Image default
Recensioni Riverdale

Riverdale 3×20 – Siamo vicini a scoprire l’identità del Gargoyle King

Arrivati quasi alla fine della terza stagione di “Riverdale” siamo sempre più vicini a scoprire la vera identità del Gargoyle King.

Bentornati a Riverdale: la cittadina con il più alto numero di serial killer pro capite; il paese dove concedono prestiti ai sedicenni sulla base di falsi contratti di proprietà; il posto dove il ballo di fine anno sarà l’apice di tutto, sempre e comunque. Tiriamo un grande sospiro di sollievo e volteggiamo dolcemente in questo caldo mare di trash e clichè.

Archie, Veronica e la trama inesistente.

Insomma: via il dente, via il dolore. Archie ormai viaggia su binari separati dal resto del gruppo, e Veronica lo affianca fedelmente, perché si sa, il vero amore è anche questo. Vorrei davvero evitare di parlarne, ma muoio dalla curiosità di sapere se anche voi, dopo la rievocazione di “Rocky” con tanto di “Eye of the Tiger”  di sottofondo, avete sperato che il buon Trota salisse i dieci gradini della palestra con fare vittorioso e si mettesse poi ad urlare Veroooonicaaaaaaaa. No? Solo io? Vabbeh…

Riverdale_3x20_Archie_1 Riverdale_3x20_Archie_2
Questo treno viaggia presumibilmente verso lo scontro finale con Hiram Lodge, che – chi l’avrebbe mai detto – è ed è sempre stato per tutto il tempo un grande cattivone.

Unica nota che mi sento di sottolineare  riguarda Fred Andrews. Questa è stata la prima puntata segnata  dall’assenza  di Luke Perry. Per ora hanno gestito la situazione nel modo più logico, creando una casuale assenza e riportando in scena Mary, come spesso è accaduto durante la serie. Si sono presi giustamente del tempo per arrivare alla fine della terza stagione e poi decidere, senza affrettare il tutto con scelte azzardate. Credo quindi dovremo aspettare il prossimo anno per capire effettivamente come verrà gestita la situazione.

Betty e Jughead insieme alla scoperta dell’identità del Gargoyle King.

La questione del Vangelo e del collegamento con il prom mi ha fatto tornare alla vecchia gloria di “Riverdale”, a quel sottile non sense che mi ha sempre entusiasmato. Tra questioni di business e lotte tra la vita e la morte, spesso si dimentica che i protagonisti sono semplicemente dei liceali. A suo modo, quindi, alla maniera di “Riverdale”, ha perfettamente senso che tutto giri intorno alla vita del liceo dove giustamente il prom è il vertice di tutto.

Ci abbiamo impiegato solo 20 episodi, ma alla fine Betty è arrivata alla conclusione che tutti noi fan maciniamo da tempo, ovvero che esista un collegamento tra la Farm e il Gargoyle King. Non mi aspettavo, invece, che in questa trama già di per sé intricata rispuntasse Black Hood. Come avevo scritto nella scorsa recensione, credevo che la fuga di Hal fosse collegata a qualche piano dei Lodge, e invece ora la mia teoria è un’altra. Non può essere una coincidenza che, grazie al ritorno di Black Hood, Betty abbia finalmente ceduto alla proposta di Edgar. Edgar potrebbe aver trovato  l’unico punto debole della ragazza e averlo sfruttato.

Riverdale_3x20_Bughead_1

Avere non due, ma tre grandi villain riuniti rende questo finale potenzialmente epico, e, allo stesso tempo, mi confonde ancora di più, perchè questo  intreccio sempre più profondo mi impedisce davvero di capire dove si voglia andare a parare. Solo un cieco potrebbe pensare  che le cose non siano collegate, ma la vera domanda è: in che modo?

Riverdale_3x20_Edgar_1 Riverdale_3x20_Edgar_2
Forse la chiave sta nel misterioso ragazzo che si è fatto tatuare prima di Kurtz. I grandi indizi a nostra disposizione sono “sandy hair, blue eyes” e, ipotizzando che il torace perfettamente scolpito di Chad Michael Murray non nascondesse nulla, chi rimane sulla lista? Più che un’idea la mia è un’ispirazione, data dal ritorno di Black Hood: CHIC. Del resto non abbiamo mai visto il suo cadavere e l’unica conferma della morte viene dalle parole di Hal che, presumibilmente, aveva un secondo fine. Ovviamente aspetto di sentire cosa ne pensate nei commenti.

Riverdale_3x20_Chic

Teorie a parte, a pochi passi dalla fine della terza stagione di “Riverdale”, forse siamo davvero vicini a scoprire la vera identità del Gargoyle King.

Come dico spesso, un episodio che ti lascia con tante domande è un buon episodio, quindi si merita senza dubbio una TOP 3:

  • La fuga di Betty per i corridoi della scuola, l’avanzata di Black Hood e del suo uncino come la versione monocromatica di Freddy Krueger e l’ansia da buon vecchio horror. Una bella scena.
  • La speranza che questa matassa aggrovigliata di villain e storie sconclusionate porti effettivamente ad un finale epico.
  • La speranza pure che il potere della Farm di plagiare le menti sia effettivamente limitato, come Cheryl ci insegna: mai mettersi tra una Queen Bee e la sua scalata a reginetta del ballo.

Vi lascio con il promo della 3×21 e vi ricordo di passare da queste splendide pagine!

LILI REINHART ITALIA

RIVERDALE – ITALIA

Related posts

Fringe | Recensione 4×12 – Welcome to Westfield

Sabrina

Suits | Recensione 7×07 – Full Disclosure

The Lady and the Band

How I Met Your Mother | Recensione 09×01/09×02 – “The Locket” & “Coming Back”

The Lady and the Band

2 comments

L@ur@ 4 Maggio 2019 at 16:25

Ciao! Sono d’accordo su tutto, soprattutto sulla parte su Veronica e Trota…
Cioè 1 Archie che deve perdere peso e decide di lasciarsi morire di fame, logico insomma, 2 Veronica che chiede prestiti a 17 anni per investire nella palestra del suo ex (e glie lo danno pure!)
Ma sul serio?? Che poi in questa stagione abbiamo avuto episodi in cui Veronica piangeva il morto perchè La Bonne Nuit non incassava abbastanza, ( con tutte le beghe con Iram e Elio vari per le percentuali) e episodi, come questo, in cui dice che gli affari vanno benissimo…Cioè bo, deciditi…
Che poi……. Reggie???? Desaparecito…
Salvo solo la parte sull’accademia navale, perchè come dici tu sono dei liceali, sono contenta di vederli parlare di college e del futuro…
La parte con Betty e Jughead è ovviamente la più avvincente e interessante, mi è piaciuto tantissimo che in questo episodio ci siano stati continui richiami all’episodio sul Midnight Club, il Liceo è dove è iniziato tutto ed è stato bello avere un pò di coerenza!!!
Guardando la parte con Black Hood a me è balenata un’idea assurda…. Secondo me in questo episodio ad indossare il passamontagna c’era Edgar (e non Hal).
Come hai detto tu far si che Betty si rifugiasse nella Farm era l’obiettivo principale di Edgar, ed egli sapeva benissimo che il suo tallone d’Achille era la paura di Black Hood, quindi secondo me è stato proprio lui a vestirne i panni…
Non so perchè ma mi sembra strano che Hal abbia potuto accettare di fare un favore ad Evernever, dopo tutte le scene che abbiamo avuto di lui che parlava con Betty di come fare a recuperare i soldi per il college, a recuperare Juniper e Dagwood, bo mi fa strano….
O allora, cosa plausibilissima, Hal ha preso in giro la figlia facendole credere di aiutarla, quando in realtà voleva solo riguadagnare la sua fiducia in modo che lei lo aiutasse ad ottenere il trasferimento in modo da poter evadere, e in realtà per tutto questo tempo anche lui è sempre stato un seguace della Farm. (Anche perchè nessuno dei suoi consigli a Betty ha funzionato, ha comunque perso i soldi, uno dei gemelli è comunque rimasto alla Farm, Alice comunque si è fidanzata con Edgar,…). Se poi pensiamo anche ad un eventuale coinvolgimento di Chic (la cui morte quindi è stata “inscenata” da Hal in modo che il ragazzo potesse agire da dietro le quinte insospettato) tutto torna, e rende la trama intricatissima!!
BOOOOOOOOO

Reply
Al
Al 5 Maggio 2019 at 21:15

Non è per nulla un’idea assurda, anzi ci ho pensato. Diciamo però che preferisco la tua seconda ipotesi, preferisco pensare proprio che Hal fosse in qualche modo coinvolto gin dall’inizio e che abbia manipolato Betty per portarla esattamente dove è ora. Quelle conversazioni a “Il silenzio degli innocenti” mi sono sempre sembrate strane, ma, considerando che dall’altra parte c’era una Alice dl tutto inesistente, mi dicevo che fosse “normale” per Betty cercare l’appoggio di almeno un genitore. Se invece tutto fosse stato orchestrato fin dall’inizio e le donne della famiglia Cooper, tutte quante, fossero state coinvolte in questo piano con un preciso scopo sarebbe tutta un’altra storia. Voglio davvero credere in questo finale epico.
Due episodi sono effettivamente pochi per condensare tutto, considerando anche tutto il tempo perso in storyline inutili, ma questo ci rimane quindi spero nel meglio.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv