Riverdale 2×13 – In “Psycho” sembrava tutto più facile

Comincerei questo mio commento dall’ultima scena, perché i minuti finali dell’episodio hanno salvato in extremis una situazione che ormai stava degenerando nell’assurdità più totale. Non fraintendetemi, Hermione che si rivela il vero boss di casa Lodge e che ha organizzato tutta questa macchinazione solo per capire se Archie avesse effettivamente i requisiti per entrare a far parte della famiglia ha comunque sfiorato le vette più alte del trash, ma almeno ha dato un “senso” a tutta la situazione con l’agente Adams. Ho passato gran parte dell’episodio sospirando e alzando gli occhi al cielo ogni volta che Adams entrava in scena con la sua tenuta da Osservatore di “Fringe”, chiedendomi come accidenti fosse possibile che l’FBI puntasse tutto su quella trota lessa di Archie Andrews, pensando a quanto fosse ridicolo il fatto che un uomo se ne andasse bellamente in giro per una cittadina di provincia con un impermeabile e un cappello anni ’40 senza destare il minimo sospetto, e finalmente mi è stata data una spiegazione che, per quanto altrettanto borderline, almeno ha una minima parvenza di credibilità. Finalmente abbiamo chiuso la parentesi FBI, al nuovo capitolo ci penseremo la prossima volta.

In generale devo dire che tutta la questione Lodge, che all’inizio mi intrigava parecchio, ora invece mi sta annoiando. Sarà perché il fronte Cooper si sta dimostrando ben più interessante, sarà perché stanno tirando troppo per le lunghe questa storia senza dare indizi per capire quale direzione voglia effettivamente prendere, ma tendo ormai a fissare la barra della riproduzione per capire quanto manca alla fine dell’episodio quando loro sono in scena. Non capisco minimamente Veronica e questo suo pseudo doppio gioco: se davvero si ritiene troppo buona per seguire fino in fondo i metodi poco convenzionali dei suoi genitori, perché allora ha deciso di entrare negli affari di famiglia? È ormai chiaro che sia a conoscenza del piano in tutti i suoi dettagli, e che lo fosse fin dall’inizio, quindi, per favore, che faccia chiarezza nella sua testa e decida da che parte vuole stare una volta per tutte.

Tutt’altra storia per quanto riguarda i Cooper e i Jones. Da shipper Bughead ho ovviamente apprezzato la scorsa puntata, ma ancora di più quest’episodio perché finalmente c’è stato un riavvicinamento tra i due che mi ha ricordato molto la complicità della prima stagione: Betty si è confidata con Jughead e il ragazzo ha fatto di tutto per aiutarla, come una coppia dovrebbe effettivamente fare. Che dire poi dell’intervento di FP… su quella stretta di mano ci posso campare altri dieci episodi e alimentare le mie fantasie più sfrenate.

Chi come me ha sperato che a quel “our own” aggiungesse “son” alzi la mano

In questa storyline, con tutti i limiti del caso, c’è molta più credibilità: l’ansia di Betty, il piccolo momento di panico quando sembra che l’auto non ne voglia sapere di andare a fondo (perché non è tutto facile come nei film…) e l’affidare il compito più gravoso a un adulto che ha un minimo di esperienza invece che lasciare tutto nelle mani di due ragazzini del liceo. Gli attacchi di panico di Betty e la faccia sconvolta di Jug non hanno niente a che fare con Archie che, per una non meglio precisata ragione che probabilmente si trova da qualche parte tra le mutande e il reggiseno di Veronica, improvvisamente crede che Hiram Lodge sia un bravo ragazzo e che essere un mafioso sia uno stile di vita accettabile tanto quanto il giardiniere.

Anche il personaggio di Chic non ha deluso le mie prime impressioni. Ad essere sincera, la penso come Hal: quel ragazzo nasconde una marea di segreti e sicuramente non è indifeso e spaventato come vuole far credere, ma ciò è solo un valore aggiunto. Mi piace il paragone che stanno intessendo con Betty: all’apparenza i due sono entrambi persone fragili con un lato oscuro che tenta di emergere, ma la reazione di Betty fa capire quanto il fratello sia sceso ben più in profondità e abbia abbracciato la sua parte di ombra. Il desiderio di Chic di avere una famiglia è più che comprensibile, ma sembra disposto a tutto pur di ottenerla, e Hal ovviamente non è compreso nell’equazione. Attendo con ansia il momento in cui Chic e FP si incontreranno.

E ora passiamo alla classifica della settimana, che per l’occasione sarà una FLOP 3, perché certe cose non devono restare impunite:

  • Hiram Lodge che si preoccupa più degli articoli di Jughead e del giornalino della scuola che delle inchieste di grandi testate giornalistiche, sempre per restare in tema con la grande credibilità di questa storyline…
  • Veronica che vomita su Archie tutte le sue preoccupazioni: siamo passati dal “non riesco a dire ti amo” a dirlo come fosse un’alternativa al “grazie”, dal “non voglio coinvolgerlo nei nostri affari di famiglia” a “mio padre è un mafioso e penso che abbia ucciso il suo socio” – la coerenza è andata a quel paese…
  • Penelope e Hal che semplicemente tirano fuori la mia Summer Roberts interiore:

Menzione d’onore a Cheryl, che non sta ricevendo l’attenzione che merita, ma che quando esce dall’ombra brilla sempre come una dea!

Il promo della 2×13 promette un altissimo tasso di ormoni, un classico da teen drama americano quando il gruppetto di amici decide di prendersi un weekend di relax senza genitori (come se quando fossero a casa loro avessero costrizioni…); se dopo averlo visto anche voi state mentalmente intimando a Veronica di staccare quelle mani dalla faccia di Jug, lasciatemi un commento qui sotto.

Ricordatevi di passare da queste pagine dedicate alla serie

 COLE SPROUSE ADDICTED

LILI REINHART ITALIA




Continua a seguire Telefilm Addicted su Facebook e Telefilm Addicted su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news e iniziative.

Al
Ingegnere e bionda, borderline per definizione. Galleggia sul mare del disagio quotidiano grazie alla passione per libri e serie TV. Il suo motto nella vita resterà sempre “Save the cheerleader. Save the world”.

4 Comments

  1. Sara

    11 febbraio 2018 at 12:39

    Ciao:) leggo da molto le tue recensioni ma è la prima volta che ti scrivo.
    Complimenti davvero per la tua recensione! Hai riassunto davvero bene anche il mio pensiero. Onestamente tutta questa storia della famiglia Lodge ha un po’ stufato e soprattutto Veronica che da personaggio interessante si è trasformato in personaggio quasi odioso (quando ho visto il promo della prossima puntata ho solo pensato che ci mancano i Jeronica e non seguirò più la serie.) Sicuramente il bacio a Jug sarà per vendicarsi del bacio di Betty e Archie. Archie non pervenuto perchè onestamente sarà anche un po’ la recitazione di KJ che lascia desiderare ma ogni volta che arriva sullo schermo non mi da nulla e ha sempre questa espressione accigliata da che diavolo sto facendo?! Per fortuna che questo capitolo con l’agente Adams FBI è conclusa perchè non mi stava appassionando.
    Le vicende della famiglia Cooper/Jones molto più interessanti e mi tengono incollata allo schermo. Sono una Bughead fino al midollo quindi vedere Betty&Jug di nuovo così affiatati mi riempie il cuore. Come lei si affida a lui raccontando la verità e chiedendo sostegno<3 Sono la perfezione insieme.
    FP e Alice la prima piccola gioia con le mani che si sfiorano.
    E ora sono tutti complici di questo omicidio speriamo non gli si ritorci contro.
    Ancora complimenti e ora dovremo aspettare fino al 7 marzo. Sarà un lunghissimo mese xD

    • Al

      Al

      12 febbraio 2018 at 10:04

      Ciao e grazie 🙂
      Il personaggio di Archie non è mai stato, a mio parere, particolarmente brillante, vuoi appunto per la recitazione di KJ Apa o perchè il suo personaggio è sempre risultato un po’ piatto, però in questa stagione ha raggiunto nuovi livelli di inutilità. A differenza del suo compagno invece Veronica all’inizio mi piaceva e pensavo veramente che, come le prime puntate avevano fatto sperare, si opponesse ai suoi genitori; purtroppo non è successo, ma non solo, ha pure iniziato a fare questo starno doppio gioco… tutto molto confuso, ma francamente sto anche perdendo interesse nel capire se prima o poi si sbroglierà la matassa.
      Come ho scritto e come vedo è opinione abbastanza condivisa, Cooper/Jones: TUTT’ALTRA STORIA. Da un lato spero che questa storia non abbia ripercussioni gravi, dall’altro invece voglio vedere ancora questo team all’azione e effettivamente questa squadra omicidi mi piace! La presenza di Chic non promette nulla di buono, quindi suppongo ci vorrà un’azione combinata per arginare eventuali problemi.
      Sarà un’attesa lunghissima,non ci voglio pensare…
      Intanto grazie ancora del commento 🙂

  2. L@ur@

    11 febbraio 2018 at 23:35

    FpAlice is the new Bellarke… Ci hanno dato la stretta di mano dopo 23 episodi, facciamocela bastare, sperando non ne passino altrettanti prima della prossima mossa!
    Io sono sicura che Chic sia figlio di FP, e sono sicurissima che, una volta che Alice avrà capito che il figlio è pazzo, chiederà proprio a Fp di aiutarla ad “occuparsi” di lui…
    Felice che si sia chiusa la parentesi FBI, per me era assurda, e scoprire che c’è Hermione dietro, seppure trash e assurda, è comunque una soluzione che accetto più volentieri di un agente che va in giro a minacciare un ragazzino chiedendogli di fare la talpa.
    Tralasciando Hiram, le due donne Lodge hanno subito un cambio troppo drastico, Hermione la stagione scorsa sembrava una ragazzina alla prima cotta, ora è una spietata donna d’affari…
    Veronica per me ha perso tutto l’appeal, supporta i genitori nel loro piano ma poi va da Sierra ad avvisarla, non capisco.

    Molto meglio il fronte Cooper Jones. Trama gestita bene, reazioni verosimili, sono felice che Betty abbia detto tutto a Jug, e ancora più felice che si siano affidati a Fp, appunto tutto molto sensato.

    Che dire, appuntamento al 7 marzo, che strazioooooooooooo

    • Al

      Al

      12 febbraio 2018 at 10:47

      Siamo destinate alle ship che non decollano, dove il massimo che possiamo aspettarci sono le dita che si sfiorano – Rothenberg ha rovinato la mia vita. Mancano più di due mesi a The 100, risparmiamo le energie… anche se pure questo mese senza Riverdale sarà difficile da gestire.
      Mi piace la tua teoria su Chic! Come scrivevo anche in risposta a Sara, credo anche io che questo non sia l’unico guaio portato da Chic e che servirà la task force Cooper/Jones per arginare la situazione. Che lui sia figlio di FP poi ormai non ho più dubbi, è un dato di fatto come i parrucchini di Clifford Blossom. Condividiamo il fatto che stiano gestendo l’affare Lodge in maniera pessima, sia come intreccio della trama che come sviluppo dei personaggi. Riverdale è un teen drama e non ha troppe pretese, però anche con queste premesse, anche con tutto il trash e le situazioni assurde che possono inserire, ci sono dei limiti; almeno hanno chiuso la storia con l’FBI perchè quella era veramente l’apice.
      Attendiamo e speriamo.
      Grazie come sempre del commento 🙂

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.