Image default
Recensioni Riverdale

Riverdale 3×22 – Un finale perfetto [SEASON FINALE]

Un finale di stagione che non ha deluso le aspettative. L’ennesima dimostrazione che, quando si mette d’impegno, “Riverdale” sa ancora tirare fuori dei grandi assi dalla manica. Un finale così fa perdonare gli episodi inutili, le storie senza senso e i momenti di noia.

Nella 3×22 tutti i nodi sono venuti al pettine, tirando le fila anche delle stagioni passate.

Black Hood, The Gargoyle King e The Red Dahlia: la malefica trinità

Innanzitutto mi devo battere da sola una pacca sulla spalla, perché ci avevo visto lungo sulla questione Chic. Nella recensione della 3×20 avevo ipotizzato che il ragazzo del tatuaggio fosse proprio il finto Cooper e che, per qualche motivo, Hal lo avesse graziato… e così è andata.

Ciò che non avevo immaginato era il coinvolgimento di Penelope Blossom. Per tutta la stagione ho cercato un collegamento tra le varie trame della storia, ma ho sempre cercato nel posto sbagliato. La verità è sempre stata sotto i nostri occhi, nascosta in piena vista.

Cercavamo un’anima tormentata che avesse avuto qualcosa a che fare con le Sorelle della Quiet Mercy, dove G&G è nato: nella puntata del Midnight Club ci vengono spiegate le origini di Penelope, la sua adozione, l’imposizione di sposare il “fratello” Clifford – ed ecco la nostra anima tormentata.

Cercavamo un motivo per spiegare la diffusone di Gryphons & Gargoyles: il desiderio di vendetta di Penelope. La morte di Jason ha innescato una serie di reazioni a catena, uno spietato spirito di vendetta contro tutti coloro che l’avevano fatta soffrire, contro la città di Riverdale e quegli “amici” che l’avevano abbandonata. Lei ha fomentato Chic, facendolo diventare il Gargoyle King, così come aveva fatto prima con Black Hood. Una macchinazione perfetta.

Riverdale_3x22_Gargoyle_King_1 Riverdale_3x22_Gargoyle_King_2 Riverdale_3x22_Gargoyle_King_3 Riverdale_3x22_Gargoyle_King_4 Riverdale_3x22_Gargoyle_King_5 Riverdale_3x22_Gargoyle_King_6

E poi ogni tassello è andato al suo posto: il Midnight Club, la relazione di Hal e Penelope, il bordello, la presunta morte di Chic… persino il personaggio di Ben, apparentemente inutile, ha trovato il suo posto.

Da perfetta game master, Penelope ha organizzato la quest definitiva, quella che serviva a mettere finalmente la parola fine al gioco. È stata epica, assurda e fuori da ogni logica, in puro stile “Riverdale”, con tanto di abiti da sera, fuga nei boschi e arrivo della cavalleria sul finale, nei panni sempre sobri della nostra Divina Cheryl Blossom. Io mi inchino a cotanto trash.

Riverdale_3x22_Penelope_finale

La scomparsa della Farm

La rivelazione di Penelope ha aiutato a collegare i puntini tra le trame del Gargoyle King e di Black Hood, ma ha lasciato Edgar Evernever e i suoi su un binario apparentemente separato. Dico apparentemente perché il dubbio rimane sul misterioso rituale dell’Ascensione, guarda caso lo stesso termine usato in Gryphons & Gargoyles. Insomma, nonostante la spiegazione perfetta della Red Dahlia, forse ancora non conosciamo tutta la verità.

Veniamo poi al capitolo Alice Cooper. La sua svolta alla Mata Hari è coerente con il personaggio: ho sempre detto che Alice era una donna troppo intelligente per essersi bevuta il cervello in questo modo e l’amore per le sue figlie, il bisogno di proteggere Polly, potrebbe averle dato la giusta motivazione.

Riverdale_3x22_Charles

La teoria del doppio gioco girava da tempo, ma non ero mai riuscita a crederci fino in fondo, forse perché mi mancava il tassello finale: Charles. Avere finalmente un legame con il figlio che credeva di avere perso potrebbe averle dato la spinta finale. Tutti i comportamenti out of character che abbiamo visto in questa stagione hanno trovato una spiegazione.

Una spiegazione che, però, per quanto logica, mi lascia un po’ d’amaro in bocca. Su questo punto aspetto chiaramente di vedere come si evolveranno le cose nella prossima stagione per capire se “assolvere” o meno Alice Cooper.

La nota dolente

Speravo con tutto il cuore di essermi liberata, almeno per un po’, di Hiram Lodge e, invece, quell’uomo è come la gramigna, una vera e propria piaga. Faccio appello anche alla furbizia della polizia che, si sa, nei teen drama non brilla mai per intelligenza. Qui però siamo arrivati veramente al limite. Sono anni che l’FBI tenta di incastrarlo e, quando finalmente ce l’ha fatta, dove lo manda? Ovviamente nella sua prigione privata. MA SIETE SERI?

Così ha avuto il tempo e il supporto per organizzare la sua vendetta contro Hermione e Veronica, in tutta pace e serenità. Giusto per mettere i puntini sulle I, poi, vorrei ricordarvi che nel presunto tentato omicidio sarebbe coinvolto pure FP… Evitiamo, per favore, di farlo finire nuovamente in carcere.

La risoluzione del mistero del Gargoyle King, che solo qualche settimana fa sembrava così lontana, è arrivata ed è stata del tutto soddisfacente. I dubbi che ancora rimangono in sospeso, come da tradizione in questo show, serviranno da base per la prossima stagione.

Che fine hanno fatto Edgar e i suoi adepti? Avranno scoperto il doppio gioco di Alice? Dove si sarà nascosta Penelope e starà pianificando ancora la sua vendetta?

Come se non bastasse, arriva anche un flashforward a rincarare la dose e ad aumentare le domande: cosa è successo ai ragazzi? Perché sono ricoperti di sangue e di chi è quel sangue? Ma soprattutto, dov’è Jughead??

Vi lascio con queste domande e con l’ultima TOP 3 della terza stagione:

  • The final quest. Non saprei cosa aggiungere oltre a quanto già detto. La cena in abito da gala, le prove, la freddezza e lo charme di Penelope Blossom, la risoluzione finale, l’arrivo dei Serpents e delle Poisons. Finale promosso a pieni voti.

Riverdale_3x22_Cheryl_1Riverdale_3x22_Cheryl_2

  • Per la serie “la mela non cade mai lontano dall’albero”, devo citare la leggiadria con cui Cheryl si porta a casa il cadavere dissotterrato e imbalsamato del fratello e ci beve una tazza di tè per ricordare i bei tempi passati. La nuova normalità di “Riverdale”.
  • Un’ode a Betty Cooper che ha retto praticamente da sola il peso dell’intera stagione e che è stata come un faro nella notte anche in quei momenti dove il nonsense regnava sovrano. La sua parabola personale con Black Hood si è risolta ma, considerando anche i flash che anticipano la prossima stagione, non ho dubbi che rimarrà il cavallo giusto su cui puntare e la vera protagonista di questa storia.

Per questa stagione è tutto. Abbiamo superato pause infinite e la perdita straziante di Luke Perry, ma siamo arrivati alla fine e abbiamo chiuso in maniera più che degna. “Riverdale” ha dimostrato ancora una volta che una serie leggera può dare delle grandi soddisfazioni.

Riverdale_3x22_Finale

Grazie per aver seguito con noi questa stagione, alla prossima!

LILI REINHART ITALIA

RIVERDALE – ITALIA

Related posts

90210 | Recensione 5×03 – It’s All Fun and Games

Jeda

American Horror Story | Recensione 5×05 – Room Service

Julia

Shadowhunters | Recensione 2×02 – A Door Into The Dark

Sam

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv