Image default
Recensioni The 100

The 100 6×11 – Il confronto che tutti aspettavano

Abbiamo dovuto aspettare ben due stagioni, ma finalmente questa 6×11 di “The 100” ci ha portato al confronto che tutti aspettavamo da troppo tempo.

Ma andiamo per ordine…

Feels Bellarke come se piovesse

Tra la puntata della scorsa settimana e questa 6×11 direi che noi shipper Bellarke possiamo ritenerci più che soddisfatti. JRoth ci ha regalato una marea di scene evocative, di testa e cuore – senza contare quella respirazione bocca a bocca che alimenterà i fanvid fino alla fine della serie.

Che li si ami come coppia o meno, una cosa è innegabile: Clarke e Bellamy danno il meglio di sé insieme. Una frase che, se avete seguito le mie recensioni nelle ultime stagioni, mi avrete probabilmente già sentito dire un migliaio di volte, ma che mi sento di ribadire ogni volta che vedo scene del genere. Sia quando sono in accordo, sia quando sono in contrasto, riescono sempre ad equilibrarsi a vicenda e ciò che emerge dal loro confronto arricchisce “The 100“.

Sto apprezzando particolarmente lo scambio di ruoli che la loro crescita personale ha portato alle dinamiche della leadership del gruppo. Bellamy ha mitigato la sua impulsività e Clarke, soprattutto ora, dopo l’esperienza con Josephine, si è a tratti ammorbidita. Per entrambi non ripetere gli errori del passato è diventato un mantra e questo è un ulteriore motivo di crescita. I sacrifici che sono disposti a compiere ora non sono più dettati dalla sola necessità di sopravvivere ma di fare veramente qualcosa di meglio.

The100_6x11_Bellarke

La situazione a Sanctum ricalca, in parte, quella di Mount Weather, ma questa volta ci sono le premesse per una risoluzione meno estrema. Nella beata convinzione di servire delle divinità, la popolazione di Sanctum è a tutti gli effetti innocente e si potrebbe arrivare a spodestare i Prime senza effettivamente recare danno ai loro sottoposti.

Più si va avanti più quel sentimento di empatia nei confronti di Russell e della sua famiglia sparisce, lasciando posto alla convinzione che centinaia di anni insieme siano più di quello che un uomo comune possa mai desiderare e che gli esperimenti e le menzogne ai danni dei loro “sudditi” siano stati un mero atto egoistico, che anche in questo caso va ben oltre l’istinto di sopravvivenza e diventa arroganza, insensibilità verso ciò che si sta sacrificando pur di mantenere quello status.

I “personaggi secondari” che conquistano la scena

I nostri Delinquents invece si stanno facendo valere. Tutti, nessuno escluso. A cominciare da Miller, a cui ogni tanto viene concesso un po’ di spazio. Vedere quanto stia ancora soffrendo per le scelte del passato mi fa pensare ancora di più a quanto potenziale sprecato ci sia nel suo personaggio. Fa parte del gruppo sin dall’inizio eppure non è mai riuscito ad emergere veramente con una storia propria.

The100_6x11_Miller_1 The100_6x11_Miller_2
Tutt’altro trattamento, invece, è stato riservato ad Echo, di cui abbiamo conosciuto anche le origini. Penso che abbia scelto di abbandonare per sempre Ash e mantenere la maschera di Echo per sopravvivere e non farsi ferire. Tanto che anche ora, con quella che a tutti gli effetti ritiene la sua famiglia, non ha svelato a nessuno la verità. In un certo senso è come se uccidendo la sua compagna abbia sepolto per sempre anche quella parte di sé. Così come credo che la morte di Ryker non sia dovuta solo al suo tradimento, ma anche per far sì che quel segreto resti per sempre sepolto.

The100_6x11_Echo_1 The100_6x11_Echo_2
Vedendo gli occhi di Gaia illuminarsi nel vedere Echo trasformata in una natblida, il pensiero è stato uno solo. La soluzione alla deriva di Madi potrebbe non limitarsi all’estrazione del chip, ma includere Echo nel piano come nuova Heda. Madi è oggettivamente fuori controllo, tanto che temo possa arrivare a fare del male anche a Clarke, convinta di trovarsi di fronte a Josephine. Anzi penso che forse quello potrebbe essere l’effettivo punto di non ritorno che la convinca a rinchiudere Sheidheda nell’ombra.

Il confronto che tutti aspettavano

Ultimo ma non ultimo, questa 6×11 ci ha regalato il confronto che tutti aspettavano con ansia da due stagioni. Le gioie e i dolori dei  fratelli Blake: una storia infinita. Da spettatori sappiamo cosa è accaduto nella testa di Octavia, ma è comprensibile  che Bell rimanga fermo nelle sue convinzioni, nonostante la commozione che il discorso della sorella ha suscitato in lui. Più del perdono, Octavia sta cercando redenzione, vuole disperatamente riavere il fratello  nella sua vita e dimostrargli di essere cambiata, di poter essere anche lei parte di quel do better a cui tutti aspirano.

The100_6x11_Bellamy_Octavia_1 The100_6x11_Bellamy_Octavia_2
Le parole di Bellamy mi hanno spezzato il cuore, perché quel my responsability ci accompagna da sempre e fa parte del suo personaggio. Ci vedo, però, anche uno spiraglio positivo. Per Bellamy potrebbe essere un altro esempio di crescita e maturità, il fatto che la sorella non sia più la sua unica responsabilità, ma che abbia abbracciato completamente il suo ruolo di leader, riversando quel senso di protezione su tutta la sua famiglia allargata. Per Octavia, invece, potrebbe essere un bene non sentirsi più una responsabilità, un essere fragile che ha bisogno di essere protetto o una minaccia che deve essere arginata. La speranza  di una definitiva  riappacificazione non è ancora morta.

Chiudiamo allora con la TOP 3 dell’episodio:

  • Ovviamente il confronto tra i fratelli Blake che tutti aspettavano. Valeva la pena attendere per quella scena.
  • Il costante ricordo di Monty. Non posso fare a meno di sorridere ogni volta che viene nominato e commuovermi un po’ pensando che la sua memoria è uno stimolo costante per non ripetere gli errori del passato e guadagnarsi questa seconda possibilità.

The100_6x11_Monty_1 The100_6x11_Monty_2

  • Un incoraggiamento a Miller: non facciamolo perdere di nuovo per strada e sfruttiamo a pieno il suo potenziale, please.

Vi lascio con il promo della 6×12 e vi ricordo di passare dalle pagine Facebook dedicate a “The 100”.

The 100 Italia

The 100 – Bellarke Italia Page

DeCento

Related posts

The Crazy Ones | Recensione 1×14 – Simon Roberts Was Here

Eilidh

Stitchers | Recensione 1×02 – Friends in Low Places

The Lady and the Band

Teen Wolf | Recensione 3×16 – Illuminated

Lestblue

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv