Image default
Rubriche & Esclusive Telefilm Addicted consiglia...

Telefilm Addicted consiglia… United States of Tara

Chi non si é mai sentito diviso in più personalità? Noi a scuola, al lavoro, in famiglia, con gli amici: gestire questi diversi lati di noi e farli coesistere a volte sembra quasi impossibile. Ma cosa dovrebbe dire allora Tara, che ha un vero e proprio disturbo della personalità?
La nostra protagonista possiede infatti ben tre distinti lati del proprio carattere: la personalità chiamata “T”, giovane, ribelle ed esuberante; troviamo poi “Buck”, il suo lato grezzo e mascolino; e infine la raffinata “Alice”, una perfetta madre e moglie anni ’50. A subire le conseguenze di queste continue trasformazioni c’è l’affezionata famiglia: Max il marito affettuoso e comprensivo, la figlia adolescente Kate, che fra un guaio e l’altro cerca la sua strada; e il secondo figlio Marshall, alla scoperta del proprio orientamento sessuale.

Ideato da Steven Spielberg e scritto da Diablo Cody (la sceneggiatrice premio oscar di Juno), United States of Tara é un dramedy che adempie perfettamente ai compiti del proprio genere: far ridere e riflettere allo stesso tempo. Anche la rete su cui é stato trasmesso può parlare in favore della serie: con alle spalle telefilm rivoluzionari come Queer as Folk, The L Word, Weeds, Dexter, Californication, Nurse Jackie, The Big C e Shameless, la Showtime si mostra come sinonimo di eccentricità e ribellione alle norme.
La situazione di Tara, telefilmicamente parlando, é infatti una novità: impossibile quindi annoiarsi scoprendo il funzionamento di questo bizzarro disturbo, che mette tutti i personaggi in situazioni assurde, imbarazzanti, e sicuramente esilaranti. Un linguaggio schietto fa da padrone per le tre intere stagioni, ognuna composta da 12 brillanti episodi, che vista la breve durata (una mezz’oretta l’uno) si guardano come si mangiano le ciliegie: uno dopo l’altro, senza riuscire a fermarsi!
Sicuramente il punto forte dello show é l’incredibile abilità della protagonista, Toni Colette, nel riuscire a dare ad ognuna delle sue personalità vita propria: sarà impossibile anche per voi non affezionarvi ai tanga rosa e alle cicche di T, ai modi da burbero con il cuore tenero di Buck, o ai mille grembiuli da cucina di Alice.

Una serie camaleontica quindi che, a parer mio, va assolutamente vista: nonostante la breve vita, é sicuramente un piccolo gioiellino della televisione, che per scrittura e recitazione raggiunge livelli sorprendenti anche per lo stesso mondo telefilmico. Divertente, eccitante, e al contempo profondo e originale: United States of Tara é un insieme non solo di personalità, ma anche di ingredienti televisivi sapientemente mescolati in una ricetta perfettamente riuscita!

Related posts

Quotes of the Week #80

ChelseaH

La terza stagione di Lovesick in quattro punti

Syl

10 Look per l’Estate dall’Armadio di Serena Van Der Woodsen

Al

1 comment

JaneRizzoli 22 settembre 2012 at 12:50

Showtime forever!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.