Image default
Recensioni Supernatural

Supernatural | Recensione 8×03 – Heartache

Supernatural ritorna alla sua formula originale: mostro della settimana.
Prima puntata filler di questa stagione, con una trama sul banale andante: abbiamo un atleta maya di ben 900 anni che stanco di vivere decide di suicidarsi. Per arrivare alla venerenda età di 900 anni e rotti, mantenersi giovane e in perfetta salute e forma fisica, questo atleta due volte l’anno doveva compiere un sacrificio umano al dio Cacao (non avete idea di quante cose io abbia sacrificato al dio Cacao in tutti questi anni… e non è stato altrettanto generoso con me) e mangiare il cuore della vittima. Come sempre questi episodi sono in qualche modo collegati allo stato d’animo di uno dei fratelli Winchester, in questo caso parliamo di Sam che proprio non riesce a farsi piacere la vita da cacciatore e vorrebbe tornare alla normalità che ha vissuto in questo anno di separazione da Dean.
Giusto per chiarire la trama di questo episodio: il punto chiave del rituale è il cuore, quindi la ragazza a cui l’hanno trapiantato è diventata una pazza, invasata di potere pronta a uccidere chiunque per mantenersi bella e giovane. In tutto questo abbiamo quella che all’inizio sembra essere la mamma dell’atleta e che invece ne è l’amante umana che aiuta i fratelli e riesce in qualche modo a trovare pace dopo tutte le sofferenze passate (dovrebbe tenere un corso intensivo per Dean).
Non si può dire che sia stato un brutto episodio, ma diciamo che non è stato indimenticabile, inoltre non so perché ma verso la fine mi ha ricordato l’episodio 15 (mi pare) della scorsa stagione, quello su Crono, il Dio del Tempo.
Verso la fine della puntata vediamo anche un flashback molto tenero del picnik a sorpresa organizzato da Amelia per il compleanno di Sam. Personalmente credo stiano facendo un lavoro egregio nel mostrarci i ricordi di quest’ultimo anno: il modo in cui tutto viene raccontato evidenzia le differenze di carattere tra i nostri due protagonisti. Il passato di Dean è molto duro, cupo e dettagliato, quello di Sam, invece, è composto da piccole sequenze molto dolci che possiedono quasi un’atmosfera sognante e soprattutto rappresentano l’opposto dello stile di vita Winchester.
Sam, quindi, si ritrova al punto di partenza, incastrato in una vita che non vuole, lontano da tutto ciò che ha sempre desiderato: stabilità e normalità, due cose che sembrava aver trovato con Amelia. Questo è forse uno degli episodi in cui la differenza tra i due fratelli appare maggiormente chiara: Sam trova difficoltoso tornare alla sua vita da cacciatore, mentre per Dean appare sempre più evidente che “l’hunting things” è quello che vuole dalla vita e non solo lo dimostrò all’inizio della stagione 6, abbandonando Lisa e Ben alla prima opportunità, ma lo riafferma anche in questa puntata quando dice che “capisce cosa significa essere un guerriero”.
Tanto per darvi un’altra notizia random: l’episodio era diretto da Jensen Ackles e, come sempre, ha fatto un ottimo lavoro alla regia.

Related posts

Supernatural | Singer e Ackles sulla separazione dei fratelli

Stella

Lucifer 3×04 – Diavolo su cavallo, olio su tela, 2017

ChelseaH

This Is Us 2×03 – Tu pensa se deve farmi piangere anche Stallone…

Gnappies

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.