Image default
Recensioni Shameless

Shameless | Recensione 7×07 – You’ll Never Ever Get A Chicken In Your Whole Entire Life

Loading...


shameless_707_0272-rAvete presente la vicina del piano di sopra che la domenica mattina alle 7.30 decide di passare l’aspirapolvere e allora ti prende quel desiderio irrefrenabile di prendere una mazza chiodata e di giocare a fare Negan con le sue ginocchia? Ecco, questo è stato il sentimento che mi ha pervaso soavemente durante le scene di Debbie. Se avessi potuto l’avrei presa a sberle. Detto fuori dai denti, volendo essere addirittura cattivi (ma a questo punto un po’ se lo merita pure…), ha praticamente circuito una persona non del tutto stabile per insinuarsi in casa sua e sfruttare i suoi soldi per mantenere lei e la bambina; inoltre, in questa casa ha iniziato a fare da padrona, imponendo il suo volere e i suoi capricci, e facendo sentire Sierra e suo figlio come degli ospiti indesiderati. Vorrei far notare che sostanzialmente si sta comportando con Sierra come Fiona minacciava di fare con lei, cosa per cui Debbie si è sempre sentita in diritto di giocare la carta della vittima e della povera madre single senza nessun sostegno – e diciamo addio anche alla coerenza… Anche dopo l’intervento dei servizi sociali, ancora non riesce a capire i suoi errori (ammetterli sarebbe un miracolo); anzi, proprio a causa della minaccia dei servizi sociali si sente a maggior ragione giustificata nel marciare dritta per la sua strada, senza preoccuparsi di quello che le accade intorno. A casa di Neil, all’incontro con il consulente scolastico, con Fiona alla lavanderia e infine alla terapia genitoriale: in nessuna di queste occasioni Debbie ha provato, nemmeno per un secondo, a rivedere la sua posizione. Capisco che sia mossa dal desiderio di provvedere al meglio a sua figlia, però francamente le giustificazioni cominciano a perdere senso e la situazione sta diventando veramente intollerabile. Salvo solo il piccolo momento di tenerezza scambiato con Neil e lo faccio per Neil.

E giusto per levarmi subito tutti i sassolini dalle scarpe, parliamo anche di Veronica Svetlana e Kevin. Partiamo con un breve riassunto delle puntate precedenti. Kevin è il compagno di Veronica, con lei ha due figlie, ma non la può sposare perché è già sposato con Cheryl. Veronica è la compagna di Kevin, ma ha sposato Svetlana per farle ottenere la green card. Svetlana era sposata con Mickey, dal quale ha avuto un figlio, ma poi ha divorziato per sposare V e vivere in una splendida relazione a tre; scopriamo poi, però, che in Russia aveva già sposato Yvon, che fingeva di essere suo padre, per cui né il divorzio con Mickey, né il matrimonio con Veronica sono validi. Bene – no, non è Beautiful, è sempre Shameless ma fa storia a sé. Per quanto esilaranti possano essere le loro gag, per quanto possano risultare una pausa piacevole nell’infinito dramma maiunagioia della famiglia Gallagher, a questo punto però mi chiedo che senso abbia continuare su questo binario parallelo. Tolta la componente comica, che è innegabile, credo che questa scelta sia molto limitante per dei personaggi che invece potrebbero avere uno sviluppo decisamente più concreto. Non che le loro scene mi annoino, però quando si parla di loro parto ormai col presupposto che non si giungerà a nulla di serio e lo trovo sinceramente uno spreco.

shameless-7x07-11

Fiona… che dire? Giuro che non sono partita con l’idea di fare una recensione lamentosa, ma il corvo del malaugurio che ha fatto il nido sulla mia spalla continua a dirmi che qualcosa in questo affare della lavanderia deve andare storto. La scorsa settimana avevo addirittura pensato che in realtà la dolce vecchietta avesse firmato il contratto con gli agenti del North Side prima di firmare con Fiona e che poi se ne fosse dimenticata. In realtà non è andata così, ma non so quanto la situazione sia migliore delle mie nere aspettative: la lavanderia non naviga in buone acque, questo è assodato, ma i problemi da risolvere sono molti di più (e soprattutto molto più costosi) di quanto Fiona avesse mai immaginato e naturalmente la vecchia proprietaria non aveva minimamente accennato a nessuno di questi piccoli disagi – se pensiamo che Etta mangia il cibo per gatti, beh tutto viene ridimensionato

a1 a2
Da quando ho visto quell’assegno sulla bacheca non ho fatto altro che sperare che Fiona se lo riprendesse e mettesse al sicuro la sua attività e la sua casa. La decisione di investire nella lavanderia è stata troppo affrettata: Fiona ha delle ottime capacità di gestione (l’esperienza di crescere cinque Gallagher lo ha dimostrato), ma troppo spesso agisce d’impulso, senza riflettere, in primis non consultando la sua famiglia sulla possibilità di utilizzare la casa come garanzia per il prestito e poi senza fare una valutazione dello stato di fatto della lavanderia prima di investirci tutti quei soldi. Ambito diverso, stessi errori: sta riversando nell’ambito lavorativo la stessa irruenza e impulsività che ha sempre avuto nelle sue relazioni e che purtroppo non l’hanno mai condotta a nulla di buono. Ammetto quindi di aver tirato un sospiro di sollievo quando ha stracciato quell’assegno e di essermi poi rimessa le mani nei capelli quando è tornata a depositarlo. Non sono d’accordo con le sue scelte, ma questo non mi impedisce di apprezzare comunque il suo coraggio: come dice Margo, la strada che Fiona sta per intraprendere è quella più difficile e che richiede più sacrifici, per cui è da lodare il fatto che, nonostante tutto quello che abbia passato, scelga ancora di mettersi in gioco e rischiare tutto pur di perseguire i suoi obiettivi. Mi frena solo pensare che questo suo lanciarsi a capofitto in qualsiasi situazione possa ritorcersi contro di lei e se dovesse cadere di nuovo, stavolta rialzarsi sarebbe estremamente difficile. Penso che voglia dimostrare agli altri e a se stessa di essere veramente capace di impegnarsi e di portare a termine qualcosa di importante, ma temo che la sola volontà non basti a far filare tutto liscio.

tumblr_ogml6av8mu1ukw309o6_500

Lip in questa puntata, invece, mi è piaciuto molto. Younes si dimostra per l’ennesima volta una sorta di saggio grillo parlante che alita whiskey, e almeno ci prova a riportarlo sulla retta via, anche se credo che lo stimolo maggiore gli sia arrivato da Sierra. Come avevo sperato, ci hanno mostrato qualcosa in più sulla ragazza e ne è risultato un ritratto più che positivo: di fronte alle imposizioni e all’arroganza di Debbie non fa una piega, dal momento che la scelta spetta a suo fratello e non a lei; mentre Debs avrebbe molto da imparare da Sierra su come si educa un figlio, dal momento che cerca di farsi in quattro perché Lucas cresca in un ambiente sereno e abbia addirittura un rapporto col padre (che evidentemente non lo merita); con Lip, a differenza di quanto poteva sembrare qualche settimana fa, in realtà non ha cercato di imporre un comportamento da famiglia allargata né di trascinarlo nei suoi problemi. Forse proprio questa forza dimostrata nel saper gestire la propria vita potrebbe spingere Lip a riprendere in mano la sua. Già ho notato un leggero miglioramento: dopo il “licenziamento” di Fiona da capofamiglia, Lip ha fatto molta fatica a prendere il suo posto e a farsi carico delle responsabilità che prima gravavano quasi interamente sulle spalle della sorella; di fronte alla difficoltà di Sierra non l’ha abbandonata, non ha scaricato quella responsabilità su nessuno perché in quel momento il suo posto era accanto a lei. Se seguisse anche il suo consiglio di tornare all’università, potrei quasi dirmi soddisfatta.

shameless-7x07
Anche Ian non mi è dispiaciuto. Come per Sierra, così ho rivalutato anche il personaggio di Trevor. Il fatto che sia stato da tempo annunciato il ritorno di Mickey a questo punto credo che in qualche modo abbia “danneggiato” quelle che potevano essere le sincere reazioni riguardo questa coppia. Almeno, parlando dal mio punto di vista, per quanto cerchi di essere oggettiva è inevitabile non pensare a Mickey quando si parla di una probabile nuova relazione di Ian, semplicemente perché sul suo personaggio hanno fatto un lavoro incredibile e ha avuto uno sviluppo in cinque stagioni con cui è difficile reggere il confronto; se il fantasma dei Gallavich non aleggiasse in questa stagione forse sarebbe più facile dare spazio a Trevor.

tumblr_ogn3eih2sl1u6rxtjo1_1280

Eh, sorry Trevor, ma ti sei cacciato in una cosa più grande di te…
xshameless_707-e1478505115831-740x350-jpg-pagespeed-ic-8d19ddttpx

Liam parla e delle poche parole dette in questa stagione, molte erano d’affetto per Frank. Cadere sotto l’incantesimo di papà Gallagher è una tappa obbligata per i piccoli di casa: così com’è successo in passato a Debbie e Carl, anche Liam è in quella fase in cui è ancora troppo piccolo per rendersi conto di quanto Frank sia stato deleterio per la loro famiglia e semplicemente accetta ogni minimo gesto d’affetto che il padre può concedergli. Sentirsi importante per qualcuno è stato un po’ il leit motif di queste ultime puntate per Frank, per quanto poi non abbia resistito e sia ricaduto nelle vecchie cattive abitudini; ma vedere Liam, con tanta ingenuità, chiedere il suo aiuto credo abbia risvegliato in lui un sentimento sincero e, come poco spesso capita, questa volta ha fatto davvero qualcosa di buono per la sua famiglia. Era ora che anche a Liam venisse concesso un po’ di spazio e la smettesse di fare il soprammobile.

Dal promo della 7×08 direi che forse non mi sono sbagliata riguardo a Fiona, ma non sono così sicura invece di Lip… vi lascia giudicare e vi ricordo di passare dalla pagina SHAMELESS US ITALIAN PAGE per restare aggiornati sul cast e sulle novità della serie!

Loading...

Related posts

Californication | Recensione 5×08 – Raw

elychan88

Raina Reveals | Spoiler su Shameless, The Big Bang Theory, Extant e tanti altri!

FeFraise

The Tomorrow People | Recensione 1×19 – Modus Vivendi

Criss

2 comments

Syl
Syl 20 novembre 2016 at 10:11

Ciao! Arrivo sempre tardi a commentare la puntata, ma non posso certo mancare!
Come sempre ho tratto molti spunti dalla tua analisi, soprattutto il concetto molto vero per cui Fiona sta riversando la stessa irruenza e impetuosità che mette nelle sue relazioni, dentro ai suoi affari. E questo non mi fa stare molto tranquilla, adesso che mi ci hai fatto pensare. Avevo creduto che fosse in opera un cambiamento, che proprio il fatto di non uscire con nessuno e di darsi al lavoro – dove, come dici tu, può sfruttare le sue competenze di persona che tirato su un’intera famiglia – potesse darle un successo concreto, dando per scontate le sue doti imprenditoriali. Così mi viene il dubbio che qualcosa andrà molto storto, mentre ero stata convinta che sarebbe stato il suo riscatto.
In effetti, come te, per tutto il il tempo ho suggerito a Fiona di tornare a prendersi il suo assegno! Non so di preciso perché abbia cambiato idea, né mi è del tutto chiaro che cosa le abbia fatto cambiare idea nelle parole della donna: i soldi li fa chi hai soldi? Nessuno ha il coraggio di lanciarsi?
Sono convinta che in sé la lavanderia, come concetto, non sia un fallimento, ma siamo sicuri che abbiano constatato davvero tutta l’entità dei lavori da fare?

Debbie per me è un caso perso, perché sono ormai oltre l’irritazione. Non capisco perché nessuno intervenga a dire che, come hai scritto, ha circuito una persona con problemi mentali e come sia possibile che ai servizi sociali possa andare bene una sistemazione del genere. Non credo che ci sia mai stato un Gallagher che mi sia piaciuto tanto poco. Perfino Carl era molto più interessante quando faceva il bullo del quartiere. Non provo proprio affetto per lei, il che è un po’ triste, secondo me, quando non mi interessa nulla di un personaggio.

Io aspetto Mickey. Devo aggiungere altro? Carina la loro storia e apprezzo che Ian abbia avuto la cresciuta che ci hanno mostrato. È stato molto bello, grazie, adesso fatelo tornare.

Condivido quello che hai detto sul trio a casa di Veronica e su Frank. Mi ha stupito vederlo battersi per Liam, ma mi astengo dal giudicarlo positivissimo perché, essendo Frank, potrebbero esserci sorprese dietro l’angolo, e mi dispiacerebbe vedere Liam deluso da suo padre, come tutti gli altri.

Mi piace Sierra e sono felice che Lip abbia lei. Spero tanto che torni al college!!

Concludo rinnovandoti come sempre i complimenti, perché mi fai sempre riflettere su moltissimi aspetti che non avevo analizzato. Capisco che non sia bello leggere sempre “Come dici tu, concordo, proprio così, lo penso anche io”, ma è proprio così che va leggendo le tue recensioni la prima volta 😀 😀 Alla prossima!!

Reply
Al
Al 21 novembre 2016 at 18:39

Grazie mille, sei sempre troppo gentile!! Sono molto contenta che la mia analisi dia spunti di riflessione, anche perchè così mi sembra di rendere più giustizia a questa serie che mi appassiona davvero tanto e che credo sia davvero ben fatta!
Purtroppo sì, su Fiona ho un brutto presentimento. Ovviamente spero di sbagliarmi però la storia ci ha insegnato che quando si parla di Fiona Gallagher niente è mai facile e l’universo si prodiga affinchè tutto le vada storto (e lei certo non s’impegna per aggiustare il tiro, ma spesso e volentieri tende a rincarare la dose). Credo che nel discorso della responsabile l’abbia fatta scattare quella stessa scintilla che le si accende quando discute con Lip, ovvero una sorta di orgoglio e di sentimento di riscatto nel voler dimostrare agli altri (e a se stessa) che è all’altezza di fare grandi cose, nonostante le sue esperienze passate.
Debbie ormai senza speranza… ogni settimana mi dico di saltare a pie’ pari la sua storyline ed ogni volta mi fa imbestialire al punto tale che non riesco a trattenermi dal scrivere comunque qualcosa sul suo conto pur di sfogarmi. Jenny Humphery rimane ancora al top per ora, ma il suo trono non è più così stabile…
Dita incrociate per Lip e attendiamo il ritorno di Mickey a braccia aperte!
Grazie ancora, alla prossima 🙂

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.