Riverdale 2×21 – Questa è guerra!

Questo episodio è stato assurdo, pieno di eventi, semplicemente meraviglioso: mi sento di dire che è stato addirittura il migliore di tutta la stagione, senza dubbio.

Come avevamo ipotizzato, la risoluzione sul mistero di Black Hood avrebbe potuto arrivare già in questa 2×21, lasciando al vero e proprio finale il tempo di mettere le basi per la nuova stagione – e così effettivamente è stato. Hal si è rivelato il colpevole di (quasi) tutte le azioni di Black Hood, confessando un’infanzia da brividi con tanto di filmini amatoriali per non dimenticare. Considerando tutto quello che poi è accaduto durante l’episodio, non ho avuto nemmeno il tempo di lamentarmi della “banalità” di questa risoluzione (dato che appunto Hal è sempre stato il sospetto numero uno), perché la rivelazione sull’identità del Boia è stata quasi surclassata dal caos che si spargeva per le strade di Riverdale. Inoltre direi che può esserci ancora uno spiraglio aperto per i due attacchi (quello al municipio e quello a Fred Andrews) che Hal ha rinnegato: nel primo caso poteva effettivamente trattarsi del figlio di Papa Poutine, in cerca di vendetta contro i Lodge, mentre sul secondo si può ancora speculare.

Il caos e il ritmo concitato hanno fatto il vero successo di questa puntata, e al centro di tutto è tornato Hiram Lodge. Ultimamente sembrava aver perso un po’ la rotta, diventando la macchietta di un boss mafioso, ma alla fine si è visto come abbia tirato le fila di tutto questo intrigo per arrivare ai suoi scopi, scatenando la vera rivoluzione tra North e South Side, che non aspettava altro che una piccola scintilla per riprendere forza. Ha sfruttato la morte di Midge e di Fangs (e ne approfitto per darmi delle pacche sulla spalla da sola per aver azzeccato il vero colpevole, ovvero la madre di Midge, nella scorsa recensione) per aizzare i Serpents contro il North Side, sfruttando la proverbiale intelligenza di Reggie e del Dark Circle, e ha poi stretto un accordo con Penny e con gli Spettri per liberarsi dei Serpents una volta per tutte; e, come se non bastasse, ha pianificato le sue mosse anche a lungo termine per distruggere Fred durante la sua campagna. A un certo punto mi è addirittura venuto il dubbio che anche l’incidente al dibattito potesse in qualche modo essere stato architettato da lui per minare la credibilità del suo concorrente…

Ora, qualche dubbio sul piano dei Lodge comunque mi rimane: innanzitutto perché si è tanto imputato sul far fuori Jug, che è comunque un ragazzino e, per quanto possa essere molesto, non ha poi tutto questo potere per mandare a monte i suoi piani; poi mi chiedo anche se abbia fatto bene i suoi conti dando via libera a Penny e agli Spettri sul suo territorio, a meno che non li voglia sfruttare come esercito privato… e in ultimo, arrivati a questo punto, quando ormai è chiaro che tutto è sacrificabile, Hermione avrà finalmente capito da che parte stare? Un conto è capire il quadro generale e pensare a un fine superiore, un altro è farsi manovrare come una marionetta pensando di avere un minimo di controllo quando questo non è assolutamente vero. Mentre Hermione ha continuato a difendere Hiram nonostante le valide argomentazioni di Veronica, Alice cercava di tirare fuori la figlia dai guai, Archie e Jug facevano fronte comune per calmare le acque e i Serpents si preparavano a scendere in guerra per difendere la loro famiglia – tre comportamenti diversi, ma tre chiari esempi di cosa voglia dire agire per il bene di coloro che si ama, cosa che Hermione dovrebbe iniziare a fare.

Lo scontro tra Serpents e Spettri era inevitabile – lo sapeva FP, sentendosi in dovere di agire per il bene e la sicurezza del gruppo; lo sapeva Penny, che non si sarebbe fermata davanti a nulla pur di ottenere vendetta; e lo sapeva Hiram, quando ha scelto proprio i nemici giurati dei Serpents per fare il lavoro sporco al posto suo.


Jug ha fatto un tentativo inutile, un tentativo stupido, ma è stato coerente con il suo personaggio e con la sua esperienza da giovane leader che crede di poter cambiare il mondo e che preferisce sacrificare se stesso piuttosto che mettere a rischio gli altri. La verità è che non lo perdono per avermi ridotta a uno straccio quando FP è emerso da quel bosco con il suo corpo esanime in braccio che Ryan e Marissa levatevi proprio… io non voglio minimamente credere che la tomba che si vede nel promo del finale sia quella di Jughead Jones, non è proprio uno scherzo da fare, NO.

Per questo episodio scegliere una semplice TOP 3 è stato estremamente difficile, per cui mi sono affidata completamente all’istinto e al mio immenso amore per il trash:

  • Ovviamente in cima alla lista devo citare la divina Cheryl Blossom, che in un momento di estrema tensione e difficoltà riesce a trovare il sangue freddo per recuperare non solo l’arco e le frecce, ma anche il mantello rosso da caccia; senza dubbio questo mix contorto tra “Cappuccetto Rosso” e “Hunger Games” è una delle cose migliori che abbia visto in questa stagione.

  • Chiamateli “Hot dad squad” o, come preferisco io, “Esercito dei dilf”: quell’entrata in scena è stata un concentrato di testosterone e meraviglia.

  • Alice che ha asfaltato Hal in 32 secondi netti, ricordandogli brevemente, tra le altre cose, che la mascolinità arrogante di FP non conosce rivali.

E un piccolo bonus ancora per l’attacco a Jughead e l’entrata in scena di FP con il ragazzo tra le braccia, perché è stato un momento di pathos incredibile da cui probabilmente non mi riprenderò mai più.

Dopo questo finale riesco solo a dire che non vedo l’ora sia la prossima settimana per sapere come si risolverà la situazione, e iniziare a immaginare cosa aspettarci nella prossima stagione. Vi lascio con il promo, che avrò già guardato almeno un milione di volte, e vi ricordo di passare dalla nostra pagina amica.

LILI REINHART ITALIA




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Al
Ingegnere e bionda, borderline per definizione. Galleggia sul mare del disagio quotidiano grazie alla passione per libri e serie TV. Il suo motto nella vita resterà sempre “Save the cheerleader. Save the world”.

7 Comments

  1. Sam

    Sam

    11 maggio 2018 at 16:25

    Come avrai intuito dal fatto che sono qui a commentare, ho visto l’episodio.
    OH.
    MY.
    GOD.
    I don’t know what I feel (cit.).

    Allora, partiamo da Hal: non so se sono soddisfatta o meno del fatto che effettivamente sia lui il Black Hood, come mi aspettavo da inizio stagione. Da una parte c’è la soddisfazione di averlo capito subito, dall’altra mi rendo conto che se fosse venuto fuori, per dire, che lui si stava auto accusando per proteggere moglie e figlia dal vero Black Hood sarebbe stato un bel colpo di scena.
    In ogni caso, c’è un’altra persona che effettivamente corrisponde anch’essa a ciò che Archie conosce del Boia, il che è una cosa interessante. Come dice Archie stesso nel promo “ONE of the Black Hoods”? Ma come mai si assomigliano?
    C’è però anche da dire che questa faccenda di “Hal è quantomeno un Black Hood” ha anch’essa un’implicazione interessante, perché pone l’accento sui padri delle tre protagoniste femminili, che sono tutti delle pessime figure genitoriali e pure dei criminali (e anche le madri hanno dei problemi seri: quella di Cheryl è off the chart, ma Hermione Apollonia non è la migliore delle madri, anzi, e pure Alice non è molto equilibrata).
    Dall’altro lato, invece, abbiamo i tre padri dei ragazzi (Jug, Archie e Kevin), che invece sono all’opposto, anche FP, che cerca di fare del suo meglio con la sfiga capitatagli.
    E’ un interessante contrasto e dunque un’interessante scelta narrativa.
    In ogni caso, Alice grandissima. Che freddezza e presenza di spirito.
    Mi spiace per Betty, che sfiga, tra la sorella e il padre… però questo potrebbe unire lei e Cheryl, cosa per la quale io sono favorevole al 1000%.

    Hiram: deve pagare per tutto quello che ha fatto. Pagare amarissimamente, ‘sto padrino de noartri. Maledetto.
    Veronica si sta riprendendo definitivamente.
    Archie in base al promo del prossimo episodio temo che dopo questa puntata, in cui è stato finalmente in grado di pensare e fare la cosa giusta, torni, magari per il dolore per quanto successo a Jug, a cadere nella trappola di Hiram. Speriamo di no e sia solo un momento stand alone.

    Cheryl: MITICA. Prima terrorizzata, poi riprende il controllo e da vittima diventa LETTERALMENTE cacciatrice. E’ andata a caccia di un serial killer per i boschi con arco e frecce (cioè, sa pure seguire le tracce, di notte). E lui è scappato da lei.
    E indossava pure il cappotto da cappuccetto rosso.
    QUEEN INDISCUSSA E INDISCUTIBILE.
    Cosa che si riconfermerà la prossima settimana, stando alla scena del promo in cui fa il suo ingreso tra i Serpents… con la giacca ROSSA. Perché la sua non può essere di altro colore.

    I Serpents in questo episodio hanno mostrato il lato che non mi piace, ma questa guerra North/South Side fa molto West Side Story.

    Jug: ARE YOU KIDDING ME.
    NO.
    WAY.
    NO.
    DAMN.
    WAY.
    Non può essere, mi rifiuto.
    Ok il coma, NO WAY QUALUNQUE COSA DI PIU’.
    NO.
    DAMN.
    WAY.
    Nope!
    No, no, no, no, no. Did I mention? NO!
    Ci stanno trollando.
    DEVONO.

    • Al

      Al

      11 maggio 2018 at 17:32

      Partiamo subito da Jug, dato che stavo letteralmente iperventilando negli ultimi minuti della puntata. DEVE essere un troll, e il fatto che nel primo si veda un funreale mi fa sperare che abbiano voluto giocare sul fraintendimento con la morte di Fangs. Se non è così lancio una petizione che i fan di Sense8 se la sognano.
      Cheryl sempre più divina e mi piace che sia entrata a pieno nell’azione, visto che spesso è stata lasciata ai margini, ma datele arco e mantello e vi farà vedere di cosa è capace!
      Hiram sì deve morire nel peggiore dei modi e se quella pera cotta di Archie non capisce da che parti schierarsi nemmeno questa volta, quando il suo “mentore” ha sulla coscienza il suo migliore amico, beh io getto la spugna, non si riprenderà mai più. Come del resto Hermione.
      L’inserimento dei genitori è sempre stata una delle cose che ho apprezzato di più della serie: non sono solo un contorno ma sono protagonisti fondamentali, come invece in tanti teen drama non succede.
      Su Black Hood anche io sono in contrasto: la soluzione è banale, ma nel mezzo di un episodio così denso non si ha comunque il senso di delusione, e contemporaneamente lascia aperte delle possibilità. Mi sono dimenticata di scriverlo prima, ma sarebbe da ricordare che Hal è comunque un Blossom e magari, come il compianto parrucchino Clifford, potrebbe avere un gemello nascosto da qualche parte che viene a reclamare la sua parte di eredità in questa famiglia disfunzionale. Io comunque sono felice di essermi liberata di Hal, così finalmente la mia ship potrà decollare, magari quando si saranno calmate le acque 😉

      • Sam

        Sam

        11 maggio 2018 at 17:53

        Jug: io pure ho pensato la stessa cosa. Ci trollano con il funerale di Fangs a cui Jug magari non c’è perché è comprensibilmente in ospedale.
        La petizione: XD XD XD XD XD

        Cheryl: E niente. QUEEN INDISCUSSA E INDISCUTIBILE.

        Hiram e Archie: veramente, io spero che Archie sia solo incazzato nero per Jug, perché oggettivamente non può sapere che è colpa di Hiram.

        I genitori: sono assolutamente d’accordo, perché ci sono esempi di cose che non stanno né in cielo, né in terra, tipo PLL, dove ‘ste ragazze 17enni hanno passato la vita a uscire di notte per andare per boschi senza mai che i genitori se ne accorgessero. Il coinvolgimento dei genitori è assolutamente nota positiva perché sono solo adolescenti e non è credibile che vadano in giro a tutte le ore del giorno e della notte senza rendere conto a nessuno.
        Su Hal: anche questo l’ho pensato. E’ un Blossom, non solo ci sta la pazzia (che peraltro lo accomuna al padre di Cheryl, alle azioni di quest’ultimo), ma anche l’eventuale gemello. Anche se Sherlock direbbe che non è mai così, perché non è credibile. Però qui l’hanno proprio inserita la faccenda dei gemelli! Ma è anche vero che l’hanno anche già sfrutta in questa stagione, con lo zio di Cheryl.
        Sapevo che saresti stata felice! XD XD XD

        • Al

          Al

          11 maggio 2018 at 18:39

          Certo Archi non può sapere della telefonata ad Hiram, come nessun altro tranne Jug del resto, però spero non faccia cavolate in previsione che questa verità la scopra; altrimenti ci ritroviamo una terza stagione di Archie in crisi esistenziale, che a confronto la creazione del Red Circle sembra una passeggiata. Insomma voglio un finale con tutti, e dico TUTTI, contro Hiram Lodge.
          Anche il gemello sarebbe una soluzione “banale” (diciamo che se non si giocavano la carta con Claudius forse l’idea non era proprio da buttare) però voglio proprio tenermi tutte le porte aperte prima del finale. Spero che mi sorprendano.

          • Sam

            Sam

            11 maggio 2018 at 18:46

            Su Archie la penso assolutamente come te. Per questo dico che spero sia un momento stand alone per quanto successo a Jug.
            Sarebbe anche favoloso perché molto interessante da un punto di vista narrativo se lui, dopo quella scena nello studio di Hira, che si vede nel promo, scoprisse la verità.

            Hai ragione a tenere aperte tutte le possibilità, ma… Eh, un gemello lo hanno inserito, dubito che ne inseriscano un secondo. Diventerebbe un po’ ridicolo.

          • Al

            Al

            12 maggio 2018 at 16:44

            Comunque vada che poi la finisca veramente con sta cosa del “make my bones” che fino adesso ha portato solo disastri. Il finale perfetto sarebbe quello dove Archie fa finalmente qualcosa di utile, ma quasi quasi è più probabile l’idea di un altro gemello -.-‘

          • Sam

            Sam

            12 maggio 2018 at 17:58

            Come hai ragione!
            Sarebbe un buon finale.
            XD XD XD

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.