Image default
Recensioni Riverdale

Riverdale 2×20 – Quindi Black Hood è proprio lui?

Siamo arrivati a meno due episodi dal season finale e finalmente ho delle parole buone da spendere su Archie e Veronica – e già questo merita un applauso.

Sono serviti solo una squadra di corteggiatori mafiosi, la promozione di Reggie a mascella più str***a del palinsesto televisivo e una sparatoria, ma alla fine ce l’abbiamo fatta: i due innamorati trota hanno capito che di Hiram non ci si può fidare. E qui mi sembra doveroso far partire un altro applauso.

Veronica era già sulla buona strada dalla scorsa puntata, avendo tentato di dirigere gli affari di famiglia, per quanto sempre poco leciti, a modo suo. Trovandosi ora la strada completamente sbarrata di fronte a una nuova proposta e vedendo la pressione imposta sulla madre (cosa che tra l’altro mi ha abbastanza sconvolto, dal momento che ero arrivata a pensare che fosse Hermione il vero genio del male in casa Lodge), ha capito che non c’è una mezza misura – o si seguono le direttive di papà o non si può essere altro che un burattino vuoto – e che l’unica soluzione è prendere apertamente le distanze. La sua scelta si rivolta contro Hiram nello stesso modo in cui lui aveva tentato di usare la situazione a suo vantaggio contro Fred, perché ora è sua figlia quella che sfugge al suo controllo.

Archie ha dovuto ovviamente sbatterci contro la testa e i pettorali (difficile dire dove sia posizionato il cervello), e l’ha fatto su un palco di fronte a tutta Riverdale. Hiram Lodge lo ha sfruttato, ha fatto leva sulla sua sete di vendetta e sul suo istinto di giustizia e ha manipolato quei bamboccioni del Dark Circle solo per realizzare i suoi scopi. Per noi spettatori nulla di nuovo, ma finalmente Archie è arrivato alla grande rivelazione e, alla luce di questo, ha scelto suo padre. La piccola differenza rispetto a Veronica è che la conseguenza delle sua ingenuità è stata molto più grave, causando più o meno indirettamente l’incidente finale che ha coinvolto Fangs. L’odio tra South e North Side è sempre stato presente a Riverdale, e più di una volta le azioni di Black Hood avevano portato a riaccendere violentemente quella scintilla, ma non si può non dire che Archie Andrews abbia avuto un ruolo fondamentale nel far crescere questa faida.

I miei bambini… 

Lo scontro ormai è inevitabile e, dopo quello che è successo a Fangs, è sicuramente invocato a gran voce da entrambe le parti. La folla si è sollevata e la polizia se ne è bellamente lavata le mani – ah, se ci fosse stato lo sceriffo Keller non avrebbe permesso questa caccia alle streghe… Dopo lo shock iniziale di scoprire che Fangs non è gay, ma anzi se la intendeva con Midge alle spalle di Moose che invece è gay (ma non perdiamoci in questo labirinto di sessualità male esposte), la caccia alle streghe è invece partita alla grande, vedendo di nuovo nei Serpents il capro espiatorio di tutti i mali. Ho odiato Reggie in ogni secondo della puntata, ma rimango col dubbio che il colpo sia effettivamente partito dalla sua pistola; dall’alto della mia grandissima esperienza balistica mi sembra strano che da terra sia riuscito a colpirlo al torace, o più semplicemente cerco una spiegazione pseudo-scientifica per giustificare la mia indignazione nel non vedere la madre di Midge sbucare alle spalle di Fangs con una pistola fumante tra le mani. Almeno Josie è inutile e basta, mentre Reggie è addirittura deleterio.

E ora arriviamo alla golden couple con la migliore genetica in town: Betty e Cheryl. Splendide da sole, meravigliose in coppia, io le amo e l’oggettività lascia un po’ il tempo che trova. A prescindere dal gusto personale però credo che sia stata una scelta azzeccata mettere Betty, ora così in dubbio sul padre, al fianco di Cheryl, che ha già affrontato i demoni che si stanno facendo largo nella mente della cugina. Il problema in questo caso è proprio che Betty sia così convinta dei suoi sospetti e che tutti gli indizi puntino dritti dritti su Hal, che è anche il mio sospetto numero uno, quando mancano ancora due interi episodi al finale. Davvero vogliono sbilanciarsi tanto, soprattutto su quel nome che è sempre stato al vertice della lista dei sospettati sin dall’inizio? Sarebbe probabilmente la peggiore mossa della storia, perché a nessuno piace attendere un’intera stagione per arrivare alla risposta più ovvia. O forse la verità sta nel mezzo, forse Hal è coinvolto ma è solo il braccio dietro una mente più grande: che dietro Black Hood ci potesse essere un team invece che un singolo è una teoria che avevo già sfiorato all’epoca di Svenson e della famosa foto dei vendicatori di Riverdale, quindi potrei caldamente riportarla in auge. Insomma se avete delle teorie vostre, parliamone.

E con questa “Shadow of a Doubt” ci avviamo leggiadri come delle gazzelle alla TOP 3:

  • L’ennesimo prova di Cheryl come scream queen ufficiale della serie: questa ragazza è meravigliosa anche nella sua estensione mascellare.

  • Quei cuccioli di koala degli Young Serpents perché sono semplicemente di una tenerezza infinita.
  • Photoshop, o il tecnico di photoshop in carica, perché i meriti dei professionisti vanno premiati e pochi al mondo avrebbero saputo rendere gli occhi di Hal di un verde nucleare Springfield così naturale e credibile.

Piccola nota a margine: quando è riapparso Joaquin ho esultato tantissimo senza nessuna ragione apparente. Sentivo di doverlo condividere con voi e se anche voi avete provato questo immenso e immotivato brivido fatemelo sapere nei commenti.


Vi lascio al promo della 2×21 e vi ricordo di passare a lasciare un like alla nostra pagina amica dove potete ammirare la nostra Betty Cooper in tutto il suo splendore anche fuori dal set.

LILI REINHART ITALIA

Related posts

The Originals | Recensione 1×17 – Moon over Bourbon Street

Mary'sWorld

Lucifer | Recensione 2×18 – The Good, the Bad, and the Crispy [SEASON FINALE]

ChelseaH

Supergirl | Recensione 2×03 – Welcome to Earth

WalkeRita

2 comments

MooNRiSinG
MooNRiSinG 6 Maggio 2018 at 10:58

Ci ho messo qualche giorno a commentare perché dovevo recuperare quel minimo di sanità mentale necessaria a non sclerare. Una puntata che fino a metà sembrava una palla colossale e che poi ha avuto un’impennata in calcio d’angolo.

Io voglio credere e sperare che gli autori non saranno così perfidi da regalarci un “comulo” (citazione trasversale Ornellesca che ci sta sempre bene) di speranze per poi farle spegnerle in maniera infame a solo un episodio di distanza. Come sai sono in completa fase di negazione e ho elaborato teorie su teorie per riuscire a far quadrare Al come Black Hood.

1) L’attacco alla Town Hall potrebbe essere stato opera di qualcun altro, tipo i mafiosi che vogliono vendicarsi di Archie e che son stati provvidenzialmente tirati fuori proprio in questo episodio.

2) Già in passato il Black Hood si è servito di intermediari, quindi Hal avrebbe potuto commissionare a qualcun altro l’attacco a Fred, in modo da sviare i sospetti della figlia. Peraltro questo andrebbe anche ad avvalorare la teoria del Black Hood come branco selvaggio.

Molto gradevole e gradita l’accoppiata Betty/Cheryl, la dea è sempre meravigliosa, sia in modalità investigatrice che in versione scream queen. Fra l’altro la visita del Black Hood a sua signoria sarebbe un altro indizio della colpevolezza di Hal, che era appena stato avvisato da Betty del coinvolgimento della ragazza nelle indagini… tutte queste briciole di pane mi terrorizzano, ho paura che gli autori facciano voltafaccia e tirino fuori un altro colpevole all’ultimo minuto. Il mio cuore ne uscirebbe devastato, roba che solo la tragica morte di Al riuscirebbe a farmi riprendere.

Sulla morte di Fang non c’è molto da dire, era un po’ un personaggio secondario come il due a briscola e dal fatto che fosse l’unico dei baby serpents a non aver ricevuto una caratterizzazione decente dovevamo intuire che sarebbe durato come un gatto in autostrada. Ora spero che gli autori sfruttino il ritorno di Joaquin per dare un po’ di spazio a Kevin, anche se la mia paura è che lo buttino al centro di un triangolo con Moose e che alla fine lui sceglierà proprio quest’ultimo.

A questi punti spero che facciano come l’anno scorso e che ci mollino la soluzione già nel prossimo episodio, lasciando l’ultimo come introduzione della terza stagione. Il mio cuore non riuscirebbe a reggere altre due settimane di hype.

Reply
Al
Al 7 Maggio 2018 at 11:56

Io quoto la tua teoria numero 2, non solo perché è quella che mi infonde più speranza sulla dipartita a breve termine di Hal, ma anche perché mi intriga la questione del Boia-team, che magari potrebbe sorprenderci con dei volti insospettabili (svelati ovviamente dopo la morte di Hal).
Però non è detto che la prima sia da escludere: forse Hermione era così scossa avendo intuito che i colpi non erano rivolti a Fred ma a lei?
Effettivamente, a parte Tony, né Fangs né Sweet Pea hanno avuto grande spazio singolarmente, quindi non è una morte così sofferta a livello di utilità,ma emotivamente è molto più sconvolgente di quella di Midge, perché i Serpents non lasceranno correre né si limiteranno a reagire con un articolo polemico come hanno fatto le cheerleader.
Anche io percepisco sempre con terrore l’arrivo di un triangolo amoroso, però in questo caso ci sono questioni irrisolte da entrambe le parti, quindi Kevin potrebbe davvero tentennare…
Sul finale la vedo anche io come te, a patto che mi diano una chiusura a Black Hood non banale. Voglio contemporaneamente che Hal sia il Boia, per toglierlo dai giochi, e che non lo sia, per non avere una soluzione così prevedibile… bipolarismo? XD

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle iniziative e sulle ultime news dal mondo delle serie tv