Image default
Recensioni Shameless

Shameless 8×03 – Il Gusto Di Dire “Te L’Avevo Detto”

Capisco che siamo solo al terzo appuntamento, ma questo è stato senza dubbio l’episodio migliore fino ad ora: questa puntata gridava Gallagher da ogni poro ed era Shameless fino al midollo. Innanzitutto è stata molto corale e ha riportato in scena le tipiche situazioni della famiglia Gallagher, al limite dell’assurdo e anche della legge. Tutti i fratelli sono stati coinvolti nel recupero della droga dalla tomba di Monica e persino Frank ha fatto la sua parte, questa volta intervenendo in maniera attiva, come un vero membro della famiglia e non solo come una scheggia impazzita che porta guai e poi se ne lava le mani. È stato un momento esilarante nel suo essere del tutto politicamente scorretto, in puro stile Shameless: quel piede in putrefazione che faceva capolino dalla bara avrebbe dovuto inorridire o suscitare pietà, ma, come classico della serie, anche questa situazione borderline è riuscita a strappare ben più di un sorriso e a portarci a fare il tifo per la famiglia Gallagher.

Il secondo punto di forza dell’episodio è stato il focus sui singoli personaggi, proseguendo nelle storyline che ci hanno mostrato dall’inizio della stagione o dando finalmente un punto di svolta ad una situazione che per troppo tempo era rimasta in sospeso; e mi riferisco in particolare a Fiona, Lip e Frank.

Fiona mi sta veramente piacendo! Il tipico gongolare di chi ama dire “te l’avevo detto” di solito mi irrita, ma in questo caso lei aveva veramente ragione, e sentire tutti ammetterlo è stata una gioia per lei quanto per me. La scorsa stagione non ha dato esattamente il suo meglio, ha intrapreso un percorso all’insegna della sua indipendenza e realizzazione personale, tagliando però ogni legame di responsabilità nei confronti della sua famiglia. La sua esasperazione era più che comprensibile, ma accettando di diventare tutore legale dei suoi fratelli aveva preso degli obblighi che non potevano essere recisi così facilmente. Credo che in questo caso invece abbia chiarito perfettamente il suo ruolo: Fiona si è occupata di tutti loro per tutta la sua vita, per cui, per quanto ora sia giusto intraprendere strade separate e fare le proprie scelte in maniera autonoma, lei avrà sempre una certa responsabilità nei loro confronti ed è giusto che la sua parola sia tenuta in considerazione. Fiona è e rimarrà sempre una ragazza del South Side ed il fatto che ora stia prendendo decisioni più coscienziose e meno “alla giornata” non potrà mai cambiare la sua natura. Lo conferma il suo discorso con la fidanzata di Nessa: non puoi prenderti gioco dei Gallaghers, ricordatelo!

Finalmente Lip non mi ha deluso ed il suo percorso di redenzione ha preso una svolta concreta. Le parole di Brad hanno perfettamente senso: Lip è profondamente egoista, ma come tutti del resto, mette se stesso prima degli altri, anche quando non ne è consapevole; riconquistare Sierra, trascorrere del tempo con Lukas, persino aiutare Youens sono tutti gesti apprezzabili ma che in primis servono a lui per convincersi di essere una persona migliore e di avere una motivazione per non tornare a bere. Mi è sempre piaciuto molto il rapporto che si era instaurato tra professore e allievo, perché si tratta di due persone molto simili che da ambe le parti hanno trovato una seconda opportunità di rivivere il rapporto padre-figlio, o meglio, forse un surrogato di quella relazione, ma di certo non meno vero. Youens tenta in tutti i modi di allontanare Lip, come del resto il ragazzo aveva rifiutato l’aiuto di chiunque nella scorsa stagione, ricadendo irrimediabilmente nei suoi vecchi errori, ma la svolta finale mi ha fatto esultare. Se Youens e Brad non avessero insistito con lui, se si fossero arresi alla prima risposta arrogante e menefreghista, Lip ora sarebbe completamente perso, quindi è più che giusto che per una volta sia Lip a fare qualcosa per loro, fosse anche per il puro egoismo di fondo di sentirsi una persona migliore. Aiutare Youens credo sia la cosa migliore successa a Lip nelle ultime due stagioni.

E infine Frank. Ho riso per tutta la puntata, perché oggettivamente Frank instancabile lavoratore era divertente, ma Frank che si crede una specie di reincarnazione di San Francesco è esilarante; e continuo a pensare che le strane sensazioni che provava, più che un riemergere di tutte le emozioni umane sopite, fossero un semplice effetto dell’astinenza. È stato la solita macchietta, la solita caricatura esagerata fino al finale, fino a quando non ha preso le difese a pugni stretti della sua famiglia. Penso che sia stata una delle poche volte in cui Frank si sia effettivamente comportato da padre, o per lo meno che abbia fatto qualcosa per la sua famiglia senza un tornaconto esclusivamente personale. Continuo ad avere dei dubbi sul cambio di personalità di Frank, e la sua esagerazione anche in questo comportamento esasperatamente buonista non fa che supportare la mia tesi, ma magari di tutta questa folle trasformazione rimarrà qualcosa di buono.

Sugli altri poco da dire: Debbie sperimenta il buon vecchio detto “karma is a bitch” e forse era anche ora; Ian è l’unico che continua a trascinarsi il peso della perdita della madre, ma mi chiedo dove effettivamente voglia andare a parare la sua storia; Carl non pervenuto, o almeno sembra ancora non aver nulla da raccontare.

Sempre più interessante invece la situazione di Kevin e Veronica. Svetlana è pronta a rientrare in scena ma questa volta alle condizioni di V, che credo non si farà più mettere i piedi in testa tanto facilmente; il legame fra lei e Kevin mi sembra ora più forte che mai per lasciare che il demone russo si faccia ancora spazio nel suo cuore. La scoperta delle vere origini di Kevin, o meglio di Bart del Kentucky, è stata del tutto inaspettata e non vedo l’ora di vedere come andrà avanti.

Ed ora la TOP 3 della settimana:

  • Dissotterriamo il cadavere di mamma: tutta la scena è stata epica! Carl non avrà ancora una storyline bene definita per questa stagione ma il suo ingresso sulla ruspa è stato da 10 e lode!
  • Frank che si crede San Francesco e che vuole addirittura cambiare la data del suo compleanno: penso che stavolta si sia superato!
  • Il faccia a faccia fra Fiona e Mel, perché la biondina si può atteggiare quanto vuole ma mettersi contro una Gallagher è una guerra persa in partenza!

Con il promo della 8×04 vi do appuntamento alla prossima settimana e vi ricordo di passare dalla nostra pagina amica per restare sempre aggiornati e commentare la serie con noi!

SHAMELESS US ITALIAN PAGE

Related posts

Agents of S.H.I.E.L.D. | Recensione 2×05 – A Hen in the Wolf House

Rowhick

Game of Thrones | Recensione 2×06, 2×07 & 2×08

Shantiny

Alcatraz | Recensione 1×09 – The Ames Bros & 1×10 – Sonny Burnett

Pepkins

2 comments

Syl
Syl 23 Novembre 2017 at 10:58

Ciao! Grandissima recensione, splendida analisi!
Sono d’accordo con tutto. La puntata è stata molto bella, molto “Shameless”.
1. Fiona ha fatto bene a far ammettere ai suoi fratelli che aveva ragione. Sono d’accordo con te che lei avesse degli obblighi nei loro confronti, ma è anche vero che la scorsa stagione l’hanno tratta male, mancandole di rispetto e senza tenere in considerazione il fatto che, volente o nolente, è sempre stata lei il punto di riferimento per tutti, trascurando la sua vita (sono pur sempre quattro fratelli di cui prendersi cura!). Ho apprezzato TANTISSIMO come si è comportata con la bionda (devi farne di strada priama di farti la scorza da Gallagher! Altro che mezzucci).
2. Concordo completamente su Lip. Molto interessante la riflessione sul fatto che alla fine, come ogni componente della sua famiglia, pensa solo a se stesso. Ma è bello che non riesca a non prendersi cura del professore, nonostante le resistenze.
3. Anche io vorrei capire dove vogliono andare a parare con il dolore di Ian per Monica. Comincio a preoccuparmi, non vorrei peggiorasse il suo stato di salute.
4. Adoro Frank!! L’ho sempre odiato (ho sperato perfino che morisse!), ma è impossibile non ridere di fronte al suo nuovo atteggiamento da San Francesco tutore dell’etica che non fa lo sconto dipendenti a Fiona. Sono morta XD
5. Carl in effetti assente.
6. Io non ho capito di preciso una cosa. Svetlana voleva vendere il bar e tornare ricca in Russia. Veronica le dice “Te lo scordi, il massimo che può capitarti è fare la benzinaia in Kansas”. Non ho capito il motivo? Di fatto sarebbe stata espulsa con i suoi soldi, poteva benissimo tornarsene a casa sua e vivere da regina. Fantastica la storyline di Kevin che ritrova la sua famiglia e il fatto che non sappia cosa significhi “inbreed”.
Alla prossima!

Reply
Al
Al 24 Novembre 2017 at 09:42

Eccomi, grazie del commento! 1000 parole per Shameless mi sembrano sempre troppo poche 😛
Sono davvero contenta di come stanno lavorando sui personaggi di Fiona e Lip in questa stagione, anche se abbiamo visto relativamente poco, essendo solo al terzo episodio, si riesce a intravedere un bello sviluppo. Dato il promo della quarta puntata (hai visto Sean??) suppongo che ci saranno ancora molte occasioni per Fiona per mostrare il suo carattere e la sua forza d’animo – da leggersi tra le righe: non cedere per l’ennesima volta alle moine di un uomo che non ti merita!!
Incredibile ma anche a me Frank sta piacendo molto e non ho voglia di buttarlo fuori dalla finestra un minuto sì e l’altro pure.
Come detto nella scorsa recensione, ho apprezzato il fatto che, per la sua storia personale, Ian sia l’unico a provare un sincero rammarico per la morte di Monica, però non mi è chiaro dove tutto questa situazione potrebbe andare a parare. Potrebbe essere che il lutto faccia da interruttore per riaccendere l’aspetto più maniacale della sua malattia, però spero tanto che non succeda e che riesca a mantenere la tranquillità che ha conquistato così duramente.
Dalle parole di Veronica io ho dedotto che volesse sottintendere che quella di Lana era solo una minaccia, o meglio una scappatoia facile, e che in realtà non avesse nessuna intenzione di tornare in Russia. Dal punto di vista legale la situazione non mi è del tutto chiara, diciamo che non hanno dato delle spiegazioni precise… Kev e Veronica si sono reinstallati all’Alibi nonostante questo sia di proprietà di Svetlana: non che sia un’esperta, ma non avrebbero dovuto mettere il locale sotto sequestro o altro? E pi c’è la questione bambini: nessuno dei documenti per l’adozione era valido oppure i documenti per la cessione del locale erano semplicemente stati infilati a tradimento in una pratica che però è stata convalidata? Quindi Yevgeny è rimasto con i Ball solo perchè sono delle brave persone e gli sono affezionati? E Veronica le propone comunque di badare alle gemelline, che è un gesto abbastanza significativo nei confronti di una donna che ti ha spezzato il cuore e truffata fino a lasciarti sul lastrico… forse sono troppe domande per una situazione che hanno gestito sempre con molta leggerezza… Kevin però meraviglioso!
Grazie ancora, alla prossima!

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv