Image default
Recensioni The 100

The 100 5×08 – Testa e Cuore si invertono

The Head and the heart. Clarke e Bellamy sono sempre stati la testa e il cuore di questa serie, ma in questa ottava puntata, dopo cinque stagioni e un salto temporale di sei anni, forse le cose sono cambiate e si sono capovolte.

Clarke, come una mamma orsa, ora mette la vita di Madi davanti a tutto, davanti alla logica della decisione più ragionevole e davanti a qualsiasi rischio. Atteggiamento che a tratti mi ha dato quasi fastidio, proprio perché sembra che il pensiero fisso di proteggere Madi stia oscurando qualsiasi altra cosa. È chiaro che il loro rapporto sia davvero importante, che la ragazzina sia stata la sua unica famiglia per sei anni, ma ci sono altre persone che contano su di lei e questa è una cosa che Clarke ha sempre tenuto ben presente e che ora è passata totalmente in secondo piano. Bellamy d’altra parte ha dimostrato quanto sia maturato in questi sei anni: per quanto le conseguenze delle decisioni prese siano in egual modo durissime da sopportare, dal mio punto di vista scegliere d’istinto è più facile, per cui ho apprezzato enormemente la maturità con cui ha affrontato la scelta di togliere Octavia dai giochi. La loro scena è stata doppiamente emozionante, per “l’avvelenamento” della Blodreina e per i continui richiami al passato: Octavia ha usato la vecchia tradizione che aveva con la madre ed il fratello per creare uno dei rituali del Wonkru, dimostrando ancora una volta che la ragazzina che si nascondeva sotto il pavimento non è morta del tutto, e Bellamy ha chiuso il tutto con il suo classico motto “My sister, my responsability”, che lo accompagna dalla prima stagione ma che non credo avrebbe mai pensato di portare così agli estremi.

E non dimentichiamo che da fan Bellarke questa conversazione tra i fratelli Blake è servita anche a dare la silenziosa conferma che la mia ship vive.

[Silenzio assenso, prendiamone atto]

Considerata la fedeltà cieca del Wonkru e la palese estromissione di Indra dai vertici del comando, mi chiedo però se la guerra si fermerà davvero ora che Octavia è fuori gioco; potrebbe invece essere la svolta per Miller per uscire dall’ombra e prendere in mano la situazione rivoltandosi contro i suoi ex compagni.

Io vorrei con tutto il cuore la pace, non per un improvviso buonismo, ma perchè Charmaine Diyoza mi sta letteralmente rubando il cuore. Sempre spietata, determinata, con il perfetto controllo della situazione; disposta a sacrificare McCreary (che, diciamocelo, non sarebbe mancato a nessuno) per avere il pieno controllo sul gruppo e per portare questo gruppo unito verso la salvezza; sono tutti criminali, certo, e alcuni, come Vinson, probabilmente non meriterebbero nemmeno di essere salvati, ma al momento sono tutto quello che ha. E poi c’è quella bambina, quella speranza ed il confronto con Kane che stringe il cuore. Non credo che in questo caso sia tattica, quella è la Diyoza più tenera che sta per lasciarsi andare anche con Abby di fronte alla possibilità che ci si stia davvero avvicinando ad una cura e che poi si ricorda che invece non può concedersi nessuna falla e ritorna sui suoi passi, fredda e decisa. Decisamente il punto forte di questa stagione.

Una nota di merito anche per Monty. Fondamentalmente sta riportando in scena l’ideale di Jasper, ma la grandissima differenza, ed anche la sua forza, sta nel non abbandonarsi all’autocommiserazione e alla passività. Monty cerca una vera alternativa alla guerra che non comporti nessuna azione violenta; è poi palese che le alghe non possono essere una soluzione, ma almeno ci prova. Essere stanchi di lottare e di uccidere è più che plausibile, ma Monty non smette comunque di dare sostegno ai suoi compagni e di metterli di fronte alla dura verità: uccidere Cooper infatti non ha portato a nulla (ed è un peso che forse graverà su di lui più di tutti) ed è vero che ci sono sempre vite di serie A e di serie B quando si parla di sacrificio, perché disconnettere testa e cuore non è poi così semplice. Monty non vuole più essere messo di fronte a questa scelta, vuole semplicemente vivere ed io non posso dargli torto. Così come d’altra parte c’è chi è più portato per sopravvivere e tira fuori il meglio di sé in questa situazione, come Murphy.

Delusione su tutta la linea invece per Abby: non salvo nulla, proprio non ce la faccio, perché ha un Marcus Kane al suo fianco che si è buttato nell’Arena per lei e quel cucciolo di Raven a cui non ha esitato a fare del male pur di avere la sua dose di farmaci. Non ha nessuna motivazione se non la sua dipendenza e nemmeno si interessa più di quella figlia che non vedeva da anni e credeva morta e che ora se ne sta da qualche parte senza che lei si chieda minimamente dove. E poi ha fatto del male a Raven e questo per me è un confine invalicabile. Fortunatamente c’erano Echo e soprattutto Shaw dalla sua parte. Sarà l’immensa delusione di Abby o la prolungata assenza di Murphy ma io qui ragazzi non so se mi trattengo, la ship si sta preparando a salpare a vele spiegate: Raven Reyes è un tesoro preziosissimo e Shaw ha forse capito cosa si trova davanti agli occhi – fossi in te, mio caro Zeke, una così non me la lascerei scappare, anche se il #MaiUnaGioia è sempre dietro l’angolo e tu potresti essere l’ennesimo danno collaterale di una guerra senza esclusione di colpi e l’ennesimo colpo basso della sorte alla space walker più sfigata della storia.

Andiamo ora alla TOP/FLOP 3 della settimana:
  • TOP: l’evoluzione del rapporto tra i fratelli Blake. Lavorano su questo conflitto dalla prima stagione, su questo amore incondizionato e sulla profondissima divergenza di opinioni; il tutto probabilmente è culminato in questa puntata ed è stato pura emozione.
  • FLOP: la dipendenza di Abby. Il tutto è estremamente realistico, perché la dipendenza ti cambia e ti spinge a fare cose insensate, ma questo tracollo non lo sopporto, perché Abby merita di meglio e, con lei, anche quelli che le stanno accanto.
  • TOP: per l’ennesima volta, Charmaine Diyoza. Che volete che vi dica, ho perso la testa, praticamente amo più il villain dei protagonisti (quasi).

Vi lascio con il promo della 5×09 “Sic Semper Tyrannis” e vedremo se saremo davvero arrivati alla pace (anche se purtroppo dovremo aspettare altre due settimane).

Aspetto i vostri commenti e le vostre opinioni e vi ricordo di passare dalle nostre pagine amiche per non perdervi nessun aggiornamento sul cast e su questa quinta stagione.

The 100 Italia

The 100 – Bellarke Italia Page

DeCento

Related posts

How I Met Your Mother | Recensione 8×03 – Nannies

Lunabi

90210 | Recensione 3×21 – The Prom Before The Storm & 3×22 – To The Future!

cristal85

Awkward | Recensione 3×12 – “And then what happened..”

chasseur

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.