suo topolino e sta tentando di riconquistarlo con una fetta di mortadella.


La povera creatura si trova così per la seconda volta a subirsi le scenate delle amiche della sorella, che è invece troppo indaffarata con la sua vita da venticinquenne alla moda per stare dietro a loro.

Anche il padre delle ragazze decide di lasciarsi un po’ andare e si fa convincere da un amico a passare una serata in un locale, dove sembra che per rimorchiare le parole magiche siano: sono vedovo. wtf?!

L’episodio si conclude con il ritrovamento di Morrissey da parte di Tom ed una gita di famiglia al negozio di animali dove i Bradshaw compreranno l’occorrente per prendersi cura del nuovo arrivato.

Il tasto più dolente della puntata secondo me è l’assenza di Walt! chi meglio di lui poteva rappresentare i tormenti generati da un’etichetta?! -20 punti a TCD per ciò.

Nota piacevole invece la costatazione che Austin Butler diventi più bello di episodio in episodio, chi è con me?

Outfit of the week molto semplici questa settimana, ma li ho adorati entrambi!

 

Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti!

Ed anche per oggi l’appuntamento con The Carrie Diaries è finito, io vi aspetto la prossima settimana con una nuova puntata di quest show super glamour!

Related posts

Gotham | Recensione 1×05 – Viper

Lestblue

Grey’s Anatomy | Recensione 9×06 – Second Opinion

sweetsilvia

The Walking Dead │Recensione 6×04 – Here’s Not Here

Clizia Germinario

3 comments

Shantiny 3 Febbraio 2013 at 18:38

Io non so perché la gente ne parla male, a me, nella sua semplicità, TCD sta piacendo un sacco *_* sarà che vedere Sebastian mi é sufficiente per essere felice, contenta, e sbavante <3 mamma mia!

Adoro sempre le tue recensioni comunque *^*

Reply
xsunsetbeauty 3 Febbraio 2013 at 19:00

grazie shanti!
a dire la verità anche a me piace molto, solo che obbiettivamente qualche difetto ce l’ha, e io ho il compito di tirarli fuori! ahah.
anche io adoro i sebarrie *—*

Reply
Sarella 4 Febbraio 2013 at 10:17

In realtà anche a me piace!!Anzi, questa puntata mi ha convinto molto più della precedente, l’ho trovata più scanzonata e interessante, vedere la New York degli anni 80 x me è già abbastanza x amare alla follia lo show! La parte con la pornostar è stata esilerante!!
Secondo me non è stato inserito Walt nell’episodio perchè non hanno ancora parlato esplicitamente della sua omosessualità e forse non volevano mettere troppi avvenimenti in un’unico episodio!
Cmq adoro le tue recensioni!!!!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.