Image default
Recensioni Suits

Suits 7×13 – Aut…Out

Bentornati!

Ieri sera, guardando la sigla, mi sono resa conto che resterà così ancora per qualche puntata e non credo di essere pronta del tutto all’addio a Mike Ross (e Rachel, ma diciamoci la verità, soprattutto Mike). Per di più che in questo episodio Korsh e soci ci hanno tenuto molto a giocare con la dinamica Harvey/Mike che è il fiore all’occhiello (nonché punto di partenza) della serie tv.

Quindi godiamoci finché resta la ormai amatissima conclusione della sigla…

Questo 13mo episodio mi è piaciuto moltissimo. E non solo perché FINALMENTE PAULA AGARD È FUORI DAI GIOCHI ma perché hanno saputo, nella migliore tradizione, raccontare delle storie personali con il giusto tocco di approfondimento psicologico, senza cedere troppo al melodramma.

Tutte e quattro le storyline della puntata (perché anche il cliente combatteva per una cosa analoga), hanno avuto al centro il dover essere onesti con se stessi e con le persone che ci sono accanto.

Ovviamente a godere della maggiore attenzione è il triangolo Donna-Harvey-Paula che, come da tutti immaginato, ha portato la psicologa a imporre ad Harvey un aut-aut – ovvero una scelta fra due alternative. Da qui il titolo della mia recensione – fra lei e la Paulsen.

Noi tutti sappiamo che i ricatti non funzionano mai su Harvey e questo per via del suo codice morale che lo porta a non riuscire mai a tradire le persone a cui tiene. Ho apprezzato molto che il confronto fra Harvey e Donna si basasse sul piano lavorativo della Paulsen. Donna ha lavorato duramente per arrivare dove è arrivata e dover rinunciare a tutto ciò solo perché Paula si sente insicura, non sarebbe stato giusto. Ed infatti, Donna accetta di tirarsi indietro SOLO quando realizza che quelle linee confuse delle quali si parlava nella premiere della 7B, sarebbero rimaste tali, almeno da parte sua. Insomma, Donna stessa si esclude dai giochi perché, in fondo, anche lei avrebbe voluto imporre ad Harvey un aut aut; questo me lo fa pensare quel “Thank you, Harvey” finale, come se inconsciamente, Donna stessa gli avesse chiesto di scegliere fra lei e le esigenze di Paula.

Paula che, per quanto dalla parte della ragione, ha raggiunto in questo episodio vette di insopportabilità che non vedevamo dai tempi di Hardman. Va bene, non esageriamo, Hardman era peggio…un po’ peggio. La dottoressa Agard aveva assolutamente ragione – sfido chiunque di noi a non ritrovarsi in una situazione simile e commettere i suoi stessi errori – ma le sfuggiva una cosa fondamentale: chiedere ad Harvey di troncare il suo rapporto con Donna, quindi di escludere dalla sua vita una persona che vi era all’interno da quasi 20 anni, era troppo e, forse, è stato un bene per lei, sapere chi – o, dal mio punto di vista, cosa – avesse realmente la priorità nella vita di Harvey.

Interessante che nel confronto fra le due nello studio della Agard, mentre Donna chiedeva a Paula di rispettare la sua professionalità e non chiederle di rinunciare al suo lavoro, Paula vedeva solo una sua rivale in amore e volgeva la propria attenzione solo e unicamente alla Donna/altra donna (scusate il gioco di parole) e non alla Donna/Capo del Personale. Testimonianza della brillante sceneggiatura di cui è capace il team di Korsh.

D’altro canto, Harvey ha scelto di anteporre Donna e i suoi bisogni a sé stesso, come Donna aveva fatto per anni nei suoi confronti. Questo è stato un enorme segno di riconoscenza da parte di Harvey nei confronti di colei che fa parte della sua vita da sempre, si può dire, e che – molti di voi lo ricordano bene – è la reale responsabile del riavvicinamento fra Harvey e sua madre (grazie Lily!). Non credo che ci sarà chissà quale nuova svolta nel rapporto futuro fra Donna e Harvey ma l’essere l’uno la costante della vita dell’altro è sicuramente qualcosa di importantissimo con la quale chiunque deve fare i conti. (Spero di poter dire di sbagliarmi in un futuro…molto vicino ma sto perdendo le speranze).

Resto convinta, però, che QUEL bacio fosse necessario per poter mettere in moto un cambiamento nella bilancia dei rapporti fra i Darvey per uscire da un’impasse che si protraeva da troppo tempo.

Il tema dell’onestà con se stessi e le persone che ci sono accanto, è al centro anche della storyline di Mike e Rachel.

Una storia che mi è piaciuta molto e che ha visto i due, finalmente, iniziare a parlare seriamente di futuro. Islanda o San Diego che sia, i futuri coniugi Ross, stanno pianificando un futuro per se stessi lontano da NY e dalla Specter Litt ed è interessante perché Mike non ne ha minimamente parlato con Harvey, è la prima volta che viene accennato e mi viene da pensare che anche il rifiuto della promozione all’interno dello studio dello scorso episodio, fosse proprio legato a questi pensieri.

Molto bella la scena nella parrocchia del sacerdote amico di Mike e molto ben scritto anche il confronto «bullshit» che ha chiuso la puntata per quanto riguarda loro.

Continuo a trovare Rachel pressoché inesistente dal punto di vista professionale ma immagino sia legato all’imminente partenza e al non voler mettere troppa carne al fuoco per questi ultimi episodi.

Infine, anche Louis ha dovuto duramente imparare cosa sia essere onesti con se stessi. L’entusiasmo iniziale della sua relazione clandestina con Sheila, si è duramente scontrato con una realtà da “ruota di scorta” con tanto di risatine di scherno.

Louis si è illuso di poter abbracciare l’idea di fare il «bad man» ma in fondo è uno dei buoni e questa decisione gli sta costando cara. Resisterà? Vedremo.

Il promo della prossima puntata molto gioca con i nostri feels…

…viste le passate scottature, amici Darvey, non creiamoci aspettative, perché ho paura dell’ennesima delusione.

Cosa vi è parso della puntata? Anche voi con compostezza…

…sobrietà…

e autocontrollo…

…avete salutato Paula Agard?

Fra una bottiglia di Dom Perignon e l’altra, io vi saluto e vi auguro un buon weekend e alla prossima settimana!!!

Related posts

90210 | Recensione 5×04 – Into The Wild

Jeda

Legends of Tomorrow | Recensione 1×15 – Destiny

Aniel

Broadchurch | Recensione 2×05

Lu

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.