Shameless 8×02 – Frank Gallagher Impiegato Del Mese

Questa seconda puntata di Shameless è stata anticipata da una grande notizia: la serie è già stata rinnovata per una nona stagione, per cui prima di tutto concediamoci  un bel balletto della vittoria!

Così come è il caso di celebrare anche la “guarigione” di Kevin: tutto si è risolto per il meglio e ancora una volta abbiamo avuto modo di vedere il grande amore che regna in casa Ball.

La strada di Fiona sta procedendo senza intoppi anche in questo secondo episodio, dimostrando la sua effettiva maturazione. Per quanto stia tentando di dare una svolta alla sua vita, nel profondo rimane sempre quella ragazza del South Side che ha cresciuto i fratelli da sola e si è sempre fatta in quattro per la sua famiglia, ma ora ha imparato a prendersi cura anche di se stessa. Sa cosa si prova a stare dall’altra parte dell’inferriata, ma capisce, anche grazie all’aiuto di Nessa, che deve cambiare atteggiamento ora che il suo futuro dipende dalla riscossione di quegli assegni. L’abbiamo vista tante volte gettarsi in progetti fallimentari, con tanta buona volontà ma con poca perseveranza, ed ora finalmente sembra proprio abbia imboccato il percorso giusto. Nessa continua a non starmi particolarmente simpatica (più che altro per un odio atavico nei confronti del personaggio di Jessica Szohr di cui non è assolutamente colpevole) però si sta dimostrando una buona amica e guida per Fiona e questo per adesso mi basta.

Mi è piaciuto vedere Monica ricordata per una volta non solo da Frank ma anche dai suoi figli. Non era certamente la madre dell’anno e non c’è da stupirsi che nessuno dei ragazzi senta particolarmente la sua perdita, d’altronde li aveva abbandonati già da tempo e già molte volte. Però ha perfettamente senso che Ian senta la sua mancanza: era forse l’unico che condivideva un vero legame con Monica, proprio perché a causa della stessa malattia era riuscito in parte a comprenderla, non come madre, ma come essere umano; ha provato su se stesso le conseguenze dell’essere bipolare e per questo è riuscito a vedere dietro quel velo di pazzia che l’ha sempre circondata e che per gli altri è stato così difficile da ignorare.

Frank invece sta seguendo il percorso contrario: per tutta la vita ha quasi idolatrato la figura della moglie, l’unica donna che abbia mai amato e l’unica capace di bruciare con la sua stessa forza fino a consumarsi. Un amore ai limiti della malattia da cui ora si sente guarito e rigenerato. Dalla storia di Lip nella scorsa stagione sappiamo effettivamente che Frank era un giovane brillante e pieno di talento (proprio come il figlio), con un futuro roseo davanti a sé se solo non si fosse abbandonato ad ogni vizio presente sulla faccia della terra. Monica può averlo traviato ma sicuramente non è l’unica colpevole: sono stati separati a lungo e Frank ha continuato imperterrito ad essere un pessimo padre ed un altrettanto deplorevole membro della società. Questa svolta da “impiegato del mese” è divertente ma dubito che possa durare a lungo – il vecchio Frank tenterà di riemergere sempre e comunque.

Lip si sta impegnando, non c’è che dire, ma ogni tanto commette ancora degli scivoloni. Non abbiamo ancora raggiunto i bassissimi livelli della scorsa stagione e, d’altra parte, non pretendo che si trasformi improvvisamente in un lord, però quello nei confronti di Charlie è stato veramente un colpo basso. Charlie si trova fondamentalmente nella sua situazione e, probabilmente, il supporto di Sierra e di suo figlio sono per lui quello che la stessa Sierra, Brad e il professor Hearst sono stati per Lip, ovvero uno stimolo a migliorarsi per non essere ai loro occhi una delusione. Lip sa perfettamente quanto sia difficile trattenersi: avrebbe resistito un giorno intero se si fosse trovato da solo di fronte a dell’alcol? Io non ne sono così sicura. Positivo che in ultimo si sia ripreso e abbia pure fatto la figura dell’amico con Charlie; fossi in lui però penserei ad allontanarmi un po’ da Sierra, perché è evidente che il desiderio di riconquistarla possa sviarlo dal suo percorso di guarigione.

Debbie, che solo la scorsa settimana avevo messo addirittura in cima alla mia top 3, con questo secondo appuntamento mi ha già fatto storcere il naso. Arrivare ai livelli di bastonate sulle ginocchia della scorsa stagione credo sia impossibile, per cui, per quanto comunque fastidioso, l’atteggiamento che ha avuto in questa puntata è stato più comprensibile. Debs è comunque un adolescente, quindi è normale che senta l’esigenza di divertirsi, di essere corteggiata, di avere una vita al di fuori delle responsabilità di essere madre – responsabilità che però, ricordiamolo, non gli sono capitate per caso ma si è andata a cercare da sola. Quello con Neal è stato da sempre un rapporto di convenienza, però adesso sta raggiungendo dei livelli un po’ estremi; ricorrere poi alla nonna (la stessa nonna che ha sostanzialmente prima negato l’appartenenza alla sua famiglia di Frannie/Harry e poi rapito la bambina) come baby sitter mi è sembrata un’altra caduta di stile. Siamo solo a inizio stagione: confido che ci sarà tempo per riprendersi.

E ora la TOP 3 di questa settimana:

  • I piccoli momenti di condivisione tra i fratelli – Ian e Fiona nella vasca idromassaggio, Debbie che aiuta Fiona con l’inquilina che si rifiuta di pagare… – perché, non mi stancherò mai di ripeterlo, i momenti corali sono i miei preferiti e perché, rispetto alla scorsa stagione, i Gallagher stanno finalmente tornando ad essere uniti

  • Il fatto che, nonostante tutti i loro trascorsi con Svetlana, il piccolo Yevgeny sia rimasto parte integrante della famiglia Ball: l’ho trovato molto tenero e il mio pensiero è andato ovviamente a Mickey – un piccolo Milkovich è sempre tra noi
  • Il nuovo piccolo Liam che, non solo parla, ma mi fa morire dal ridere!

Vi lascio con il promo della 2×03 e vi ricordo di passare dalla nostra pagina amica per restare sempre aggiornati sul cast e sulle news della nostra serie preferita.

Shameless US Italian Page

Passate a lasciare un like anche alla pagina facebook THE MILLENNIAL: si parla di news, cultura, trend e ovviamente serie tv!




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Al
Ingegnere e bionda, borderline per definizione. Galleggia sul mare del disagio quotidiano grazie alla passione per libri e serie TV. Il suo motto nella vita resterà sempre “Save the cheerleader. Save the world”.

2 Comments

  1. Syl

    Syl

    16 novembre 2017 at 13:52

    Ciao! Scusa tantissimo per il ritardo, ho anche visto la puntata presto, ma non sono riuscita a mettermi al pc con un po’ di tempo per rispondere.

    – Fiona per me ha fatto bene a cercare di andare incontro alla madre di 28 figli della stessa età, perché penso sia giusto che quando vieni dal basso e hai provato cosa vuol dire non avere risorse, provi a cambiare la situazione in favore degli altri. Mi è sembrato un buon punto di maturazione per lei. Adesso però questa si merita comunque di essere sbattuta fuori casa perché, va bene tutto, ma non hai proprio voglia di essere aiutata. E allora occorrono le misure forti.

    – Durante la visione mi sono chiesta “Chissà cosa penserà Al di Debbie” XD. Mi era piaciuta nella prima puntata, ma adesso mi pesa che continui a sfruttare Neil in quel modo. Sì, è un’adolescente con molte responsabilità, e ci vuole un po’ di indulgenza, ma così è troppo!

    – Mi ha fatto tanta tenerezza Ian a cui manca Monica. Condivido tutto quello che hai scritto tu, sul fatto che, avendo ereditato lo stesso disturbo, lui riesca a vedere dietro comportamenti che per altri erano fastidiosi e squilibrati.

    – Adoro le scene di Liam alle prese con un mondo completamente diverso (già per lui sarebbe diversa una vita normale, figurarsi essere catapultato in una casa di ricconi!). Mi fa morire l’aplomb con cui prende tutto quello che gli succede e sono morta sul fatto che non sapesse allacciarsi le cinture (ok, la sicurezza in auto, blabla, ma è Shameless, quindi ho riso senza rimorsi).

    – Lip vorrei che facesse altro, perché questa storyline con Sierra non mi prende moltissimo.

    – Felicissima che Kevin non abbia il cancro. Nonostante la situazione potenzialmente drammatica, sono state scene esilaranti e la coppia è sempre il porto sicuro quando si è in cerca di un po’ di leggerezza.

    E ovviamente sono felice che Shameless sia stato rinnovato per un’altra stagione! Sembra proprio migliorare con il tempo. Ah, Frankè divertentissimo anche nelle vesti di impiegato modello, con questa aura di santità, ma sono sicura che tornerà presto il vecchio Frank. Come dici tu la scusa di essere stato plagiato da Monica non può reggere per molto. Ha passato ANNI senza di lei, ma non si è mai redento.

    Alla prossima!!

    • Al

      Al

      17 novembre 2017 at 16:55

      Non c’è assolutamente bisogno di scusarsi, sono contenta che sei passata!
      Vedo che siamo d’accordo su tutta la linea 🙂 Per ora procede tutto senza intoppi, ma siamo solo alla seconda puntata e, a giudicare dal trailer della prossima,direi che non dovremo aspettare molto per avere un po’ di movimento in più. Fiona è senza dubbio quella con la storyline fino ad ora più lineare e anche più adatta al suo percorso; Debbie e Lip sono sul filo del rasoio, non solo nel senso che si devono rialzare dal disastro della scorsa stagione, ma anche per avere un’evoluzione e non restare ancorati ai vecchi schemi; Ian dove ancora trovare la sua strada, perchè dubito che possa continuare a piangere per Monica o a dannarsi per Trevor in eterno… Insomma, per me è stato un buon inizio che può solo migliorare e diventare ancora più interessante!
      Grazie del commento, alla prossima 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.