Image default
Recensioni Supernatural

Supernatural | Recensione 8×02 – What’s Up, Tiger Mommy

Ad un certo punto mi aspettavo che Chris Hemsworth spuntasse fuori per reclamare il suo Mjolnir (il martello per intenderci), sarebbe stato impagabile!
Ma procediamo con ordine, l’episodio è incentrato sulla figura della madre del profeta e sul suo sacrificio. I fratelli Winchester si lasciano convincere da Kevin ad andare a prendere la madre per allontanarla dalle guardie di Crowley e tenerla al sicuro. Tuttavia questa tenace donna si rifiuta di abbandonare il figlio e decide di andare con loro, in un viaggio che li porterà ad un’asta di beni preziosi, dove si trova la tavoletta che contiene l’incantesimo per chiudere i cancelli dell’Inferno. Ma loro non solo gli unici in cerca del Verbo di Dio, all’asta si trovano contro un Angelo del Signore, Samandriel, detto Alfie, Crowley stesso e loro. La posta in palio è molto alta e porta l’Angelo ad offrire Città del Vaticano, mentre il Re degli Inferi rilancia con la luna (che a quanto pare gli appartiene). Quando ormai tutto sembra perduto la signora Tran offre la sua anima per il figlio e la tavoletta a favore dei Winchester.
Non vi aspetterete mica che sia finito così? Certo che no! Ovviamente Crowley bara. E alla fine nessuno è contento: gli Inferi ottengono la tavoletta e Sam e Dean nulla, mentre Kevin sparisce insieme alla madre, in fuga da tutto e tutti.
Durante la puntata si scorgono anche dei flashback sul Purgatorio e vediamo che Dean aveva ritrovato Castiel che non vuole stare vicino al suo fratello preferito per tenergli lontano i Leviatani che hanno messo una taglia sulla sua testa. E Dean con delle parole che hanno spezzato il mio curiocino sentimentale dice: “Cass, amico… ho bisogno di te” e poi “Non me ne vado da qui senza di te.” Ragazzi che emozione.
L’episodio si chiude con un ultimo ricordo di Dean e del Purgatorio dove vediamo Castiel in seria difficoltà che si aggrappa alla mano del suo amico e con sguardo disperato chiede aiuto. Titoli di coda. Curiosità a mille: cosa è successo? Perché è successo? Domande a cui non vedo l’ora di avere risposta.
Questo secondo episodio ci porta a scavare più a fondo nello stato d’animo di Dean da quando è tornato sulla Terra e lascia Sam un po’ in ombra. Dal modo in cui sono introdotti e collocati i flashback si intuisce che molta dell’amarezza che Dean sta mostrando dal suo ritorno dal Purgatorio potrebbe essere collegata a Castiel e alla sua scomparsa.
Crowley continua ad essere perfetto nelle parti del cattivo Re degli Inferi e il suo “Hello, boys” porta sempre alle battute migliori; sarcasmo e ironia in un mix perfetto che allegeriscono i toni drammatici della puntata. Ma il premio per la battuta migliore dell’episodio va alla madre del profeta per le seguenti parole: “So what is going to be? The tablet or that piece of european trash crap you call a car?” Non avevo mai sentito nessuno additare una Ferrari come “un cafonissimo catorcio europeo”, ho riso per 10 minuti e se ci ripenso ancora adesso, mi scappa un sorriso.
Tra l’altro notizia random di cui probabilmente non vi frega nulla ma ve la dico lo stesso, ho scoperto perché questa stagione è migliore delle altre: hanno avuto il buon senso di ingaggiare Eric Kripke (il creatore della serie) come consulente esterno, ci avessero pensato due stagioni fa mi avrebbero risparmiato due anni di sofferenze.

Related posts

The Walking Dead | Recensione 3×13 – Arrow on the Doorpost

Pepkins

Spoiler Room | Scoop su The Handmaid’s Tale, Supergirl, Supernatural, Blindspot e tanti altri!

FeFraise

I Medici – Lorenzo il Magnifico, di nome e di fatto

Gnappies

2 comments

Sarella 13 Ottobre 2012 at 14:57

Bella recensione, concordo su TUTTO!!!!
Mi piace la piega che sta prendendo questa stagione, per ora funziona…:-)

Reply
Spezz 14 Ottobre 2012 at 09:59

Troppo tenebroso Dean per i miei gusti, non solo c’è del mistero, ma è proprio “stronzo” in certi casi. Sam è tornato a fare la coscienza e lui il diavoletto.. speriam bene.

Piaciuta molto la scenetta dove Sam propone di vendere Baby :D, ed anche il riferimento a Plutone (ma per motivi piu personali 😛 )

Spero svelino qualcosina in più su questi flashback, o passeremo l’intera stagione a scoprire il passato e poco ad andare avanti 🙁

Presto, secondo me, per dire se si va avanti o si torna indietro come stile, aspetto a sbilanciarmi

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.