Image default
Recensioni Star-Crossed

Star-Crossed | Recensione 1×05 – Dreamers Often Lie

Come abbiamo già notato dai primi episodi, Star-Crossed è caratterizzato da una trama orizzontale che fa ancora fatica a concretizzarsi e, infatti, viene data maggior importanza all’autoconclusione, con ‘trame’ che vengono accennate all’inizio di ogni puntata, sviluppate e concluse nell’arco dei soli quaranta minuti. Confido nel fatto che, proseguendo con la storia, tutto ciò che sta accadendo adesso venga poi ripreso in futuro, come ad esempio la faccenda di Eljira che viene approfondita in questo episodio.

1

Ai sette atrians viene data un’ulteriore opportunità per integrarsi tra gli umani e viene deciso, infatti, di lasciarli uscire in città. Il coprifuoco resta ma, almeno, possono vedere qualcos’altro oltre la scuola. Ognuno tra i Sette ha intenzioni ben precise su come sfruttare il proprio tempo “all’aria aperta” e, ovviamente, i Trag non si lasciano sfuggire una simile opportunità, soprattutto considerando che adesso hanno dalla loro parte Teri e Drake su cui fare affidamento.

“Humans see freedom for the Seven as the next step to a peaceful integration, for us it is an opportunity.”

Dichiarare guerra agli umani, o meglio, sterminarli per liberarsi dell’imposizione del settore, è la loro principale intenzione e Vega, il capo dei Trag, in possesso di un’arma letale di cui conosciamo già gli effetti, decide di attaccare; ha in mente di portare il cubo fuori dal settore da una spia che sa già cosa dover fare e affida la missione a Drake. Classico esempio di madre perfida che, per non metterci la faccia, non vuole fidarsi della propria figlia, così da evitare conseguenze per se stessa nel caso in cui lei fallisca. Tipico e, avendo avuto già modo di vedere che tipo di persona senza scrupoli sia Vega, non mi ha nemmeno stupito. Naturalmente, però, Teri non accetta di buon grado la cosa e, puntando sull’ingenuità da ‘tutto muscoli, niente cervello’ di Drake, prenderà in mano la situazione per cercare di mettersi in mezzo nella missione.

2

La freddezza di Roman nei confronti di Emery, in questo episodio, raggiunge il picco più alto fino ad ora, tanto che si ritrovano l’uno davanti all’altro solo un paio di volte e si sente l’assenza di Julia, che in precedenza aveva fatto un po’ da intermediario tra i due. Il problema è che, oltre ad essere fermamente convinto che per tenere Emery al sicuro debba starle lontano, al momento si trova troppo immischiato nelle faccende che, un tempo, avevano coinvolto suo padre. Infatti, continua ad assillare Lukas riguardo il cellulare, finché il ragazzo riesce a captarne il segnale e riescono finalmente a trovarlo. Tutto questo casino e del cellulare non importa più a nessuno perché Roman trova un biglietto che è, a quanto pare, più interessante. Oltre a scoprire un’altra delle molteplici capacità degli atrians, ossia che posseggono uno spettro ottico più sviluppato, Roman spiega che nel biglietto, scritto nella loro lingua e con la grafia di Nox, ci sono delle coordinate nascoste per raggiungere Eljira. Di questo fantomatico luogo se n’era già sentito parlare e ci vivrebbe una comunità di atrian liberi, ma nessuno ha mai fornito prove certe della sua esistenza. E’, fondamentalmente, solo un bel mito.

3

Mentre Roman si dà da fare con i suoi problemi da risolvere, Emery non resta con le mani in mano e, anzi, inizia a frequentare Grayson accettando l’invito ad andare al cinema con lui. Sono da soli, in fila, e hanno la possibilità di parlare di qualsiasi cosa, ma Emery che discorso caccia? Quello sui Red Hawk e, principalmente, fa presente a Grayson le sue ansie riguardo un loro eventuale attacco durante la ‘gita’ dei Sette in città.  E’ con uno splendido ragazzo che, almeno per il momento e all’apparenza, l’adora e lei che fa? Pensa a Roman e si preoccupa per lui. “Chiodo schiaccia chiodo” non ha mai funzionato e, a questo punto, spero sempre di più che Grayson si riveli essere un vero Red Hawk e provi a sfruttarla per arrivare a Roman. Sarebbe un gran bel plot twist. Comunque, nel frattempo, il bulletto Eric interrompe i due ragazzi chiamando Grayson e costringendolo, praticamente, ad abbandonare Emery al cinema per andare a prenderlo. Dei vandali sono entrati in casa della signorina Garcia per manifestare il loro disappunto riguardo il programma di integrazione ed Eric si è lasciato mettere in mezzo, così come anche Grayson di conseguenza. Arriva con la sua auto e prova a portarli via ma quando la polizia li ferma, l’unico che resta seduto è lui. Inizialmente, ho avuto l’impulso di inveirgli contro ma poi ho pensato che a lasciare la macchina, sarebbe stato comunque rintracciato, quindi, tanto di cappello a Gray che ha pensato bene di non peggiorare la situazione scappando. Purtroppo, però, viene comunque arrestato ed Emery, dopo averlo saputo da Eric, decide di andare a trovarlo per aiutarlo. Almeno per il momento, e lo ribadisco perché spero nel volta faccia, Gray è sincero con Emery e le spiega tutto quello che è successo, compresa la parte in cui i suoi genitori finti perbenisti coi soldi hanno intenzione di far incriminare Eric al posto suo per non far sfigurare i Red Hawk. I due, però, lavoreranno insieme per tirare fuori dai casini Eric, nonostante le difficoltà. Mi piacciono molto insieme ma è palese che Emery abbia la testa, o meglio il cuore, altrove.

a b

Drake porta a termine la prima parte della missione e si dirige nel bar in cui dovrà incontrarsi con la spia. Teri fa di tutto per mettersi in mezzo e, senza nemmeno volerlo, è Drake stesso che gliene dà la possibilità. La ragazza bionda, di cui non ho ancora capito il nome, ha mostrato in più di un’occasione di provare un certo interesse nei confronti di Drake e si decide ad avvicinarlo. Il fraintendimento che si crea tra i due è esilarante ma, sebbene lui ci guadagni un gran bell’amplesso sul lavandino e sul muro del bagno, ha rischiato di mandare a monte la missione. Fortunatamente, procede tutto come previsto senza ulteriori disagi, nonostante l’intervento poco desiderato di Teri, che sono sicura porterà a dei litigi con sua madre, e nonostante Drake abbia messo in pericolo la missione. Aver avuto un rapporto con un’umana, non gioverà alla sua posizione all’interno dei Drake, sempre se Vega non decida di ucciderlo all’istante. Comunque, lui e la spia portano avanti la missione che scopriamo consistere nel far spargere le spore della cyper nera in tutta la città; la cyper cresce dai corpi degli atrians deceduti ed è uguale per la cyper nera, che cresce dai corpi degli atrians deceduti per colpa della stessa pianta. Beaumont servirà i Trag con più fedeltà da morto che da vivo e a Drake non sembra infastidire la situazione, anzi, farebbe qualsiasi cosa per vendicarsi degli umani, a detta sua. Personalmente, non ne sono affatto convinta e, secondo me, cambierà presto idea.

kid

Durante le sue ore libere in città, Roman decide di cercare Eljida seguendo le indicazioni dategli dal padre. A detta di Nox, solo gli atrians possono trovare questo luogo e Drake gli racconta che, secondo la leggenda, bisogna accendere tre fuochi sulla riva, così da invocare Jesytur, il guardiano di Eljida, che trasporta gli atriani con una barca, in quanto si trova talmente in profondità da non poter essere raggiunta in altro modo. Nonostante il bayou sia qualcosa di immenso, Roman trova facilmente il percorso da seguire, visibile solo all’occhio di un atrian; trova un vecchio locale con una scritta al neon dal nome ‘Jessy’s Tour’ che, avendo delle lettere non più funzionanti, forma la parola ‘Jessytur’. La convinzione che sia una fregatura si fa sempre più concreta, anche quando Roman decide di accendere i tre fuochi, aspettando per ore che qualcuno si faccia vedere. All’arrivo della signorina Garcia, si scoprono solo alcune delle carte in tavola; la donna omette di dirgli che ha un fratellastro ma, almeno, gli fa sapere che suo padre era innamorato di un’altra donna, di un’umana, e che ha tradito sua madre. Sinceramente, mi ha infastidito parecchio il modo in cui si è rivolta a Roman, con aria di sufficienza, ed è stato anche peggio quando è arrivato il guardiano di Eljida per portare via suo figlio, perché so già che non dirà niente a Roman dell’esistenza di quel luogo. Oltretutto, l’arrivo del guardiano sulla barchetta mi ha fatto pensare un po’ a Caronte che trasporta i morti all’Inferno e, secondo me, questa Eljida non è proprio il posto migliore in cui vivere ma solo l’unico in cui gli umani non possono intervenire.

sophia1 sophia2

In conclusione, è stato interessante scoprire che Sophia è lesbica, non tanto per l’orientamento sessuale in sé, bensì perché stavo già iniziando a shipparla con Lukas, quindi, meglio aver affondato la ship prima che potesse farmi stare male, e mi è piaciuto molto il breve confronto tra Roman e Drake. Mi aspetto di vedere grandi cose da questi due, messi l’uno contro l’altro.

Voi che ne pensate dell’episodio? Scrivetelo nei commenti.

Se non lo avete già fatto, mettete ‘mi piace’ e seguite queste fantastiche pagine facebook dedicate a questa serie tv.
Star-Crossed Italia – Matt Lanter Italia – Aimee Teergarden Italia – Grey Damon Italia – The CW Italia – Star-Crossed

Vi lascio con il promo del prossimo episodio dal titolo “Stabbed with a White Wench’s Black Eye”. SPOILER!

https://www.youtube.com/watch?v=YCMyY6MO-jM

Related posts

Revolution | Recensione 2×18 – We May Lose One Of Our Own

Jules

Revenge | Recensione 4×10 – Atonement (Mid-Season Finale)

WalkeRita

Glee | Recensione 3×13 – Heart

elychan88

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv