Image default
Recensioni Star-Crossed

Star-Crossed | Recensione 1×04 – And Left No Friendly Drop

Con la morte di Nox, il rapporto tra gli Atrians e gli umani sembra farsi sempre più complicato a causa delle difficoltà riscontrate nel portare avanti il programma di integrazione. In questo episodio, però, abbiamo la possibilità di assistere ad un primo cambiamento, addirittura ad una coalizione tra le due razze.

1

La cupola della famiglia di Roman viene presa d’assalto dall’unità di sicurezza del settore che mette a soqquadro l’intera abitazione. La madre di Roman gli spiega che qualcuno ha riferito loro che sono in possesso di tecnologia non autorizzata e scopriamo presto che agli Atrians non è consentito avere nemmeno i cellulari, infatti, andate via le guardie, la donna mostra ai suoi due figli un cellulare che ha tenuto ben nascosto da quando l’ha trovato nelle cose di Nox. Se qualcuno dovesse scoprire che Nox aveva un cellulare, potrebbe essere considerato addirittura un terrorista e Roman si prende l’incarico di portarlo fuori dal settore per distruggerlo. L’intenzione di farlo sparire c’è, ovviamente, ma vorrebbe prima farlo funzionare per scoprire cosa contiene. In fin dei conti, potrebbe rivelargli cose di suo padre che fino ad allora non aveva mai nemmeno immaginato; crede ancora in lui e nei suoi ideali ma il fatto che avesse un cellulare, illegalmente, gli infonde dei dubbi, più che leciti.
Non sapendo nemmeno da dove cominciare per provare a farlo funzionare, decide di rivolgersi a Julia, l’unica umana di cui si fida e la ragazza decide, a sua volta, di chiedere aiuto a qualcuno molto più capace di lei a maneggiare la tecnologia. Lukas, infatti, sembra entusiasta all’idea di poter aiutare Roman e si mette subito al lavoro, sebbene il cellulare sembra aver automaticamente rimosso i dati, potrebbe riuscire a recuperarli e promette all’Atrian di fare tutto il possibile.

2

Ogni volta che Julia e Roman si rivolgono la parola, Emery compare all’improvviso e Julia, per mantenere il segreto di come Roman le abbia salvato la vita, si trova costretta a mentirle, per quanto dalla faccia di Emery non sembra che la ragazza se la beva. Tra lei e Roman continua ad esserci freddezza, l’Atrian si è messo in testa che tenerla vicino potrebbe metterla in pericolo e vuole proteggerla al punto che non gli importa di passare per lo stronzo della situazione; tanto di cappello per questo atto di altruismo, ma nel frattempo c’è Grayson che mira Emery senza avere questo tipo di problemi e, anzi, la sua unica preoccupazione è quella di farle capire che non fa parte dei Red Hawk. Io non so proprio decidermi; tutto porta a pensare che sia effettivamente uno di loro ma perché, allora, prodigarsi così tanto per fare breccia nel cuore della ragazza? Si è allontanata dagli Atrians, ai Red Hawk non servirebbe più avere un collegamento con lei, quindi non resta che pensare che Grayson sia sincero e che stia, invece, portando avanti il doppio gioco con i suoi genitori e il resto della banda anti-Atrians. Ad ogni modo, fa trovare ad Emery dei fiori nell’armadietto e, per quanto la ragazza sembri apprezzare, gli fa capire che proprio non riesce a fidarsi di lui. Vorrebbe, ma non riesce a negare la realtà dei fatti.

3

Durante un’interessantissima lezione di biologia, scopriamo cose nuove riguardo le caratteristiche degli Atrians. Già sapevamo che hanno due cuori ma veniamo a sapere anche che hanno due paia di polmoni che, combinati con l’abilità della loro pelle di assorbire ossigeno sia dall’aria che dall’acqua, rendono il loro sistema respiratorio diverso, o migliore come ci tiene a sottolineare Teri. I marchi sulla pelle che diventano luminescenti a contatto con l’acqua, servono ad ‘illuminargli il cammino’; loro crescono più in fretta rispetto agli umani; sono sensibili a cose come il sale e l’aria secca; sono allergici a molti dei cibi umani, tra cui la caffeina che per loro è come un veleno. Fondamentalmente, eccetto che per alcune cose, le caratteristiche fisiche sono similari a quelle umane, il che gli permette di sopravvivere senza problemi sulla Terra, purché rispettino delle regole, sia fisiche che legali.
Sophia, la sorella di Roman, ha la brillante idea di entrare a far parte della squadra di nuoto, cosa che fino a quel momento non era mai stata presa in discussione durante le riunioni sul programma di integrazione; attività sociali come lo sport, infatti, vengono considerate pericolose per entrambe le razze e la signorina Garcia non sembra affatto convinta che sia una buona idea. Emery incoraggia l’idea di Sophia, cercando di convincere anche la donna che non sarebbe un problema; Roman interviene a sua volta per decretare, invece, l’esatto contrario, in quanto esporla pubblicamente la metterebbe in pericolo. Sorprendentemente, l’onnipresente Grayson prende la parola a difesa delle intenzioni di Sophia e, alla fine, la signorina Garcia decide di esporre la questione al consiglio e valutare se sia, effettivamente o no, una buona idea accogliere l’Atrian nella squadra di nuoto.
C’è di buono che Emery, almeno, si ricrede su Grayson, mentre Roman, preoccupato, cerca di distogliere sua sorella dal proseguire con quest’idea del nuoto. Capisco perché si agiti così con lei e anche perché faccia di tutto per evitare Emery, ma se non impara a pensare un po’ a se stesso, non otterrà mai niente, né da sua sorella, né dal cuore di Emery.

4
5 6

Nel cellulare di Nox, Lukas ha trovato solo tracce di messaggi inviati e ricevuti sempre da uno stesso numero e l’unico file concreto è un video criptato. Roman lascia a lui il cellulare, chiedendogli di decriptare il video, e tornato nel settore scopre che l’unità di sicurezza è tornata a fare visita alla sua famiglia; sanno del cellulare e la madre di Roman ha detto loro che lo aveva lui con sé (come proteggere un figlio: lo stai facendo benissimo!). Roman la rassicura dicendole che non c’è più e lo sguardo eloquente di Castor lascia intravedere una certa ansia. Che cosa nasconde? Io continuo a non fidarmi.
Nel frattempo, Grayson invita Emery alla cena prima che tiene insieme al resto della squadra di nuoto, la sera prima della gara. “It’s a date” e a lei sta bene. Come biasimarla.
Lukas, finalmente, riesce a decriptare il video e avvisa Roman per farglielo vedere ma, prima che ne abbia la possibilità, viene ‘arrestato’ dall’unità di sicurezza nella scuola e portato nell’ufficio della signorina Garcia. Distrugge la memoria del cellulare davanti a lui, intimandogli di non immischiarsi in questo genere di faccende e confermandogli che il cellulare era proprio di suo padre, motivo per cui la situazione non può essere divulgata, altrimenti il fatto che Nox tenesse tecnologia non autorizzata potrebbe essere frainteso. Nonostante sembri che non ci sia più alcuna possibilità di recuperare i dati su quel cellulare, Roman non si abbatte e chiede a Lukas di rintracciare il cellulare del mittente dal quale Nox riceveva i messaggi e aveva ricevuto il video; il segnale è molto vicino alla scuola, segno che Nox lo usava per comunicare con un umano. Inevitabilmente, la prima persona che mi viene in mente è proprio la signorina Garcia, considerando il rapporto di lavoro che aveva con Nox per via del programma di interazione sociale, ma non capisco perché l’uomo abbia rischiato così tanto…

a

7 8

Il giorno della gara di nuoto è arrivato e a Sophia è stato dato il via libera per parteciparvi. Sin dall’inizio della serie si è notato il suo interesse nel relazionarsi con gli umani, ragion per cui non mi ha stupito vederla cedere alle ‘lusinghe’ di una ragazza della squadra avversaria; il problema, però, è che è troppo ingenua. Purtroppo, a prescindere dalle razze, il mondo è pieno di gente cattiva e le tocca pagare subito il prezzo della sua ingenuità. Accetta, fin troppo tranquillamente, una bevanda energetica dall’avversaria, che contiene caffeina e la fa andare in shock anafilattico. Drake e Teri assistono alla scena e quest’ultima è stata a dir poco favolosa. Sarà anche una Trag, pericolosa, ribelle, scostante, ma per il momento è il personaggio che più di tutto mi intriga. Nel vedere stare male Sophia, reagisce male e fa partire una rissa contro i ragazzi presenti. Julia si affretta ad avvisare Roman che porta via Sophia, insieme ad Emery. Mentre gli altri Atrian, in compagnia di Grayson ed Eric, si danno da fare a picchiare i ragazzi della squadra di nuoto avversaria, Roman tenta di salvare Sophia, spiegando ad Emery della cyper. Con l’arrivo della professoressa di biologia, però, è costretto a fermarsi e inizia ad andare nel panico vedendo la sorella fare fatica a respirare, impallidendo sempre di più, finché Emery non ha il colpo di genio e la salva, iniettandole un antistaminico.

c d

Fortunatamente, Sophia si riprende alla grande e la rissa viene sedata. La signorina Garcia convoca tutti coloro che erano presenti nell’avvenimento e li avvisa della squalifica dalla gara. Probabilmente, andrebbero tutti puniti per scarsa condotta ma la donna, invece, decide di ‘premiarli’; per la prima volta, Atrians e umani hanno combattuto insieme per far valere le proprie ragioni, quindi, non gli verrà inflitto nessun provvedimento disciplinare. Il buon umore di Sophia, rimasto intatto nonostante abbia rischiato di morire, contagia il resto della crew e decidono comunque di sfidarsi in un’amichevole gara di nuoto, dove addirittura Eric mostra un atteggiamento decisamente più tranquillo nei confronti della ragazza.
Emery ha capito di potersi fidare di Grayson e i due si baciano sotto lo sguardo attonito e disperato di Roman. Le ‘star-crossed’ sono lui ed Emery, sono destinati a stare insieme e tutto il resto, ok. Ma quanto ho fangirlizzato quando Grayson l’ha baciata e lei, tutta sorridente, ha ricambiato senza indugiare. Avevo gli occhi a cuoricino… #GrameryIsReal
Ma la cosa più bella dell’episodio resta la capocciata di Teri alla bionda.

Dulcis in fundo, non può mancare, come ormai è d’abitudine, il colpo di scena finale: scopriamo che ad ordinare la perquisizione a casa di Roman è stata la Garcia e assistiamo ad una sua telefonata con Castor, aggiornandolo sugli ultimi eventi. Se Nox non era un terrorista, perché si sono prodigati così tanto per distruggere il cellulare e qualsiasi cosa fosse correlata ad esso? La donna conclude la telefonata con l’Astrian e si adagia comodamente sul sedile della sua auto, concentrandosi sul video preso dal cellulare di Nox che ha avuto la premura di salvarsi sul proprio. A quanto pare, suo figlio è il figlio di Nox. Se si dovesse venire a sapere, quali potrebbero essere le conseguenze per l’aver concepito un bambino con un Atrian?

Voi cosa ne pensate di questo episodio? Scrivetelo qui nei commenti, se vi va.

Se non lo avete già fatto, mettete ‘mi piace’ e seguite queste fantastiche pagine facebook dedicate a questa serie tv.
Star-Crossed Italia – Matt Lanter Italia – Aimee Teergarden Italia – Grey Damon Italia – The CW Italia 

Vi lascio con il promo del prossimo episodio dal titolo “Dreamers Often Lie”. Attenzione agli SPOILER!

http://www.youtube.com/watch?v=Z3wSB2Iqzus

Related posts

The Good Doctor 1×12 – Una meravigliosa conclusione della premiere di mezza stagione

Syl

The Exorcist | Recensione 1×04 – The Moveable Feast

Lestblue

Once Upon A Time | Recensione 4×12 – Heroes And Villains

Ocean

4 comments

Marianna 15 Marzo 2014 at 00:04

Siamo al 4 episodio e sto cominciando ad apprezzare questa serie perché finalmente sto cominciando a darle un senso: gli umani trattano gli Atrians come degli esseri inferiori e ho apprezzato il riferimento alla discriminazione razziale, presente anche in un Paese super liberale come gli Stati Uniti. Purtroppo sembra che l’uomo non impari mai dai suoi errori e continui a ripeterli all’infinito, alcuni uomini si considerano superiori e si sentono in diritto di trattare altre etnie come spazzatura, come esseri inferiori. Sophia mi fa davvero tanta tenerezza, vorrebbe essere accettata e non riesce a capacitarsi del fatto che venga isolata solo perché “diversa”, al contrario di suo fratello Roman che lo ha accettato e di Teri e Drake che vogliono prendersi il rispetto con la forza. P.s la scena della testata è stata mitica, se fossi stata li gliela avrei tirata pure io 🙂

Reply
Jules 18 Marzo 2014 at 01:53

La penso esattamente come te e, si, la testata di Teri è stata mitica 😛

Reply
AMED 16 Marzo 2014 at 07:15

Ho da dire molto sulle Vs. recensione.
E’ un riassunto… NON una recensione!…la quale deve poter fare analisi, criticare, dare giudizi di valore Ma raccontare solo i “fatterelli” ACCADUTI nella puntata assolutamente fa si che non bisogna chiamare tale cosa come una “Recensione”.
Cmq, Nessuno ha ancora detto che la serie è una “metafora” rispetto ai “diversi”. Per me non è una serie fantascientifica, diciamo forse “futurista” perché ambientata in un ipotetico immediato futuro. L’interesse che crea nasce dal fatto che una civiltà umana è raccontata mentre viene a contatto con una aliena, diversa, vista anche come pericolo ma forse no, spinge la civiltà umana a domandarsi: “che fare?” ed a fare le relative, conseguenti scelte, soprattutto umane,morali oltre che politiche. Questi sono elementi classici delle storie di fantascienza e/o fantasy. Tutto sta nel vedere poi COME si sviluppano le storie. Intanto, non è stato ancora detto niente, ma è stato solo immaginato, sul perché quando gli Atrian sono arrivati gli si è sparato addosso immediatamente e non cercato un qualsiasi “contatto” con loro. Sarebbe interessante da vedere o raccontare. E’ un possibile sviluppo della serie?…vedremo. La serie ha un impronta giovanilistica chiara, parla di ragazzi alla scuola ed è normale che si sviluppi nelle dinamiche che appartengono ai giovani Ma, ma per quello detto sopra, per me è una serie che ha una forte impronta “Politica” nel senso più generale del termine, perché ci costringe a riflettere sui “diversi” da noi e vedere se e come ci si può relazionare con essi. Quindi fa prendere “coscienza” di sé e del mondo che ci può circondare. Non è la prima serie né l’ultima che fa questo ma è cmq interessante per le dinamiche che racconta e che ci fa vedere.
Questo è tutto, al momento, di ciò che volevo dire.
Grazie per l’attenzione.
AMED

Reply
Jules 18 Marzo 2014 at 01:51

Ognuno ha il proprio modo di esprimersi e mi risulta che nelle mie recensioni io scriva SEMPRE il mio pensiero. Non mi limito MAI a fare solo il riassuntino, questa è una cosa in più per ampliare il discorso e non limitarmi a dire ‘questo m’è piaciuto’, ‘questo no’. Comunque, mi trovo d’accordo con te riguardo l’importanza del fattore politico. Non è la prima serie che fa una cosa del genere, ma da una serie teen non mi aspettavo un simile accorgimento ed lo apprezzo molto.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.